Altri Sport Interviste AltriSport Notizie

La Ducati di Dovizioso prima in prova ad Assen

Andrea Dovizioso su Ducati ha conquisto la pole ad Assen (foto Ducati Press).
Andrea Dovizioso su Ducati ha conquisto la pole ad Assen (foto Ducati Press).

Un fantastico Andrea Dovizioso conquista la pole position sul circuito di Assen dove mette in fila tutti gli avversari nelle prove ufficiali in Moto Gp su circuito olandese. Al secondo posto, alle spalle del Dovi – che ferma il crono sul 1’45’’246 – si piazza Valentino Rossi su Yamaha a 0″715 mentre terzo arriva un altro ducatista, Scott Redding sulla GP15 a 0’’351. Quarto in queste prove uno dei contendenti al trono in Moto Gp, ovvero Marc Marquez su Honda mentre è nono Andrea Iannone sull’altra moto ufficiale del Ducati Team. Appena undicesimo lo spagnolo Lorenzo su Yamaha, secondo in classifica alle spalle di Marquez e davanti a Rossi.

Andrea Sovizioso ha ottenuto infatti il miglior crono assoluto durante il suo ultimo giro del turno di qualifica, disputato con asfalto bagnato. Dovizioso ha utilizzato pneumatici rain nelle Q2 mentre il suo compagno di squadra Andrea Iannone ha preferito scendere in pista con gomme intermedie a metà turno ed ha ottenuto il nono tempo in 1’47”567. Il pilota di Vasto partirà comunque dall’ultima fila domani a causa della penalizzazione ricevuta al termine del GP di Catalunya.

Questa mattina le FP3 si erano disputate in condizioni di asciutto e Dovizioso aveva ottenuto il miglior tempo in 1’33”308, mentre Iannone aveva utilizzato per tutta la sessione pneumatici usati, in ottica gara, e si era classificato al nono posto a circa cinque decimi dal suo compagno di squadra. Entrambi i piloti ufficiali Ducati si erano così garantiti il passaggio diretto alle Q2 del pomeriggio. Dopo un turno di FP4 disputato sotto la pioggia e concluso con Iannone sesto e Dovizioso dodicesimo, i due piloti italiani sono scesi nuovamente in pista per la sessione di Q2 al termine della quale Dovizioso ha conquistato la sua prima pole position dell’anno. Ecco le dichiarazioni dei piloti del Ducati Team al termine delle prove ufficiali.

L'indaffaratissimo box Ducati lavora sulla moto di Andrea Dovizioso ad Assen (foto Ducati Press)
L’indaffaratissimo box Ducati lavora sulla moto di Andrea Dovizioso ad Assen (foto Ducati Press)

Andrea Dovizioso. «Sono molto contento del lavoro che abbiamo fatto in questi quattro turni. Stamattina sull’asciutto siamo stati i più veloci, con un buon passo, ma oggi pomeriggio non era tanto una questione di velocità sul bagnato ma piuttosto di essere pronti ad analizzare bene la situazione, che cambiava in continuazione. Noi avevamo deciso una strategia con una sola uscita, perché non sembrava che la pista si stesse asciugando, ma dopo due giri ho visto che iniziava a esserci qualche linea asciutta e, anche se stava ancora gocciolando, ho deciso di fermarmi a montare una posteriore rain nuova, nonostante questo non fosse stato concordato con la squadra. Rientrato in pista sono stato anche fortunato a accodarmi a Rossi: io avevo già individuato le curve dove potevo spingere come sull’asciutto, mentre nelle altre ho seguito la sua scia. Come sempre sarà difficile lottare con il gruppo di testa, ma domani ci proveremo».

Andrea Iannone partirà in ultima fila ad Assen (foto Ducati Press).
Andrea Iannone partirà in ultima fila ad Assen (foto Ducati Press).

Andrea Iannone. «Credo che oggi sia stata una giornata molto positiva per noi, perché questa mattina abbiamo fatto tutto il turno utilizzando delle gomme usate e percorrendo complessivamente una distanza superiore a quella che affronteremo in gara. Nonostante questo abbiamo chiuso il turno con un buon tempo e soprattutto un buon ritmo, il che significa che in condizioni di asciutto siamo competitivi. Sul bagnato invece abbiamo un po’ più di difficoltà perché l’anteriore tende a chiudersi, ma tutto sommato nei pochi giri che ho percorso in FP4 non siamo andati male. Per quanto riguarda la qualifica, dato che non avevo nulla da perdere, ho provato a fare una strategia un po’ diversa utilizzando le coperture intermedie. Purtroppo non ha funzionato come speravo, anche se credo che con un giro in più a disposizione avrei potuto sicuramente essere più veloce. Ad ogni modo siamo pronti per la gara, e anche se partiamo dall’ultima posizione, faremo del nostro meglio per ottenere un buon risultato».