Bologna Calcio Notizie

Un imperativo: muovere la classifica

Riccardo Orsolini ha colpito due legni in stagione (Foto pagina Facebook Official Orsolini).
Riccardo Orsolini ha colpito due legni in stagione (Foto pagina Facebook Official Orsolini).

Bologna e Milan, in un freddo martedì sera, scenderanno in campo al Dall’Ara nella sfida che, domani, chiuderà la 16ª giornata di Serie A.

Una sfida delicata per entrambe le compagini e soprattutto per i rispettivi allenatori: Filippo Inzaghi è stato confermato ma resta pericolosamente traballante, mentre Gattuso deve far fronte alla clamorosa eliminazione rimediata in Europa League sul campo dell’Olympiakos Atene.
Momento complicato anche fuori dal rettangolo di gioco: il subbuglio nell’ambiente bolognese è culminato nell’incredibile e vergognoso gesto di venerdì pomeriggio al Galli. Di contro, il club rossonero è stato pesantemente punito dalla UEFA per aver violato le regole del FPF, con sanzioni economiche – 12 milioni di euro – e pesanti limitazioni alla rosa per le prossime stagioni, ovvero al massimo 19 giocatori iscritti alle Coppe, giovani esclusi.

Una classica del nostro campionato, come dimostrano i numerosi precedenti: negli 80 confronti nella massima serie disputati sinora il Bologna si è imposto per 32 volte, anche se l’ultimo successo risale al 2-0 della stagione 2001-02. Sono 20 i pareggi, con il pirotecnico 3-3 del campionato 2013-2014 quale ultimo precedente, mentre l’1-2 della scorsa stagione corrisponde al 28º e ultimo successo dei rossoneri sotto le Due Torri.

Tra infortuni e rientri dalle squalifiche, il tecnico del Bologna Filippo Inzaghi dovrebbe apportare qualche cambiamento all’undici sceso in campo dal 1’ al Castellani contro l’Empoli: la retroguardia ritrova Calabresi, pronto a prendere il posto di Gonzalez e ad affiancarsi a Danilo ed Helander.
La cabina di regia sarà invece orfana di Erick Pulgar, out contro Milan e Parma e a rischio per le sfide contro Lazio e Napoli: al suo posto spazio ad Adam Nagy, protagonista ad Empoli di una delle migliori partite dal suo approdo in rossoblù.
L’ex Poli agirà nel ruolo di interditore, ballottaggio Orsolini-Svanberg per l’ultima maglia da interno del centrocampo, con l’Under 21 azzurro al momento leggermente favorito. Sulle corsie esterne Mattiello agirà a destra, mentre a sinistra la febbre blocca Dijks, con Krejci che potrebbe dunque essere confermato sulla sinistra.
A completare l’undici iniziale la coppia offensiva Palacio-Santander, chiamata a pungere una retroguardia avversaria incerottata.

Defezione è la parola d’ordine in casa Milan, con Righio Gattuso costretto a far fronte da inizio stagione ad una vera e propria ecatombe: contro il Bologna dovrebbero infatti mancare ben 6 giocatori.
Milan che dovrebbe schierarsi con il 4-4-2: Cutrone ed Higuain non stanno vivendo il loro momento migliore, ma restano due attaccanti con il gol addosso e dunque da tenere sotto stretta sorveglianza. Suso e Calhanoglu sono croce e delizia – soprattutto il secondo – del pubblico milanista: sono giocatori dall’indubbio talento ma difettano decisamente in continuità. Invece Abate, schierato come centrale di difesa, rappresenta il chiaro segnale di una difesa in emergenza, come dimostrato recentemente nella sfida di Atene. Ecco le probabili formazioni.

BOLOGNA (3-5-2):Skorupski; Calabresi, Danilo, Helander; Mattiello, Poli, Nagy, Orsolini, Krejci; Palacio, Santander. All. F. Inzaghi.
MILAN (4-4-2):Donnarumma; Calabria, Abate, Zapata, G. Rodriguez; Suso, Kessiè, Bakayoko, Calhanoglu; Cutrone, Higuain. All. Gattuso.

Arbitro: Fabio Maresca di Napoli. Assistenti: Lorenzo Manganelli (Valdarno) e Ciro Carbone (Napoli). IV Uomo: Michael Fabbri (Ravenna). Var: Paolo Valeri (Roma2). Avar: Filippo Meli (Parma).

About the author

Riccardo Rimondi

Nato a Bologna nel 1995, aspirante giornalista, in passato ha scritto per Calcio Estero News e tuttora collabora con Sport House: da Dicembre 2015 ha iniziato la propria esperienza con Tempi Supplementari Sport Bologna.
Tifosissimo (ovviamente) del Bologna in Italia, mentre per quel che concerne il calcio internazionale è un sostenitore del Tottenham in Inghilterra, dell'Athletic Bilbao in Spagna e del St.Pauli in Germania.