Bologna Calcio Notizie

Missione impossibile

Filippo Inzaghi (Foto Carlino)
Filippo Inzaghi (Foto Carlino)

Ultima giornata del girone d’andata di Serie A, terza gara in una settimana: il Bologna sarà ospite del Napoli nel turno che precederà la sosta di venti giorni del massimo campionato, prima del primo turno di ritorno.

Rischia di essere al capolinea l’avventura di Filippo Inzaghi sulla panchina felsinea: la sfida in terra campana potrebbe rappresentare una complicatissima ultima spiaggia per il tecnico piacentino, Donadoni e Mihajlovic le ipotesi più calde in caso di esonero. Il treno salvezza resta per fortuna a portata del Bologna: alla dirigenza una scelta comunque difficile. Un nuovo tecnico oppure provare, con adeguati rinforzi sul mercato, a proseguire con il profilo scelto in estate?

Al San Paolo si sfideranno due squadre non certo in salute. Il Napoli che sognava lo scudetto ora è a 9 punti dalla Juventus e ha perso a Milano con l’Inter. Insomma un brutto passo falso: i partenopei sono usciti sconfitti nel big-match di giornata contro l’Inter e sono davvero lontani, anche mentalmente, dalla vetta. Nervi tesi nel concitato finale di Milano: a farne le spese con un cartellino rosso Insigne e Koulibaly, graziati invece Mario Rui e Callejon, protagonisti di veementi proteste al termine della contesa nei confronti del fischietto Mazzoleni.

I precedenti sorridono ai padroni di casa: 27 i successi nei 59 confronti al San Paolo in Serie A, l’ultimo dei quali giunto in rimonta (3-1), praticamente un anno fa, a gennaio 2018, curiosamente con un arbitraggio a dir poco rivedibile – ma nettamente a favore del Napoli – dello stesso Mazzoleni. Sono 23 i pareggi, il più recente risale all’1-1 della stagione 2011/12: 9 i successi ospiti, l’ultima gioia al San Paolo porta la firma di Portanova, al rientro dopo 4 mesi di stop per calcioscommesse e protagonista in mischia della decisiva marcatura del 3-2.

Capitolo formazioni: oltre alle assenze forzate di Insigne e Koulibaly, Ancelotti farà a meno di capitan Hamsik, uscito per infortunio muscolare contro l’Inter.
Diversi ballottaggi aperti per il tecnico reggiano: Maksimovic avvantaggiato su Luperto per affiancare Albiol, ballottaggio Hysaj-Malcuit sulla fascia destra di difesa, Diawara-Zielinski per una maglia in mezzo al campo e Ounas-Callejon come esterno di centrocampo. In avanti coppia obbligata Mertens-Milik, pronti dalla panchina Ounas e Verdi.

Lo stesso Inzaghi potrebbe apportare qualche fisiologico cambio all’undici titolare sceso in campo contro la Lazio. Pulgar insidia in cabina l’ungherese Nagy, sulla sinistra spazio ad uno tra Dijks e Mbaye, mentre in avanti non è da escludere l’esordio del tandem Palacio-Destro, mai assieme in quest’inizio di stagione, al posto di un Okwonkwo bocciato contro la Lazio e di un Santander davvero giù di corda.Da valutare le condizioni di Falcinelli e Dzemaili: l’eventuale assenza di quest’ultimo potrebbe costringere agli straordinari Poli e Svanberg in mezzo al campo. Ecco le probabili formazioni in campo domani alle 18 al San Paolo.

NAPOLI (4-4-2): Meret; Hysaj, Albiol, Luperto, Ghoulam; Callejon, Allan, Diawara, F.Ruiz; Milik, Mertens. All. Ancelotti.
BOLOGNA (3-5-2): Skorupski; Calabresi, Danilo, Helander; Mattiello, Poli, Nagy, Svanberg, Mbaye; Palacio, Santander. All. F. Inzaghi.

Arbitro: Gianpaolo Calvarese di Teramo. Assistenti: Mauro Galetto (Rovigo) e Dario Cecconi (Empoli). IV Uomo: Antonio Giua (Olbia). Var: Daniele Doveri (Roma1). Avar: Sergio Ranghetti (Chiari).

About the author

Riccardo Rimondi

Nato a Bologna nel 1995, aspirante giornalista, in passato ha scritto per Calcio Estero News e tuttora collabora con Sport House: da Dicembre 2015 ha iniziato la propria esperienza con Tempi Supplementari Sport Bologna.
Tifosissimo (ovviamente) del Bologna in Italia, mentre per quel che concerne il calcio internazionale è un sostenitore del Tottenham in Inghilterra, dell'Athletic Bilbao in Spagna e del St.Pauli in Germania.