Bologna Calcio Notizie

Un sogno chiamato Coppa Italia

Filippo Inzaghi (foto pagina Facebook Bfc)
Filippo Inzaghi (foto pagina Facebook Bfc)

Insolito turno di Coppa Italia: solitamente calendarizzata durante la settimana, la seconda competizione professionistica nazionale vedrà gli ottavi di finale giocarsi durante il week-end in arrivo, con il Bologna pronto ad ospitare la Juventus, detentrice del trofeo da quattro anni.
La formula è la stessa: gara secca, in caso di parità al termine dei 90 minuti tempi supplementari e, in caso di ulteriore parità, destino del turno affidato ai calci di rigore.

La serata del Dall’Ara vivrà il più classico Davide contro Golia: da un lato una compagine in difficoltà e con il chiaro intento di raggiungere la salvezza in campionato, anche grazie ad un mercato di riparazione da protagonista, dall’altra parte una squadra costruita per fare incetta di trofei in ambito nazionale e internazionale. E, soprattutto, con 17 vittorie e 2 pari in un campionato che dominato è dir poco.

Precedenti poco piacevoli in Coppa Italia: nelle sei occasioni in cui la Juventus è stata ospite al Dall’Ara sono arrivati 2 pareggi e 4 sconfitte, anche se l’ultima delle quali, giunta di misura per 0-1 nel 1999, è comunque valsa l’accesso alla semifinali grazie al successo per 2-1 nel match d’andata al Delle Alpi.

Vera e propria moria a livello di formazione per il Bologna, in particolare a centrocampo: mancheranno sicuramente Santander, tenuto a riposo a scopo precauzionale in vista della Spal, Dzemaili, Nagy, Paz (da valutare all’inizio della prossima settimana) e Poli per squalifica, mentre recupera in extremis Pulgar, evitando ad Inzaghi di ritrovarsi senza alcun vertice basso in mediana.

Tra i pali spazio al portiere di Coppa Da Costa, in difesa si va verso la conferma del tridente titolare, con il solo Gonzalez che potrebbe insidiare la titolarità di Calabresi: vero e proprio rebus a centrocampo, possibile esordio da titolare per Soriano e quello stagionale per Donsah, con Svanberg e Orsolini pronti a dar manforte dalla panchina, mentre ai lati della mediana dovrebbero trovare posto Mattiello e Dijks.

Staffetta nel reparto offensivo: Santander fuori dal primo minuto e Falcinelli al centro di numerose voci di mercato sembrano spingere verso la coppia Sansone-Palacio, con Destro pronto ad essere impiegato in corso d’opera, ma non è da escludere l’argentino in coppia proprio con il numero 22 del Bologna.

Allegri, invece, dovrà far fronte all’impegno di Supercoppa contro il Milan, in programma mercoledì pomeriggio – in Italia – a Jeddah, località sul Mar Rosso situata in Arabia Saudita: Szczesny torna tra i pali, in difesa si va verso la coppia centrale Bonucci-Rugani, supportata ai lati da De Sciglio e, probabilmente, da Spinazzola, al centro di una trattativa che potrebbe portarlo proprio in rossoblù. A centrocampo è pronto a tirare il fiato Pjanic, con il tedesco Emre Can al suo posto: Khedira e Matuidi a completare la mediana. In avanti il recentissimo infortunio di Mandzukic potrebbe costringere agli straordinari Cristiano Ronaldo, coadiuvato ai lati da Dybala e Kean, rispettivamente in vantaggio su Bernardeschi e Douglas Costa.

BOLOGNA (3-5-2):Da Costa; Calabresi, Danilo, Helander; Mattiello, Donsah, Pulgar, Soriano, Dijks; Sansone, Palacio. All. F. Inzaghi.
JUVENTUS (4-3-3):Szczesny; De Sciglio, Rugani, Bonucci, Spinazzola; Khedira, E. Can, Matuidi; Dybala, Cristiano Ronaldo, Kean. All. Allegri.

Arbitro: Federico La Penna di Roma1. Assistenti: Lorenzo Gori (Arezzo) e Christian Rossi (La Spezia). IV Uomo: Antonio Rapuano (Rimini). Var: Gianpaolo Calvarese (Teramo). Avar: Alessandro Lo Cicero (Brescia).

About the author

Riccardo Rimondi

Nato a Bologna nel 1995, aspirante giornalista, in passato ha scritto per Calcio Estero News e tuttora collabora con Sport House: da Dicembre 2015 ha iniziato la propria esperienza con Tempi Supplementari Sport Bologna.
Tifosissimo (ovviamente) del Bologna in Italia, mentre per quel che concerne il calcio internazionale è un sostenitore del Tottenham in Inghilterra, dell'Athletic Bilbao in Spagna e del St.Pauli in Germania.