Bologna Calcio Notizie

Caccia al Grifone

Federico Santander (Photo by Mario Carlini / Iguana Press/Getty Images)
Federico Santander (Photo by Mario Carlini / Iguana Press/Getty Images)

Pranzo domenicale al Dall’Ara per Bologna e Genoa, protagoniste del lunch match della 23ª giornata di Serie A.Uno snodo importantissimo per la stagione dei padroni di casa: un successo contro il Grifone darebbe continuità al colpaccio del Meazza, permettendo di sopravanzare l’Empoli e di abbandonare quella zona retrocessione occupata ininterrottamente da 76 giorni a questa parte. Inoltre, alla luce delle avversarie di turno delle competitor per la salvezza – Frosinone, Udinese, Spal e Cagliari saranno tutte in trasferta contro squadre alla ricerca di un piazzamento europeo – i tre punti renderebbero la classifica nei bassifondi ancora più compatta.
L’avversario di turno non sembra aver risentito dei 3 allenatori sinora transitati sulla propria panchina e soprattutto della cessione invernale di Piatek al Milan: anzi, con Prandelli i liguri sembrano aver trovato una quadratura definitiva e l’acquisto di Sanabria appare, in prospettiva, l’ennesimo colpo offensivo destinato a tramutarsi in plusvalenza.
I 43 precedenti disputati allo stadio Dall’Ara dall’introduzione del girone unico sorridono al Bologna: 22 i successi, l’ultimo dei quali maturato lo scorso anno grazie alla coppia Destro-Falletti. Sono 17 i pareggi, il più recente da ricondurre ad un noioso 0-0 di maggio 2013 tra due squadre senza più nulla da chiedere al campionato, mentre Simeone, nell’ottobre 2016, firmò il quarto e ultimo successo ligure sotto le Due Torri, decidendo una sfida condizionata da una direzione di gara da parte di Maresca a dir poco discutibile.
Capitolo formazioni: rispetto all’undici sceso in campo dall’inizio a Milano, Sinisa Mihajlovic dovrebbe apportare diversi cambiamenti, dettati soprattutto dagli infortuni. Partendo dalla difesa, con Gonzalez pronto a rilevare lo sfortunato Lyanco e Calabresi al posto di Mbaye sulla fascia destra, nonostante la buona prova offerta dal senegalese contro Perisic al Meazza. Solo panchina per Helander e Mattiello, al rientro dalle rispettive squalifiche.
Confermato il trio di centrocampo, mentre in avanti aleggia il dubbio Santander: con il paraguaiano in campo ai suoi lati troveremmo il rientrante Sansone e Palacio. In assenza del Ropero spazio al tridente brevilineo: l’argentino verrebbe impiegato come prima punta, con Edera sulla destra e Sansone a sinistra, con Destro destinato in entrambi i casi a trovare spazi solo a gara in corso.
Schieramento simile per Prandelli, anch’esso alle prese con alcuni dubbi di formazione. Con l’ex Bessa in campo nelle vesti di trequartista spazio ad un 4-2-3-1 completato in avanti da Lazovic e Kouame a supporto di Sanabria, ma il brasiliano non è al meglio e dunque attenzione ad un possibile 4-3-3 con Rolon a rimpolpare la mediana.
In difesa mancherà per squalifica Romero, già acquistato dalla Juventus per giugno: al suo posto il tedesco Gunter, ex Borussia Dortmund e Galatasaray.

Ecco le probabili formazioni e la direzione arbitrale.
BOLOGNA (4-3-3):Skorupski; Calabresi, Danilo, Gonzalez, Dijks; Poli, Pulgar, Soriano; Palacio, Santander, Sansone. All. Mihajlovic.
GENOA (4-2-3-1): Radu; Biraschi, Gunter, Zukanovic, Criscito; Lerager, Radovanovic, Lazovic, Bessa, Kouame; Sanabria. All. Prandelli.

Arbitro: Gianluca Rocchi di Firenze. Assistenti: Alfonso Marrazzo (Frosinone) e Filippo Valeriani (Ravenna). IV Uomo: Francesco Fourneau (Can B, Roma1). Var: Daniele Doveri (Roma1). Avar: Pasquale De Meo (Foggia).

About the author

Riccardo Rimondi

Nato a Bologna nel 1995, aspirante giornalista, in passato ha scritto per Calcio Estero News e tuttora collabora con Sport House: da Dicembre 2015 ha iniziato la propria esperienza con Tempi Supplementari Sport Bologna.
Tifosissimo (ovviamente) del Bologna in Italia, mentre per quel che concerne il calcio internazionale è un sostenitore del Tottenham in Inghilterra, dell'Athletic Bilbao in Spagna e del St.Pauli in Germania.