Sab. Set 25th, 2021

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Andrea Dovizioso in gara a Le Mans (foto Ducati Press)

Sul circuito francese di Le Mans, la Ducati – che pure aveva iniziato molto bene la gara con Andrea Iannone e Andrea Dovizioso – non ha concluso la prova del MotoMondiale con nessuna delle due gare. Infatti, un Andrea Iannone scatenato è scivolato a terra proprio mentre stava per tentare un attacco al capofila Lorenzo (che proprio in questi giorni è stato presentato dalla sua nuova squadra) cui stava recuperando decimi su decimi. Invece non ha concluso per l’ennesima volta la sua gara Andrea Dovizioso, davvero sfortunato: anche lui è scivolato poco dopo essere stato superato da Valentino Rossi e mentre era in lizza per un posto sul podio con Marc Marquez, anche lui volato a terra – ma senza alcun contatto tra i due – nello stesso momento di Dovizioso. La gara è stata vinta da Lorenzo, secondo Valentino Rossi, entrambi su Yamaha, mentre al terzo posto si è piazzato Vinales su Suzuki. In classifica guida sempre Lorenzo su Yamaha con 99 punti, davanti a Marquez (Honda) 85 punti e Valentino Rossi (Yamaha) 78 punti. Ecco le dichiarazioni dei due piloti del  Ducati Team di Borgo Panigale.

Andrea Dovizioso prova a spiegare le ragioni della sua scivolata (foto Ducati Press)
Andrea Dovizioso prova a spiegare le ragioni della sua scivolata (foto Ducati Press)

Andrea Dovizioso: «È un vero peccato perché avevamo azzeccato la strategia giusta riuscendo a partire bene. Ero nel gruppo che inseguiva Lorenzo e stavo cercando di capire dove sarebbe stato possibile provare ad attaccare Rossi, ma all’ingresso della curva 7 la gomma anteriore ha perso aderenza e mi sono ritrovato in terra. Analizzando la telemetria abbiamo visto che avevo un angolo di piega superiore solo di due gradi rispetto ai passaggi precedenti ma, al di la di questo, le gomme stavano funzionando piuttosto bene questo weekend. Purtroppo però è una loro caratteristica quella di non dare avvertimenti quando perdono aderenza, e quindi sono scivolato. La prestazione di oggi ci ha dato dei feedback importanti per il futuro, perché ci ha dimostrato che possiamo essere veloci, ma non per tutta la durata della gara. Adesso dobbiamo lavorare per trovare una maggiore costanza di rendimento, e poi andremo a cercare la prestazione pura».

Andrea Iannone in gara a Le Mans (foto Ducatipress)
Andrea Iannone in gara a Le Mans (foto Ducatipress)

Andrea Iannone: «Sono molto dispiaciuto perché cadere in gara, soprattutto dopo un weekend in cui siamo stati sempre competitivi e performanti, fa veramente male. È molto strano quello che mi è successo, perché ho forzato molto più nei primi giri per cercare di superare Dovizioso in frenata che non quando ero dietro a Lorenzo e stavo cercando di ridurre il mio gap. Ma il comportamento della gomma anteriore è sempre difficile da prevedere e non sai mai quanto ti puoi fidare. Nonostante la caduta abbiamo dimostrato di essere molto veloci, anche se non siamo riusciti a portare a casa nessun punto: adesso però dobbiamo assolutamente migliorare alcuni aspetti che non ci permettono ancora di essere costanti per tutta la gara».

Ha parlanto anceh il Direttore Generale di Ducati Corse, Luigi Dall’Igna: «Un doppio ritiro è sempre un risultato molto pesante da accettare, soprattutto in un weekend in cui la Desmosedici GP ed entrambi i nostri piloti avevano dimostrato un’ottima competitività. Se vogliamo però trovare un aspetto positivo possiamo dire che, dopo un Gran Premio di Spagna a Jerez molto difficile per noi, qui a Le Mans siamo finalmente tornati a lottare sia in prova, sia in gara per le prime posizioni. Adesso dobbiamo cercare di archiviare in fretta la delusione di oggi e concentrarci sulla nostra gara di casa, il Gp del Mugello, dove faremo il massimo per dare soddisfazioni a tutti i nostri tifosi e appassionati».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *