Dom. Dic 15th, 2019

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Post INTER-BOLOGNA, Donadoni: «Siamo stati squadra, giocato all’altezza»

2 min read

Roberto Donadoni (foto www.bolognafc.it).

Roberto Donadoni è uscito sconfitto assieme al Bologna dal Meazza, ma i rossoblù sono usciti davvero a testa altissima, battuti solo ai supplementari 3-2. «Ce la siamo giocata senza tirarci mai indietro. Abbiamo preso subito due gol in maniera ingenua, ma poi abbiamo raddrizzato la gara. Dispiace per i ragazzi, nei 120 minuti la partita probabilmente doveva chiudersi in maniera diversa. Ma di fronte avevano un avversario di livello, l’Inter ha messo in campo giocatori che normalmente sarebbero dei titolari e questo dà ancora più valore alla prestazione del Bologna. Abbiamo concesso troppo leggendo male due situazioni di fuorigioco da cui sono scaturiti i loro gol, ma è chiaro che contro grandi giocatori si può anche lasciare qualcosa. Anche noi abbiamo avuto l’occasione di fare il 3-2, ma siamo mancati in esperienza».

Destro ancora non è sembrato a posto, ma secondo Donadoni ha fatto il suo compito: «Balza all’occhio che possa fare gol o non farlo, ma sta lottando, lavora tanto, per quel che mi riguarda le valutazioni sono diverse. Sono felice quando segna ma lo sono altrettanto quando lotta e si conquista i palloni. Se consideriamo la fascia d’età dei giocatori che erano in campo non si può pretendere che in uno stadio del genere si possa avere consapevolezza, nel corso dei 90 minuti, delle proprie possibilità. Stasera siamo sempre stati bravi e squadra, soprattutto con giocatori che non hanno avuto continuità in campionato, trovare la freschezza in 120 minuti non era facile. Stiamo crescendo, mi viene in mente Masina che ha preso coscienza dei suoi mezzi e ora ha dato continuità alle sue prestazioni. Chiaro che poi ci può stare l’errore o la sciocchezza nel corso di un campionato».

Giudicata ottima la prestazione di Marios Oikonomou: «Ha fatto un’ottima prestazione così come a Crotone, questa sera anche con personalità, è uscito in situazioni di uno contro uno con padronanza, a volte concede qualcosa di troppo e cade nell’errore, ma stasera ho poco da rimproverare».

Il mercato è in pieno svolgimento e può condizionare anche le prestazioni della squadra: «So qual è la nostra dimensione, so quali sono le nostre possibilità e dove possiamo arrivare. Poi il mercato lo valuteremo da qui alla fine di gennaio. Per le squadre di seconda fascia si tratta comunque sempre di scambi o situazioni che portano giocatori che non stanno giocando e non è detto che queste siano le soluzioni adatte. Proveremo comunque ad avere la squadra migliore».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *