Mer. Ott 16th, 2019

Alimentazione, tecnica e pensiero veloce: gli insegnamenti delle Football Week by Evolution Soccer

2 min read

Imparare a calciare o a parare, imparare a pensare, imparare a mangiare in maniera corretta. Sono tre aspetti fondamentali per il giovane calciatore o la giovane calciatrice ma molto spesso sono affrontati in maniera separata o slegata, o non affrontati per nulla. Grazie alle settimane intensive di Evolution Soccer, le Football Week, oggi si può lavorare sui tre momenti insieme e in perfetta armonia. È uno dei credo più importanti della neonata associazione sportiva che per sua scelta ha messo giovani e giovanissimi al centro del progetto.

I ragazzi si dividono in visivi, ovvero coloro che imparano guardando l’esercizio da fare, in uditivi – ovvero chi impara ascoltando le spiegazioni – e cinestesici, cioè chi apprende facendo di persona un determinato esercizio. Prima di spiegare o far vedere o far fare, è necessario capire chi si ha di fronte: per questo chi partecipa alle Football Week organizzate da Evolution Soccer a Bologna e Faenza – sette settimane distribuite tra le due città – verrà prima sottoposto ad un test per comprendere il modo miglior per far apprendere ai ragazzi i segreti del calcio. Ma non solo: grazie ad una macchina a tutti i partecipanti verrà misurata la forza degli arti, l’elasticità ma anche cercate eventuali dismetrie che ne possono limitare la crescita calcistica. Cercate e corrette – o insegnato come correggerle – per ottenere, comunque, il meglio da se stessi. L’aspetto alimentare è poi al centro del progetto, con tante piccole lezioni durante il pranzo, sul modo più corretto di affrontare l’attività sportiva intensa. Piccoli segreti per le famiglie e per i ragazzi stessi: pillole di sapere regalate da esperti del settore sportivo.

Il campo, poi, con le tante esercitazioni innovative create dallo staff tecnico, per giocatori di movimento e per portieri. «Il nostro punto d’orgoglio – spiega il responsabile dell’attività dei portieri per Evolution Soccer, Enrico Cavalieri, già estremo difensore del Bologna – è intanto il numero ridotto di ragazzi: non più di cinque portieri e non più di venti calciatori o calciatrici. Numeri che la dicono lunga sulla qualità che vogliamo dare a chi partecipa alle nostre settimane di formazione, riservate a piccoli atleti nati tra il 2004 e il 2009, salvo i portieri che lavorando a parte, possono avere un’età anche superiore. Noi poi non vogliamo insegnare a fare, ma a saper fare. La differenza è notevole: non vogliamo automi che ripetano i gesti dei grandi campioni senza sapere perché, ma giovani pensanti che fanno una determinata scelta perché in quel momento è quella migliore. Parlando di portieri, dietro ad una parata ci sono scelte infinite: noi vogliamo dare ai ragazzi la possibilità di saper fare la cosa giusta al momento giusto. Poi, ovvio, alcune cose dipendono dall’età o dalla struttura fisica, ma il saper fare è fondamentale».

Per iscrizioni – le settimane iniziano lunedì 12 giugno e i primi due periodi sono quasi esaurite – e informazioni consultare il sito www.evolutionsoccerasd.it, oppure inviare una mail all’indirizzo [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *