Mer. Set 18th, 2019

Bigon: «Non ci siamo indeboliti. La cessione di Verdi? Con le grandi cessioni si fanno passi avanti per il futuro»

2 min read

Riccardo Bigon (foto www.bolognafc.it)

A margine della presentazione di Lukasz Skorupski è intervenuto anche il Ds Riccardo Bigon, che ha fatto il punto sul mercato e sulla squadra del prossimo anno, tornando sulla cessione di Verdi e sul proprio contratto in scadenza.

In merito al mercato il direttore sportivo rossoblù dice: «Penso che aspetteremo la fine del ritiro di Pinzolo poi decideremo con il mister. Sono comunque riuscito a rispettare il mio modus operandi: mi piace portare in ritiro una squadra con un’ossatura formata. Non mi sembra giusto parlare di rivoluzione visto che abbiamo cambiato solo tre titolari sulla carta. Non credo che ci siamo indeboliti».

La squadra in ritiro sta iniziando a fare gruppo: «Sto notando una grande collaborazione tra gli elementi esperti del gruppo e gli innesti più giovani, con l’obiettivo di tirare fuori il massimo dalla squadra. Non so come andranno le cose il prossimo anno, di certo posso dire che qui c’è grande predisposizione al lavoro da parte di tutti, negli occhi dei ragazzi vedo la voglia di fare una stagione diversa e qualcosa di speciale».

La cessione di Verdi tiene sempre banco: «A gennaio sapete tutti come sono andate le cose, a giugno ci sono state altre squadre che hanno provato a superare il Napoli ma alla fine la trattativa si è incanalata nella direzione in cui era nata. Reazione negativa dell’ambiente? Mi limito a dire che solo con le cessioni importanti si fanno grandi passi avanti per il futuro, e non me lo invento io. Tutte le squadre, anche quelle con i fatturati più alti, si comportano così sul mercato».

Il futuro di Bigon sembra non avvolto nel mistero: «Non lo vivo come un problema, quando si sta bene in un posto non c’è bisogno di scadenze lunghe».