Mer. Set 18th, 2019

Le pagelle di BOLOGNA-PADOVA 2-0

3 min read

Dijks e Santander (FotoSchicchi)

Le PAGELLE di RICCARDO RIMONDI

SKORUPSKI 6. Chiamato in causa da un diagonale di Zambataro, respinge con sicurezza coprendo il proprio palo, unico acuto di una serata del resto trascorsa tranquillamente.

CALABRESI 6. Sfrutta a dovere la chance concessa da Inzaghi a causa dell’assenza di De Maio: dopo un inizio titubante prende coraggio, proponendosi bene in avanti con qualche buona uscita palla al piede.

GONZALEZ 6. Prova ordinata e pulita quella offerta dal centrale costaricense, in una gara in cui gli avanti avversari non portano particolari pericoli alla retroguardia del Bologna.

HELANDER 6. Con sicurezza e a testa alta in fase difensiva. Pericoloso sugli sviluppi di un calcio d’angolo nella ripresa, quando la sfida è ancora bloccata sullo 0-0.

MATTIELLO 6,5. Esterno dalle buone qualità, in grado di svolgere con diligenza entrambe le fasi: conquista il rigore del vantaggio, atterrato ingenuamente all’ingresso dell’area di rigore da Contessa.

POLI 6,5. Ricerca costantemente gli inserimenti e crea la prima vera occasione di serata per il Bologna, contenuta dalla difesa patavina: non deve faticare più di tanto in fase d’interdizione.

PULGAR 6. Poco coinvolto dai compagni in fase d’impostazione, si limita al compitino. Dal 33′ st Nagy 6. Ordinaria amministrazione per l’ungherese, chiamato semplicemente a gestire il doppio vantaggio appena maturato.

DZEMAILI 6,5. Impreciso nel primo tempo, cresce nella ripresa e realizza di potenza il rigore che spiana la strada al successo del Bologna: il nuovo capitano del Bologna è chiamato a riscattare la seconda parte di stagione negativa vissuta di ritorno dal Canada.

DIJKS 6,5. Bagna il proprio esordio al Dall’Ara con la rete della sicurezza: giocatore di gamba, si nota per una spiccata propensione offensiva. Ieri sera promosso a pieni voti, in attesa di banchi di prova più probanti, anche in fase di copertura. Dal 42′ st Mbaye sv. In campo per la meritata standing all’esterno olandese. In questo momento parte dietro a Mattiello nelle gerarchie di Inzaghi.

PALACIO 7. Solo il palo gli nega la gioia di un gol che sarebbe stato meritatissimo: svaria su tutto il fronte d’attacco per tutti i 90 minuti, pungendo costantemente grazie alla propria classe e alla propria esperienza. Leadership e intelligenza tattica lo rendono, almeno al momento, elemento imprescindibile nello scacchiere di Inzaghi.

FALCINELLI 6. Mette in campo tanta determinazione e volontà ma fatica a vedere la porta, ad eccezione di una bella conclusione respinta dal portiere ospite. Cerca però di rendersi utile alla causa allargandosi per liberare l’area e favorire gli inserimenti dei centrocampisti. Dal 32′ st Santander 6. Entra in campo con una gran voglia di lottare, mettendosi fin da subito al servizio dei compagni.

ALLENATORE F. INZAGHI 6,5. Un Bologna contratto nel primo tempo cambia decisamente passo nella ripresa, costringendo il Padova nella propria metà campo e trovando il meritato passaggio del turno in Coppa Italia.

ARBITRO FABBRI 6. Sacrosanto il rigore concesso al Bologna. Il fischietto romagnolo gestisce bene una gara senza episodi degni di nota.