Ven. Ott 7th, 2022

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Un centrale per Inzaghi: ecco Danilo

2 min read

Danilo dovrebbe arrivare dall'Udinese (foto pagina Twitter Danilo)

A poco più di 100 ore alla chiusura della sessione estiva di mercato il Bologna – salvo clamorosi colpi di scena – pare aver chiuso per Danilo dell’Udinese: il centrale brasiliano è pronto ad aggregarsi ai propri nuovi compagni di squadra nel corso della settimana.

L’accordo di un’idea concretizzatasi nelle ultime ore dovrebbe essere formalizzato sulla base di un contratto annuale con opzione per il secondo: Danilo non rappresentava la prima scelta estiva della dirigenza rossoblù, ma le difficoltà nell’arrivare a Tonelli e il rischio di ritrovarsi a mani vuote il 17 agosto, hanno dato un’accelerata alla trattativa, con il giocatore che pare aver accettato di buon grado la destinazione al punto da accantonare le altre offerte a lui pervenute.

A 34 anni compiuti – il 10 maggio – Danilo è dunque sul punto di lasciare l’Udinese dove era approdato nel 2011 per circa 2 milioni di euro dopo essersi messo in mostra, nel massimo campionato brasiliano, con il Palmeiras e l’Atletico Paranaense. Nelle sette stagioni disputate in Friuli ha giocato 276 partite e segnato 11 reti, ripartite tra Serie A, Coppa Italia, Champions ed Europa League, con 23 gettoni nelle due competizioni continentali tra il 2011 e il 2014.

L’identikit del giocatore risponde perfettamente alle richieste di Filippo Inzaghi: centrale fisico ed esperto, dalla buona rapidità e dal buon piede.vPorta in dote al Bologna la capacità di guidare il reparto arretrato, in particolare nelle uscite e nelle marcature preventive. Nello scacchiere del tecnico piacentino dovrebbe occupare la posizione di centrale nei tre uomini che andranno a formare la retroguardia.
Un profilo pronto ad offrire garanzie e affidabilità nell’immediato, in arrivo senza esborsi economici particolari e con la possibilità di valutarne il futuro al termine del prossimo anno: i tempi stringono e, complice la penuria di centrali sul mercato, risulta difficile pensare ad opzioni migliori ed effettivamente praticabili.