Gio. Ott 17th, 2019

Le PAGELLE di FIORENTINA-BOLOGNA 0-0

3 min read

Danilo torna in campo contro la Lazio (Foto Schicchi)

Le PAGELLE di UGO BENTIVOGLI

SKORUPSKI 7. Si fa trovare sempre pronto sulle conclusioni dei giocatori viola: rischia grosso sul palo di Muriel, ma del resto ha fatto quel che doveva andando a coprire su Chiesa. Per il resto ottima prestazione.

MBAYE 6. Lavoro oscuro in copertura in una giornata di vera sofferenza: ma è chiaro che era questa la partita che doveva fare lui come tutto il Bologna.

DANILO 6,5. Presidia da par suo il centro dell’area e spazza tutto quel che gli passa davanti, pochi fronzoli e molto impegno. Per un punto che fa sicuramente morale e classifica.

LYANCO 6. Difensivamente è sempre un ottimo giocatore, anche se sicuramente deve imparare a gestire meglio certe situazioni. Per sua fortuna Giacomelli è molto attento in occasione della simulazione di Muriel, perché lui allarga senza motivo la gamba anche se, poi, si ritrae decisamente in tempo.

DIJKS 6,5. Un giocatore davvero fantastico: la fascia è sua, forza, qualità, gamba, il tutto al servizio di un Bologna che oggi, con Mihajlovic, lo sa sfruttare al meglio, mettendo a frutto le sue qualità che non sono poche. Peccato per il giallo che gli farà saltare la Sampdoria.

PULGAR 6,5. Grande lavoro di filtro a centrocampo: in inferiorità numerica nella zona nevralgica del campo lotta come un leone e cede alla fatica a venti minuti dal termine. Imposta poco, ma non era la partita del fioretto. Dal 27’ st Dzemaili 6. Entra in una gara di sacrificio e prova addirittura il colpaccio dalla lunga distanza con una conclusione su punizione che sibila alla destra di Lafont.

POLI  7. Sicuramente fino a quando è rimasto in campo è stato il migliore in assoluto del Bolgona: grande dinamismo, grande qualità nelle giocate e negli anticipi, quando è uscito non ne aveva davvero più. Dal 33’ st Donsah 6. Il cambio dei due mediani regala un po’ meno ordine in campo ma la fatica era stata davvero tanta e serviva l’energia di uno come Donsah per chiudere al meglio la partita.

ORSOLINI 6. Ha sul sinistro la palla della vittoria dopo la folle uscita di Lafont: certo avrebbe quasi dovuto tirare da centrocampo ma è stata l’unica, vera, opportunità del secondo tempo, alla fine ha calciato ugualmente verso lo specchio della porta.

SORIANO 6. Partita difficile nella quale la sufficienza è meritata perché comunque il Bologna lotta di squadra e ognuno si sacrifica per il risultato del gruppo. E il merito di questo cambiamento è tutto di Mihajlovic.

SANSONE 5,5. Non una gran partita: non incide mai e non ha neppure lo spirito di sacrificio di un Palacio che comunque corre a più non posso, malgrado l’età.

PALACIO 6. Una giornata di lotta e battaglia sul un campo zuppo d’acqua: non sono proprio le condizioni nelle quali la sua classe può emergere, ma si rende comunque utile. Dal 36’ st Santander 6. Serviva la sua stazza per provare a mantenere la palla il più lontano possibile dall’area di rigore e ha la forza per infastidire e pressare la difesa viola a inizio azione. Ammonito, salterà la gara con la Samp.

ALLENATORE MIHAJLOVIC 6,5. La gara è difficile, anche per l’arrivo del nuovo allenatore in casa viola: il suo Bologna non molla neppure un pallone ma non gioca con la stessa intensità di alcune recenti prestazioni. Qualche distrazione di troppo, però il punto è preziosissimo.

ARBITRO GIACOMELLI 6,5. Non si fa ingannare dalla simulazione plateale di Muriel, lo ammonisce e aspetta lumi dal Var che conferma. Poi si comporta allo stesso modo nell’area viola con Palacio ma in questo caso qualche dubbio in più c’è.

FIORENTINALafont 6; Milenkovic 6,5, Ge. Pezzella 6, Ceccherini 6; Chiesa 6,5, Veretout 5,5, Dabo 5, Gerson 5 (32’ st Benassi sv), Biraghi 6; Simeone 5 (11’ st Mirallas 6), Muriel 5,5 (41’ st Vlahovic sv). All. Montella 6.