Gio. Ott 17th, 2019

Alla conquista della Dacia

3 min read
Le ultime notizie e le probabili formazioni di Udinese-Bologna di domani alla Dacia Arena.

Federico Santander (Photo by Mario Carlini / Iguana Press/Getty Images)

Con la trasferta di Udine si chiude il tour di force del Bologna: l’ultimo dei tre impegni nel giro di sette giorni, con annessa seconda trasferta consecutiva, si disputerà domani alla Dacia Arena, con calcio d’inizio fissato per le classiche ore 15 e diretta televisiva prevista su Sky. 
Se si volesse vedere il bicchiere mezzo vuoto, le occasioni sprecate nel finale a Genova – su tutte il rigore di Sansone – hanno tolto 2 punti alla già buonissima classifica del Bologna: di contro, il rammarico per una mancata vittoria rispetto al sollievo di un pareggio raccattato testimonia chiaramente la bontà della prestazione offerta allo Stadio Ferraris dalla truppa di Mihajlovic. Il viatico intrapreso sembra essere quello giusto, il prossimo step è quello di migliorare in termini di finalizzazione e cinismo sottoporta. Tra Roma e Genoa sicuramente si sarebbero potuti avere, senza faticare molto di più, ben te punti in più che avrebbero fatto chiaramente lanciare il Bologna verso un campionato da vera rivelazione.
Completamente diversa la situazione in casa Udinese: Igor Tudor sembra essere sulla graticola, dopo la vittoria all’esordio contro il Milan sono arrivate tre sconfitte consecutive e il pareggino contro l’Hellas Verona, con Musso protagonista assoluto nell’evitare ai friulani la quarta sconfitta di fila. La Corte D’Appello della Figc ha, inoltre, respinto il ricorso presentato dalla società friulana in merito alla squalifica di Rodrigo De Paul: nessuno sconto rispetto alle 3 giornate comminate dopo lo schiaffone rifilato a Candreva nella sfida contro l’Inter. 
Da registrare 34 precedenti, nella massima serie, ad Udine: 14 vittorie per i padroni di casa, la più recente delle quali maturata con il 2-1 a inizio marzo, in un vero e proprio scontro salvezza. Dopo quella gara iniziò la riscossa del Bologna: 26 punti nelle restanti 12 gare e 10º posto finale. Sono 8 i pareggi complessivi, il segno X manca dalla stagione 2013-14: vantaggio firmato da Diamanti, Di Natale per l’Udinese a riequilibrare le sorti della gara. L’ultimo dei 12 successi contro i bianconeri risale invece al 2015/16, annata del ritorno in Serie A: decisivo il subentrante Destro, da allora solo ko contro l’Udinese in trasferta. 
Possibili alcune novità rispetto all’undici sceso in campo contro il Genoa: potenziale prima gara da titolare in stagione per Mbaye e Santander, il primo pronto a rilevare Krejci sull’out di sinistra e il secondo a schierarsi al centro dell’attacco al posto di Palacio. 
Abile e arruolabile anche il grande ex Danilo, rientrato ieri con il gruppo: il suo sostituto Bani si è ben distinto nelle ultime uscite, il ballottaggio tra i due verrà sciolto nelle ultimissime ore. Chi invece mancherà, almeno alla Dacia Arena, è Mitchell Dijks: prosegue il lavoro differenziato per il terzino olandese, da valutare le sue condizioni in vista della Lazio, anche se è probabile un rientro dopo la sosta. Più Poli di Dzemaili in mezzo al campo di fianco a Medel, nonostante il centrocampista veneto abbia iniziato le gare sia contro la Roma sia contro il Genoa: la trequarti non dovrebbe subire alcuna variazione. 
Padroni di casa privi di De Paul e con Lasagna in forte dubbio a causa del fastidio accusato alla schiena contro l’Hellas: possibile il tandem inedito Okaka-Nestorovski, solo panchina per Pussetto, match winner della scorsa stagione. Altro ballottaggio in mezzo al campo: Mandragora dovrebbe essere preferito a Walace, brasiliano prelevato in estate dalla Bundesliga. Ecco le probabili formazioni.

UDINESE (3-5-2): Musso; Becao, Ekong, Samir; Larsen, Fofana, Jajalo, Mandragora, Sema; Nestorovski, Okaka. All. Tudor.
BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; Tomiyasu, Bani, Denswil, Mbaye; Poli, Medel; Orsolini, Soriano, Sansone; Santander. All. Mihajlovic.

Arbitro: Antonio Giua di Olbia. Assistenti: Rodolfo Di Vuolo (Castellammare di Stabia) e Enrico Caliari (Legnago). IV Uomo: Daniele Minelli (Can B, Varese). Var: Luca Banti (Var Pro, Livorno). Avar: Dario Cecconi (Empoli).