Ven. Dic 6th, 2019

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Le PAGELLE di BOLOGNA-LAZIO 2-2

3 min read
Giocatore per giocatore le pagelle dei giocatori del Bfc dopo Bologna-Lazio della 7ª giornata di serie A
Palacio

Rodrigo Palacio ha segnato per la prima volta al Dall'Ara con la maglia del Bologna (foto pagina Facebook Bologna fc)

Le PAGELLE di UGO BENTIVOGLI

SKORUPSKI 5,5. Il vantaggio, peraltro meritato, del Bologna dura pochi istanti e il portierone polacco ha le sue colpe sulla rete di Immobile. Si rifà parzialmente nel finale prima su Luis Alberto, poi su Correa.

TOMIYASU 6,5. Che Correa faccia tunnel al giapponese al limite dell’area forse farebbe male, ma potrebbe rientrare quasi nella normalità, ma se il nipponico salta in questo modo l’argentino allora sono davvero solo applausi. È anche vero che i due gol arrivano dalla sua parte: sicuramente deve migliorarsi nella fase difensiva.

DANILO 6. Un rientro un po’ titubante: devia il pallone che  porta al secondo pareggio laziale e poco prima lascia passare una palla filtrante in area bolognese che solo per miracolo Immobile e Acerbi non insaccano. Fa annullare un gol su punizione di Svamberg con un fuorigioco che poteva anche essere evitato.

BANI 6. Correa e Immobile non sono certo avversari semplici ma il centrale non se la cava male: peccato si faccia saltare di netto in occasione dell’espulsione di Medel.

KREJCI 6,5. Giocare titolare gli dà coraggio, pur in un ruolo non propriamente suo: eppure segna il gol del momentaneo 1-0 con un preciso e puntuale colpo di testa dopo aver iniziato l’azione.

MEDEL 6. Rimedia un’espulsione che pareggia gli uomini in campo: alla fine fa bene perché Correa si sarebbe presentato da solo di fronte a Skorupski un po’ troppo lento ad uscire.

POLI 6,5. Corre senza remissione, sfiorando anche un gran gol nel primo tempo con un calcio al volo che avrebbe meritato miglior sorte.

ORSOLINI 6,5. Un cross di destro da leccarsi i baffi, dopo una forbice a velocità vertiginosa, beffando Lulic. Un’azione che, da sola, merita applausi scroscianti. Dal 37’ st Skov Olsen sv. Entra nel finale per mettere energie fresche in campo al posto di un Orsolini un po’ stanco e di testa, che non è la specialità della casa, si divora il gol della vittoria.

SVANBERG 6,5. Schierato al posto dello squalificato Soriano brilla di luce propria, anzi, pronti via potrebbe addirittura segnare di testa dopo un ottimo inserimento, poi colpisce il clamoroso palo che propizia la seconda rete del Bologna. Dal 27’ st Schouten 6. Esordio assoluto in serie A per l’olandese

SANSONE 6. Si divora il clamoroso 3-1 che certamente avrebbe cambiato le carte in tavola, perché subito dopo arriva il secondo pareggio di Immobile: Radu gli lascia gentilmente la palla a due passi dalla porta ma l’esterno non riesce a segnare. Dal 40’ st Santander sv. Fisico nel finale al servizio della squadra.

PALACIO 6,5. Si sblocca davanti ai suoi tifosi – peraltro rischiando di sbagliare – e questa è la prima buona notizia della giornata, la seconda è che il gol vale il fantastico 2-1. La sua grande generosità lo porta a fare un fallo da rigore su Acerbi: Correa calcia fortissimo e centrale ma colpisce la traversa. 

ALLENATORE MIHAJLOVIC 7. Torna in panchina e il Bologna torna a disputare una gran partita per ritmo e aggressività, almeno nel primo tempo. Certo la fase difensiva va migliorata ma è anche vero che non sempre ci si trova di fronte Immobile.

ARBITRO ORSATO 6. All’inizio lascia correre un po’ troppo poi inizia ad ammonire e ne fanno le spese Lucas Leiva, espulso – giustamente – per doppia ammonizione e Medel, con un rosso diretto dopo l’intervento del Var.

LAZIO: Strakosha 6,5; Luiz Felipe 5,5 (16’ st Bastos 6), Acerbi 6,5, Radu 5; Marusic 5,5, Milinkovic-Savic 6, Leiva 5, Luis Alberto 6,5, Lulic 6 (35’ st Jony sv); Immobile 7 (16’ st Parolo 6), Correa 7. All. S. Inzaghi 6,5.