Ven. Nov 22nd, 2019

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Senza timore allo Stadium

4 min read
Le ultime notizie e le probabili formazioni di Juventus-Bologna di domani sera all'Allianz Stadium

Sinisa Mihajlovic ha iniziato un nuovo ciclo di cure (foto pagina Facebook Bfc).

Archiviata la sosta per le nazionali, utile a certificare la presenza dell’Italia ad Euro2020, si torna in campo per la 9ª giornata di Serie A. Il Bologna sarà di scena a Torino, al cospetto della Juventus, con calcio d’inizio previsto per domani sera alle 20,45 e copertura televisiva ad opera di Dazn. 
Una sfida di base impari, a giudicare dal valore delle due rose: 837 milioni di euro i padroni di casa, 103 gli ospiti, secondo i dati di Transfermarkt. Non per questo il Bologna dovrà scendere in campo remissivo, ma dovrà seguire alla lettera le volontà di Sinisa Mihajlovic che, clima permettendo, dovrebbe sedersi in panchina all’Allianz Stadium: testa alta e coraggio, anche quando ci si ritrova dinnanzi alla formazione pluricampione d’Italia, provando a ripetere la buonissima prestazione offerta contro la Lazio. 
Una Juventus sempre più a immagine e somiglianza di Maurizio Sarri, chiamato in estate a raccogliere la pesante eredità di Max Allegri: il successo di Milano nello scontro diretto contro l’Inter – più largo di quanto non abbia detto il punteggio – ha consegnato ai bianconeri la vetta della classifica, una vetta condivisa invece con l’Atletico Madrid nel proprio girone di Champions League. 
I precedenti sorridono ai padroni di casa: 42 vittorie nei 72 incontri nella massima serie a Torino, l’ultima delle quali maturata con lo 2-0 dello scorso anno, una gara di fatto mai iniziata. Il più recente dei 25 pareggi risale invece al settembre 2011, l’unica circostanza in cui il Bologna è riuscito ad uscire indenne dallo Juventus Stadium: 1-1 dell’allora formazione guidata di Pioli, capace di costringere al pareggio la truppa di Conte. I successi a Torino si contano su un palmo della mano: l’ultima delle 5 vittorie risale al febbraio 2011, nell’occasione la doppietta di Di Vaio spezzò un digiuno di vittorie in trasferta contro la Juventus che persisteva da 31 anni. 
Vera e propria moria per il Bologna: Mihajlovic e il proprio staff dovranno fare a meno di Medel (comunque già squalificato per il rosso contro la Lazio) e Tomiyasu, entrambi infortunatosi con le rispettive nazionali ed entrambi fuori per circa 30-40 giorni. Non se la passa meglio Destro, vittima di un problema al ginocchio sinistro contro la Roma un mesetto fa: esclusa qualsiasi lesione, ma anche in questo caso i tempi per il pieno recupero rischiano di aggirarsi intorno ai 30 giorni. 
Come potrebbe cambiare dunque il Bologna? Rispetto all’undici sceso in campo dcontro la Lazio si potrebbero vedere, potenzialmente, quattro volti nuovi: partendo dalla difesa, scontata la presenza di Mbaye sull’out di destra al posto di Tomiyasu, mentre sull’altra fascia conferma per Krejci, alla luce di una contusione al piede destro rimediata da Dijks nelle ultime ore.
Al centro della retroguardia, dopo l’iniziale panchina contro la Lazio, spazio a Denswil al fianco di Danilo: solo panchina per Bani, elemento che ha dimostrato di poter essere utile alla causa. In mezzo al campo potrebbe scoccare l’ora di Schouten, sostituto naturale – seppur con caratteristiche diverse – di Gary Medel. Il centrocampista olandese, prelevato in estate dall’Excelsior, è avanti nel serratissimo ballottaggio con Svanberg per un posto al fianco di Poli.
Solito assetto da battaglia in trasferta: dopo la squalifica scontata contro la Lazio si rivede sulla trequarti Soriano, affiancato ai lati da Orsolini e Sansone e di supporto a Palacio, candidato ad una maglia da titolare nello stadio che lo vide assoluto protagonista, oltre che marcatore, in un 3-1 dell’Inter ai danni proprio dei bianconeri nel novembre 2012. 
Alcuni recuperi in extremis per la Juventus: Danilo e Ramsey recuperano in extremis, ma sembrano destinati ad accomodarsi almeno inizialmente in panchina. Out invece i lungodegenti Douglas Costa, Chiellini, De Sciglio, Pjaca e Perin.  Il calendario impone la trasferta europea di Mosca in settimana, ma Sarri non pare intenzionato ad apportare troppi cambiamenti all’undici tipo: può giocare Buffon tra i pali, da registrare il ballottaggio Matuidi-Rabiot a centrocampo ed il consueto Higuain-Dybala in avanti al fianco di Cristiano Ronaldo. Ecco le probabili formazioni e i sei ufficiali di gara.

JUVENTUS (4-3-1-2): Buffon; Cuadrado, Bonucci, De Ligt, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Matuidi; Bernardeschi; Higuain, Ronaldo. All. Sarri.
BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; Mbaye, Danilo, Denswil, Krejci; Schouten, Poli; Orsolini, Soriano, Sansone, Palacio. All. Mihajlovic.

Arbitro: Massimiliano Irrati di Pistoia. Assistenti: Davide Imperiale (Genova) e Marco Bresmes (Bergamo). IV Uomo: Francesco Fourneu (Roma1). Var: Michael Fabbri (Ravenna). Avar: Stefano Alassio (Imperia).