Ven. Nov 22nd, 2019

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Le PAGELLE di JUVENTUS-BOLOGNA 2-1

3 min read
Giocatore per giocatore le pagelle dei giocatori del Bfc dopo Juventus-Bologna dell'ottava giornata di serie A

Danilo ha segnato un gran gol contro la Juventus (Foto Schicchi)

Le PAGELLE di UGO BENTIVOGLI

SKORUPSKI 6. Un gol da Cristiano Ronaldo non è un disonore ma è non sul suo palo: per carità, l’erba è umida e il tiro è forte, ma non lì, su quel palo. Poi para tutto quel che può, magari non in maniera impeccabile, ma tiene sempre vivo il Bologna sino alla fine.

MBAYE 6. Dalla sua parte iniziava molto spesso l’azione uno come Ronaldo che non è certo un avversario semplice, forse non in forma smagliante ma sempre pericoloso.

DANILO 6,5. Un gol da grandissimo attaccante: colpo di controbalzo che si insacca sul palo lontano. Davvero notevole: in fase difensiva qualcosa soffre ma allo Stadium è anche inevitabile.

BANI 6,5. Un brivido corre lungo la schiena dei tifosi del Bologna quando su un angolo rifila una cravatta a De Ligt che, per fortuna, nessuno vede. Per il resto è in trincea ma se la cava piuttosto bene.

KREJCI 6. Non nasce esterno basso ma lo sta diventando: quando lo puntano soffre ancora un po’ – e più di Dijks – ma quando spinge, spinge davvero bene.

POLI 6,5. Un capolavoro tecnico in occasione del gol del pareggio: alla lunga il campo pesante e la fatica si fanno sentire ma il primo tempo è davvero da incorniciare. Dal 38’ st Dzemaili sv. Esperienza nel finale al servizio della squadra e per provare a riequilibrare

SVANBERG 5,5. Oscuro lavoro un po’ troppo lontano dalla porta per le sue qualità: così, forse, non riesce a sprigionare il massimo delle sue qualità. Certo un Bologna con lui al posto di Medel è davvero coraggioso. Dal 35’ st Skov Olsen sv. La partita è agli sgoccioli ma Mihajlovic lo butta comunque in campo per provare a pareggiare. Un segno di fiducia.

ORSOLINI 5,5. Tante corse all’indietro per contenere la spinta di Alex Sandro che non manca mai: coinvolto, suo malgrado, nel pasticcio che vale il secondo gol della Juventus. Poi ha una palla favolosa che vale il pari: purtroppo è sul destro e non sul sinistro.

SORIANO 5,5. Non una giornata memorabile per il trequartista rossoblù – oggi in maglia verde – che ha l’ingrato compito di provare a spegnere l’azione juventina sul nascere francobollando Pjanic. Cosa che gli riesce meravigliosamente.

SANSONE 5,5. Per provarci ci prova e fa ammonire anche qualche bianconero, ma non riesce a mettere in campo quella qualità che servirebbe davvero per far gol alla Juventus (o almeno farlo fare ai compagni. Dal 35’ st Santander 6,5. Una traversa clamorosa, un miracolo di Buffon all’ultimo secondo. È un giocatore che forse sarebbe stato il caso di vedere prima. 

PALACIO 6,5. Nel primo tempo ruba il tempo a De Ligt e lo brucia in velocità e i due lustri di differenza (di età) non si vedono. 

ALLENATORE MIHAJLOVIC 6,5. Personalità e coraggio: al Bologna, soprattutto se c’è lui in panchina – senza nulla togliere naturalmente ai suoi collaboratori – non mancano mai. Il grande rimpianto è non averlo avuto a Udine, una partita che sarebbe stata da vincere e non da perdere.

ARBITRO IRRATI 5. Il gomito di De Ligt in pieno recupero desta comunque qualche sospetto: non si capisce davvero, almeno a prima vista, se prima tocca con qualche altra parte del corpo.

JUVENTUS: Buffon 6,5; Cuadrado 6,5, Bonucci 6, De Ligt 4,5, Alex Sandro 6,5; Khedira 6 (16’ st Bentancur 6), Pjanic 6,5, Rabiot 5 (27’ st Matuidi 6); Bernardeschi 5; Higuain 5,5 (37’ st Dybala sv), C. Ronaldo 6,5. All. Sarri 6.