Ven. Nov 22nd, 2019

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Bologna alla prova più difficile

3 min read
Le ultime notizie e le probabili formazioni di Bologna-Inter di domani allo Stadio Dall'Ara

Sinisa Mihajlovic ha iniziato un nuovo ciclo di cure (foto pagina Facebook Bfc).

Ultima gara del trittico settimanale per il Bologna, chiamato a ospitare l’Inter in uno dei tre anticipi del sabato validi per l’11º turno di Serie A: calcio d’inizio fissato per le 18, diretta televisiva prevista su Sky.


Sfortuna ed ingenuità difensive stanno condizionando la stagione rossoblù: la squadra macina gioco e produce occasioni, lo dimostrano anche le due reti realizzate mercoledì sera contro il Cagliari, una delle migliori difese del torneo, ma le tre reti subite hanno negato un risultato positivo alla Sardegna Arena. La classifica resta comunque positiva, ma avrebbe potuto assumere connotati ancor migliori qualora la squadra non fosse incappata in certi errori e certe amnesie.

 
Errori ed amnesie che non saranno ammessi contro l’Inter, secondo attacco del torneo dietro l’inarrestabile Atalanta: delle 22 reti messe a segno in campionato, 12 arrivano dalla terribile coppia Lukaku-Lautaro Martinez. Più in generale i nerazzurri viaggiano a vele spiegate: secondo posto in campionato a stretto contatto con la Juventus e medesima posizione nel proprio raggruppamento di Champions League, al pari del Borussia Dortmund.


Una classica del calcio italiano in scena al Dall’Ara: nei 75 confronti nella massima serie il Bologna ha raccolto 31 successi, anche se i 3 punti mancano da ben 17 anni. In quella circostanza, il Bologna superò i meneghini per 2-1 grazie alle reti di Pecchia e Zauli. Sono 13 i pareggi, l’ultimo dei quali firmato Verdi-Icardi nel settembre 2017, mentre il più recente dei 30 successi a favore degli ospiti risale allo scorso settembre, con il 3-0 firmato da Nainggolan, Candreva e Perisic.


Diversi cambiamenti per Mihajlovic rispetto all’undici iniziale di Cagliari: sicuri di una maglia da titolare Danilo, Poli e Palacio, preservati in Sardegna proprio in ottica Inter. Da valutare la posizione di Medel, rientrato in gruppo nella giornata di ieri: il centrocampista cileno vuole esserci contro la squadra che lo portò in Serie A, le riserve verranno sciolte solo nelle ultimissime ore che precederanno la gara.
Conferme obbligate in difesa per Mbaye e Krejci, si giocano una maglia Denswil e Bani al fianco di Danilo: ballottaggio serratissimo, il centrale toscano almeno al momento è in vantaggio sul difensore prelevato in estate dal Bruges.
Altro ballottaggio quello in mezzo al campo per una maglia da titolare al fianco di Poli: se dovesse farcela spazio a Medel, in caso contrario testa a testa Dzemaili-Schouten per supportare il centrocampista veneto.
Torna Palacio in avanti nel ruolo di punta centrale, conferma in blocco in arrivo per il tridente alle spalle della punta, Orsolini-Soriano-Sansone: Santander, come rivelato da De Leo nella conferenza stampa pregara, ha rimediato una botta al soleo contro il Cagliari ma sarà regolarmente a disposizione dello staff tecnico contro i nerazzurri.


Antonio Conte dovrà invece far fronte a diversi infortuni, specialmente nel reparto centrale del campo, e all’imminente e verosimilmente decisiva trasferta di Dortmund in Champions League. Il tecnico salentino non vuole però perdere contatto dalla Juventus, dunque il turnover sarà davvero ridotto. Verso la conferma il trio difensivo Godin-De Vrji-Skriniar, anche se il centrale sudamericano è insidiato dal giovane Bastoni: interni di centrocampo praticamente obbligati, Brozovic, Gagliardini e Barella agiranno assieme dall’inizio per la quinta gara di fila, con Vecino e Sensi al massimo in panchina.
Sulla sinistra della mediana a cinque dovrebbe rivedersi Biraghi al posto di Asamoah, mentre confermato Candreva sulla destra: in avanti spazio a Lukaku e Lautaro Martinez, più defilate le posizioni di Politano ed Esposito, destinati almeno inizialmente alla panchina. Ecco le probabili formazioni.


BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; Mbaye, Danilo, Bani, Krejci; Poli, Medel; Orsolini, Soriano, Sansone; Palacio. All. Mihajlovic.


INTER (3-5-2): Handanovic; Godin, De Vrij, Skriniar; Candreva, Gagliardini, Brozovic, Barella, Biraghi; Lukaku, L. Martinez. All. Conte.

Arbitro: Federico La Penna di Roma1. Assistenti: Matteo Passeri (Gubbio) e Dario Cecconi (Empoli). IV Uomo: Livio Marinelli (Can B, Tivoli). Var: Paolo Valeri (Roma2). Avar: Stefano Del Giovane (Albano Laziale).