Dom. Dic 15th, 2019

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Bologna Fc: obiettivo ottavi di Coppa

3 min read
Le ultime notizie e le probabili formazioni di Udinese-Bologna di domani sera alla Dacia Arena in Coppa Italia

Angelo Da Costa giocherà in Coppa (foto www.bolognafc.it).

Da Napoli a Udine, passando per Casteldebole: neanche il tempo di gioire per il colpo al San Paolo che si torna subito in campo, questa volta alla Dacia Arena e in una sfida valida per il 4° turno di Coppa Italia, con fischio d’inizio fissato per le 21 e copertura televisiva a opera di RaiSportHD.
La formula è nota: gara secca, in caso di parità al termine dei 90’ supplementari poi, in caso di ulteriore parità dopo i 120’, il destino delle due squadre sarà affidato alla lotteria dei calci di rigore. La squadra vincente nel confronto troverà sulla propria strada la Juventus negli ottavi di finale – con la doppia partita di andata e ritorno – previsti a metà il 15 e 22 gennaio.
Il percorso delle due squadre nella manifestazione è presto detto: entrambe sono entrate al 3° turno, i friulani a metà agosto hanno superato tra le mura amiche il Sudtirol – formazione di Lega Pro – per 3-1, mentre un Bologna forzatamente in trasferta per i lavori di rizollamento del Dall’Ara si è imposto per 3-0 sul campo del Pisa.
Diverso il momento in campionato, seppur entrambe abbiano raccolto 4 punti nelle ultime 5 gare di campionato: il Bologna si è rilanciato con 4 punti nelle ultime 2 uscite, ottenuti nella sfida interna contro il Parma e soprattutto espugnando il campo di Napoli, squadra sicuramente in crisi ma il cui valore della rosa supera di ben 6 volte e mezzo quello dei felsinei.
Di contro l’Udinese dell’ex Gotti (vice di Donadoni ai tempi del Bologna) si presenta alla sfida dopo la pesante sconfitta rimediata contro la Lazio e con 1 punto raccolto nelle ultime 3 gare di campionato. La dirigenza friulana ha mandato la squadra in ritiro e confermato, almeno al momento il tecnico veneto, curiosamente subentrato a Igor Tudor, di cui in precedenza era il vice.
Spazio per il turnover a Udine, seppur limitato a causa dei diversi infortuni: non saranno infatti della contesa Soriano e Santander, comunque sulla via del recupero, il lungodegente Dijks e Bani, il cui fastidio alla coscia però non preoccupa lo staff tecnico. 
Quali possibili cambi rispetto all’undici sceso in campo dall’inizio contro il Napoli? Tra i pali da registrare l’avvicendamento tra Skorupski e Da Costa, la retroguardia dovrebbe vedere invece il ritorno sull’esterno di Mbaye e Krejci (quest’ultimo in ballottaggio con Denswil, positivo a Napoli) ed al centro il debutto stagionale da titolare di uno tra Paz e Corbo al fianco dell’ex Danilo, per quasi 10 anni protagonista con la maglia bianconera.
A centrocampo si dovrebbe rivedere Schouten assieme a Medel, in diffida e successivamente ammonito al San Paolo: squalificato contro il Milan, il centrocampista cileno sarà dunque della gara contro l’Udinese.
In avanti potrebbe tirare il fiato almeno dall’inizio Palacio, vero e proprio stakanovista offensivo rossoblù: al suo posto spazio a Destro, con l’attaccante marchigiano pronto a mettere importanti minuti nelle gambe, dopo essere finalmente rientrato nel finale di Napoli.
Verso una maglia da titolare anche gli altri due subentranti di domenica, Skov Olsen e Svanberg: per l’ultimo posto nel 4-2-3-1 spazio ad Orsolini, in tal caso il giovane danese traslerebbe a sinistra, come già avvenuto nella trasferta di campionato contro il Sassuolo. Difficile infatti pensare che possa essere impiegato da titolare Sansone, il giocatore con più chilometri percorsi al San Paolo, mentre il giovane Juwara potrebbe trovare spazi a gara in corso.

Ecco le probabili formazioni.

UDINESE (3-5-2): Nicolas; Opoku, De Maio, Sierralta; Ter Avest, Barak, Walace, Fofana, Samir; Lasagna, Teodorczyk. All. Gotti.
BOLOGNA (4-2-3-1): Da Costa; Mbaye, Danilo, Paz, Krejci; Medel, Schouten; Orsolini, Svanberg, Skov Olsen; Destro. All. Mihajlovic.

Arbitro: Marco Piccinini di Forlì. Assistenti: Valentino Fiorito (Salerno) e Davide Imperiale (Genova). IV Uomo: Riccardo Ros (Pordenone).