Ven. Set 25th, 2020

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Le PAGELLE di BOLOGNA-MILAN 2-3

3 min read
Giocatore per giocatore le pagelle dei calciatori del Bfc dopo Bologna-Milan della 15ª giornata di serie A

Nicola Sansone ha segnato su rigore al Milan (foto pagina Facebook Bologna)

Le PAGELLE di UGO BENTIVOGLI

SKORUPSKI 6. Un rigore, un tiro da due passi e un tiro a giro dal limite decisamente imparabile: nel finale salva un paio di volte la porta dal possibile quarto gol rossonero.

TOMIYASU 5. Non ha la solita spinta sulla fascia destra e la copertura latita molto: la corta respinta sul gol di Bonaventura è troppo superficiale.

BANI 5. Il rigore fischiato da Chiffi è sicuramente generoso ma lui si fa superare da Piatek mentre avrebbe dovuto proteggere la sua porta in modo molto più attento. E sul secondo gol del Milan si fa trovare troppo arretrato, salvando Theo Hernandez dal fuorigioco.

DANILO 5,5. È l’ultimo ad arrendersi in casa Bologna e la difesa se non tracolla, il merito è decisamente suo che prova a tenerla unita in ogni modo possibile. Un brutto gesto nei confronti del compagno Poli, sotto gli occhi di Mihajlovic: poi arriva la pace ma la tensione non è mancata.

DENSWILL 5. Ha il merito di aver costretto – più o meno – Hernandez all’autogoal, ma fatica davvero tanto a coprire sugli assalti milanisti, soprattutto quando Conti si sovrappone a sinistra mettendolo decisamente in crisi.

POLI 5,5. La sua qualità nell’interrompere le giocate avversarie e capire le linee di passaggio è proverbiale ma resta troppo lontano da Bonaventura a inizio del secondo tempo, quando il centrocampista rossonero segna il gol che incanala la gara verso Milano.

SCHOUTEN 4,5. Doveva dare ordine al gioco del Bologna ma è sempre fuori posizione, manca decisamente della giusta qualità – almeno in questa partita – ed è una voragine nel gioco bolognese. Dal 18’ st Svanberg 5,5. Un po’ meglio del compagno ma non troppo: il gioco del Bologna non ha mai la qualità sperata e desiderata da Mihajlovic.

SKOV OLSEN 4,5. Partita davvero orribile per il talento svedese che si fa anche bruciare da Theo Hernandez in occasione del secondo gol del Milan e spreca anche una buona occasione col suo sinistro. Dal 32’ st Orsolini 6. Deve ritrovare il posto da titolare perché Skov Olsen è ancora troppo acerbo per far male ad avversari grintosi come il Milan.

DZEMAILI 5,5. Non riesce ma a far giocare la squadra come vorrebbe Mihajlovic e anche quando prova a velocizzare le giocate non gli riescono con la giusta pulizia. Dal 19’ st Santander 6. Entra per dare peso e centimetri ma la gara non cambia molto.

SANSONE 6. Per provarci ci prova ma non riesce mai a superare in velocità un ritrovato Conti: certo l’avversario è di quelli importanti ma la salvezza del Bologna deve passare anche dai suoi piedi. Implacabile il rigore contro un maestro come

PALACIO 5,5. Per sbattersi si sbatte ma l’aiuto dei compagni non è proprio l’ideale per emergere e mettere in difficoltà i rossoneri: qualche buona apertura, qualche giocata ma c’è il deserto attorno a lui.

ALLENATORE MIHAJLOVIC 5,5. L’inizio del Bologna è drammatico: è vero che dopo 15 minuti si trova in svantaggio ma la qualità delle giocate è davvero pessima e anche l’intensità non è quella giusta. E anche l’inizio del secondo tempo è timidissimo.

ARBITRO CHIFFI 5. Salvato dal Var sul rigore che non assegna a Orsolini in un’azione identica a quella che ha condannato il Bologna a causa di Bani. Arbitraggio davvero dubbio, anche perché Santander – che aveva ragione – ne è uscito ammonito. Chi gli rende il cartellino avuto ma non meritato?

MILAN: G. Donnarumma 6; Conti 6,5, Musacchio 6, Romagnoli 6, Hernandez 6; Kessie 6,5, Bennacer 6,5 (25’ st Biglia 6), Bonaventura 7 (33’ st Paquetà 5); Suso 6,5, Piatek 6,5, Calhanoglu 5,5 (40’ st Castillejo sv). All. Pioli 6,5.