Sab. Giu 6th, 2020

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Bologna: è d’obbligo ripartire subito

4 min read
Le ultime notizie e le probabili formazioni di Bologna-Hellas di domenica allo Stadio Dall'Ara di Bologna

Riccardo Orsolini ha segnato col Brescia (Foto Twitter)

Il campionato di Serie A riparte, dopo essersi messo alle spalle il girone d’andata e in settimana gli ottavi di finale di Coppa Italia: Bologna ed Hellas Verona saranno di scena domenica alle 15 allo stadio Dall’Ara, con Dazn a fornire la copertura televisiva. Gli uomini di Mihajlovic ripartono dall’immeritata sconfitta di Torino, figlia di un mix di imprecisione e sfortuna sottoporta. La prestazione è stata, comunque, di livello ed è ciò da cui ripartire per sfoderare una seconda parte di stagione – come nelle ambizioni di Walter Sabatini – che permetta al Bologna di superare quota 50 in classifica al termine del torneo, oltre a confermare il tenore delle prove offerte, crocevia fondamentale per una realtà con l’obiettivo di piazzarsi stabilmente nella parte nobile della classifica.

L’avversario non è certamente dei più accomodanti: l’Hellas Verona ha 25 punti, 2 più del Bologna, e con una gara del proprio girone d’andata ancora da disputare, quella con la Lazio inizialmente prevista in dicembre e successivamente rinviata a febbraio per gli impegni della Lazio in Supercoppa. Una vera e propria creatura di Ivan Juric, figliol prodigo di Gasperini giunto alla propria consacrazione nella massima serie, dopo alcune esperienze rivedibili: tanti i giovani valorizzati e pronti a salutare Verona, verso lidi ancor più competitivi, al termine dell’annata.
Da registrare 20 precedenti tra le due formazioni sotto le Due Torri, ovviamente prendendo ad esame solo quelli nella massima serie: 9 i successi dei padroni di casa, l’ultimo dei quali maturato nel più recente confronto, andato in scena nella stagione 2017-18 e conclusosi per 2-0, con le reti di Verdi e Nagy. Per ritrovare l’ultimo dei 7 pareggi bisogna addirittura ritornare al segno X a reti bianche del campionato 1999-00, mentre la rete di Samir nella stagione 2015-16 consegnò, di misura, la quarta vittoria agli scaligeri in terra emiliana in Serie A.

Capitolo formazioni: nessun recupero nel Bologna, costretto a scontare le note assenze di Krejci, Dijks e Medel, quasi certamente darà forfait anche Denswil. Il difensore olandese non ha ancora recuperato appieno il risentimento muscolare alla coscia destra che l’ha tenuto fuori anche a Torino. Il rientro dunque slitta eventualmente alla trasferta di Ferrara. Una vera e propria moria difensiva, conseguentemente dunque la retroguardia scesa in campo contro i granata sarà confermata in blocco: Tomiyasu e Mbaye agiranno sull’out difensivo, al centro della retroguardia spazio a Danilo e Bani, quest’ultimo recuperato ma non al meglio dopo la botta al ginocchio rimediata nell’ultima gara.
Quattro i giocatori in corsa per due maglie da titolare in mezzo al campo: dopo aver ben impressionato in allenamento e da subentrante contro il Torino, Dominguez potrebbe guadagnarsi la prima maglia da titolare in Serie A. Il centrocampista argentino dovrebbe affiancare Poli, verso la panchina Dzemaili e Schouten, indietro nei rispettivi ballottaggi.  Tanto spavento, ma fortunatamente nessuna conseguenza, per Riccardo Orsolini: la botta alla spalla destra subita a metà settimana non ha avuto conseguenze, l’esterno marchigiano è pronto ad essere schierato regolarmente dall’inizio al fianco di Soriano e Sansone. La new-entry offensiva Barrow si accomoderà in panchina, conferma in arrivo per il sempreverde Palacio.

Squadra che vince e convince non si cambia, ragion per cui Juric dovrebbe confermare in blocco l’undici vittorioso sceso in campo contro il Genoa dall’inizio: vedremo dunque se l’Hellas Verona rinuncerà ancora una volta ad un vero e proprio riferimento offensivo, scelta che ha pagato i propri dividendi contro la formazione ligure, con Verre nell’occasione supportato da Pessina e Zaccagni alle spalle. Sulle corsie Faraoni e Lazovic, giocatori rilanciati da Juric, a supporto dell’inesauribile Amrabat e di Miguel Veloso, sempre pericoloso sui calci da fermo: inamovibile il terzetto difensivo formato da Rrahmani, Gunter e Kumbulla a protezione di Silvestri, portiere rivelazione della stagione. Ecco le probabili formazioni.

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; Tomiyasu, Danilo, Bani, Mbaye; Poli, Dominguez; Orsolini, Soriano, Sansone; Palacio. All. Mihajlovic.

VERONA (3-4-2-1): Silvestri; Rrahmani, Gunter, Kumbulla; Faraoni, Amrabat, Veloso, Lazovic; Zaccagni, Pessina; Verre. All. Juric.

Arbitro: Giovanni Ayroldi di Molfetta (Can B). Assistenti: Stefano Del Giovane (Albano Laziale) e Alessio Tolfo (Pordenone). IV Uomo: Maurizio Mariani (Aprilia). Var: Paolo Silvio Mazzoleni (Var Pro, Bergamo). Avar: Aleandro Di Paolo (Var Pro, Avezzano).