Mer. Feb 26th, 2020

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Bologna, centro del volley: arrivano le Final Four di Coppa Italia

3 min read

Un'immagine della finalissima di Coppa Italia di un anno fa all'Unipol Arena (foto Lega Volley)

Il più grande spettacolo del mondo. O quasi. Ferve l’attesa per le finali di Coppa Italia di volley che Bologna ospita – il 22 e 23 febbraio – per la quinta volta negli ultimi sette anni. O meglio, dopo due finalissime al Madison di Piazza Azzarita, per la terza volta la sede è l’Unipol Arena di Casalecchio di Reno, location ideale per la Final Four e i numeri che comporta. Basti dire che lo scorso anno sono arrivati a Casalecchio, nella due giorni di partite, la bellezza di 18.000 spettatori, cui vanno aggiunti i 660.000 incollati al video e a mamma Rai, secondo i dati Auditel ufficiali. «Oltre al nostro lavoro – racconta Fabrizio Rossini, uno dei due vicedirettori della Lega Volley e responsabile di Comunicazione e Campionati – la centralità di Bologna è naturalmente un grande plus. Sia per i tifosi delle squadre che partecipano, sia per tutti gli appassionati di volley in genere: basti pensare che lo scorso anno l’incasso è stato di 288.000 euro. Un vero e proprio record. E anche la finalissima di Coppa di A2/A3 che vede in lotta Bergamo e Brescia sarà un grande evento, con un grande Alberto Cisolla sicuro protagonista, lui che lo è stato per tanti anni con la maglia della nazionale azzurra».

Per non tralasciare l’aspetto squisitamente tecnico, con le prime quattro della classifica a contendersi il titolo: Civitanova, Perugia, Modena e Trento. Sono le squadre che si sono divise le ultime cinque Coppe e tutte e quattro l’hanno vinta negli ultimi dieci anni. Insomma il Gotha della pallavolo italiana, in piena corsa per il titolo quest’anno e non solo. Per intenderci, Civitanova è fresca campione del Mondo e Trento è la squadra che ha vinto più Mondiali per Club. Senza dimenticare i tecnici delle quattro squadre di A1: campioni che hanno fatto la storia mondiale di questa disciplina e che si sono imposti anche come coach. Fefè De Giorgi – di Civitanova – è senza dubbio il più titolato, almeno come allenatore, con scudetti e Coppa in Italia e in Polonia. A proposito di Polonia, Vital Heynen, ha guidato la nazionale polacca al titolo Mondiale, oltre ad aver vinto coppe e coppette in Germania. Angelo Lorenzetti allena Trento dopo aver vinto scudetti, coppe e Mondiale per club. Infine la coppia di Modena, dominatrice nel volley degli anni d’oro: Andrea Giani e Luca “Bazooka” Cantagalli. Insieme hanno vinto tre Mondiali con gli azzurri ma anche tantissimo da soli col club: 12 scudetti in due, 14 Coppe Italia e 6 Coppe dei Campioni. Davvero palmares da brividi per i quattro trainer.

«Alla Final Four di Coppa Italia – prosegue Fabrizio Rossini – partecipano squadre che, da sole, potrebbero giocare la finale olimpica. Tutto il mondo del volley ci guarda: siamo davvero un’eccellenza mondiale e speriamo di fare il tutto esaurito, anche Cev e Fivb, sono molto attente a quel che facciamo. E i nostri sponsor ci seguono con passione e attenzione». Basti pensare che una multinazionale come Del Monte lega il suo nome da ben nove anni alla manifestazione, vero esempio di affezione e qualità del lavoro svolto per attirare e tenere incollati alla sedia gli spettatori. «Naturalmente la mappa del tifo è sempre legata alle squadre partecipanti – continua Rossini – con le macroaree che le comprendono, ma l’interesse è sempre alto in tutta Italia e non solo. Naturalmente tanti acquisti di biglietti arrivano dalla stessa Bologna, che ha sempre fame di volley e dall’Emilia Romagna». Una regione, la nostra, da sempre culla del volley, con i primi scudetti divisi tra Ravenna e Modena e una cultura radicatissima in giovani e adulti e, perché no, anche tanti arzilli vecchietti.

Sarà naturalmente possibile acquistare in prevendita i tagliandi sotto forma di abbonamento per i due giorni all’Unipol Arena, dove sarà presente anche una ricchissima area stand con gli sponsor che faranno divertire al massimo i tifosi presenti, con zone per gli autografi con i giocatori. «Ci sarà un’animazione continua – conclude il vicedirettore della Lega – per tutti gli spettatori, con tanto di maxischermo e moltissime altre iniziative che presenteremo nel dettaglio tra breve. Del resto quello di Casalecchio è un palasport bellissimo che si presta ottimamente. Del resto i nostri sono numeri da grande concerto rock e l’aria che si respira all’interno dell’Unipol Arena durante il weekend delle finali è sempre fantastica».

Programma Final Four Coppa Italia. Sabato 22 febbraio: semifinali (ore 16 e 18,30). Domenica 23 febbraio: Finale A2/A3 Brescia-Bergamo (ore 14,30). Finale Superlega (ore 18).