Mer. Feb 26th, 2020

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Bologna fc a caccia del Grifone

4 min read
Le ultime notizie e le probabili formazioni di Bologna-Genoa di domani pomeriggio allo Stadio Dall'Ara di Bologna

Takehiro Tomiyasu tra i migliori in questa stagione (foto www.bolognafc.it)

Ennesimo sabato in campo per il Bologna, la cui ultima sfida domenicale risale al match interno contro il Verona: i felsinei ospiteranno il Genoa nel secondo anticipo della 24ª giornata di Serie A, con calcio d’inizio fissato per le 18 e diretta televisiva su Sky.

L’impresa di Roma, per l’esito finale e il gioco mostrato, ha ulteriormente impreziosito la classifica – se il Verona avesse perso con la Juventus, come possibile, il Bologna sarebbe sesto da solo – e galvanizzato un ambiente che ora culla sogni europei: alle porte due sfide interne da non sottovalutare contro Genoa e Udinese. Arriveranno due formazioni che occupano la parte destra della classifica e alla ricerca di punti salvezza, anche se più i liguri dei friulani, ragion per cui è facile pensare ad un Bologna chiamato a fare la partita contro rivali chiusi, ordinati e speculativi.

Primo avversario, in ordine cronologico, il Genoa di Davide Nicola: attualmente terzultimo in graduatoria, il Grifone ha raccolto 8 punti nelle 6 uscite con il tecnico piemontese, terzo allenatore stagionale dopo Andreazzoli e Thiago Motta. Al netto della classifica, la compagine ligura è in ripresa: la squadra è ben strutturata fisicamente e, finito il mercato, è ripartita dalla solidità difensiva. Il Genoa, tra l’altro, è pronto a scendere in campo al Dall’Ara conoscendo il risultato dello scontro diretto Lecce-Spal, altre due squadre immischiate nella lotta salvezza.

I 44 precedenti tra le due squadre nella massima serie pendono dalla parte dei padroni di casa: 22 successi, l’ultimo dei quali maturato nella stagione 2017-18 con la firma della coppia Destro-Falletti, il primo oggi tornato proprio al Genoa. Sono 18 i pareggi da registrare: nel febbraio dello scorso anno le due squadre si annullarono con Destro prima e Lerager poi, nella sfida che rappresentava il ritorno di Mihajlovic al Dall’Ara quale allenatore del Bologna, dieci anni dopo esser stato esonerato a seguito dell’1-4 interno contro il Siena. Il quarto e ultimo successo ligure risale all’ottobre 2016: di misura e nel quarto d’ora finale di gara Giovanni Simeone decise una gara contrassegnata da numerose polemiche arbitrali.

Capitolo formazioni: il Bologna ritrova Andrea Poli, out contro la Roma per squalifica, ma vive con il dubbio legato a Roberto Soriano, la cui contusione alla coscia sinistra rimediata all’Olimpico potrebbe tenerlo fuori proprio contro il Genoa. Il centrocampista italotedesco potrebbe unirsi a Medel, Krejci, Santander, Sansone e Dijks, tutti al momento ai box per problemi di natura fisica. E sarebbe una grave perdita, visto che è un po’ l’equilibratore della squadra, tra attacco e difesa.
Sospiro di sollievo per Orsolini e Barrow. i due giovani talenti del Bologna, sono usciti acciaccati dall’Olimpico: il primo per una ferita al ginocchio per cui sono stati necessari 7 punti di sutura e il secondo per un trauma contusivo distorsivo alla caviglia sinistra. Entrambi sono rientrati in gruppo nella giornata di mercoledì e saranno a disposizione di Mihajlovic, due presenze importanti alla luce di un reparto offensivo che già deve fare a meno di Sansone e Santander. Conferma in blocco per l’intera retroguardia a supporto di Skorupski, in mediana rientra Poli al fianco di Schouten: il centrocampista veneto è pronto a riprendere il suo posto rilevando Svanberg, il giovane calciatore svedese dovrebbe invece essere impiegato nelle vesti di trequartista, qualora Soriano dovesse dare forfait, ancora una volta preferito a Dominguez. Ai lati di Svanberg e a supporto dell’unica punta Palacio spazio, salvo imprevisti, ad Orsolini e a Barrow, 5 gol complessivi nelle ultime 3 uscite di campionato. Poi spazio, a gara in corso, a Skov Olsen.

Diverse defezioni anche in casa Genoa: nuovo stop per Romero, la cui distorsione al ginocchio mette in forte dubbio la sua presenza contro il Bologna. In precedenza, nel corso della sfida vinta contro il Cagliari, Nicola ha dovuto far fronte alle sostituzioni anzitempo di Schone e Ghiglione: quest’ultimo resterà fuori per un mese, il centrocampista ex Ajax potrebbe essere invece preservato in vista della volata salvezza. Davanti a Perin spazio al terzetto Biraschi-Soumaoro-Masiello, nel caso di assenza di Romero. Ankersen e Criscito sono esterni di centrocampo nel 3-5-2 che vedrà Sturaro, e Behrami come interni ai fianchi del centrale Radovanovic a comporre una mediana fisica e muscolare. Il tandem offensivo dovrebbe essere composto ancora una volta da Pinamonti e Sanabria, con Pandev destinato alla panchina: il reparto offensivo del Genoa conta, oltre all’ex Destro, anche Iago Falque e Favilli.

Ecco le probabili formazioni di Bologna e Genoa, nonchè la squadra arbitrale al completo.

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; Tomiyasu, Bani, Danilo, Denswil; Schouten, Poli; Orsolini, Svanberg, Barrow; Palacio. All. Mihajlovic.
GENOA (3-5-2): Perin; Biraschi, Soumaoro, Masiello; Ankersen, Behrami, Radovanovic, Sturaro, Criscito; Pinamonti, Sanabria. All. Nicola.
Arbitro: Davide Massa di Imperia. Assistenti: Pasquale De Meo (Foggia) e Lorenzo Gori (Arezzo). IV Uomo: Riccardo Ros (Can B, Pordenone). Var: Luigi Nasca (Var Pro, Bari). Avar: Dario Cecconi (Empoli).