Gio. Set 24th, 2020

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Le PAGELLE di BOLOGNA-JUVENTUS 0-2

3 min read
Giocatore per giocatore le pagelle dei calciatori del Bfc dopo Bologna-Juventus della 27ª giornata di serie A

Gianmarco Cangiano, classe 2001, ha debuttato in serie A con la maglia del Bologna (foto Instagram Cangiano).

SKORUPSKI 6,5. Non deve fare parate ma si inchina al rigore di Cristiano Ronaldo che difficilmente ne sbaglia due a fila, poi il tiro imparabile di Dybala. Nel secondo tempo compie un vero miracolo deviando sul palo il bolide di Bernardeschi.

TOMIYASU 6. Controlla benissimo Ronaldo che non gli scappa mai se non all’inizio. È vero che il portoghese al momento attuale è l’ombra di sè ma il nipponico si conferma uno dei migliori rossoblù della stagione.

DANILO 6. Il Bologna prova sempre a proporre gioco ma l’ultima volta che i felsinei restano con la porta imbattuta è a fine settembre col Genoa. Un po’ troppo.

DENSWIL 5. Un po’ pollo in occasione del rigore fischiato a favore della Juventus: gli è scappato De Ligt che, probabilmente, non sarebbe andato da nessuna parte e non aveva senso tirare la maglia del centrale avversario. Poi lascia davvero troppo spazio a Dybala in occasione della seconda rete bianconera.

DIJKS 6. Torna dopo nove mesi senza gare e non può essere lo stesso trattore di prima dell’anno scorso. Ma sarà utile, eccome, al Bologna se prosegue nella sua crescita.

MEDEL 6. Ringhia a centrocampo e fa il suo: non gli si può però chiedere anche di impostare il gioco, cosa che non è proprio nelle sue corde. Dal 37’ st Poli sv.Probabilmente non è in forma come vorrebbe Mihajlovic, ma la sua assenza si vede eccome.

SVANBERG 5. A lui sarebbero affidate le chiavi del centrocampo ma non ha sempre la lucidità necessaria per trovare gli spazi che pure gli avversari lasciano. Dal 12’ st Palacio 6,5. Cambia assetto con Soriano che scivola a centrocampo: dà vivacità all’attacco e si vede che va centellinato, ma è sempre fondamentale.

ORSOLINI 6. A volte vuole strafare e si intestardisce nel puntare la difesa avversaria centralmente mentre quando ha un muro davanti forse farebbe meglio a scaricare lateralmente. Dal 37’ st Juwara sv. Porterebbe all’espulsione del Danilo bianconero, graziato col solo giallo da Rocchi.

SORIANO 5,5. Ancora non è al meglio e si vede: non aiuta troppo in fase offensiva e fa decisamente meglio nel secondo tempo quando arretra nei due di centrocampo. Dal 30’ st Dominguez 6. Entra per un Soriano che non ne ha più e Mihajlovic gli affida le chiavi del centrocampo.

SANSONE 5,5. Il tridente alle spalle di Barrow non è che funzioni al meglio, sino a quando non entra Palacio e anche Sansone ha qualche colpa, peraltro da dividere con i compagni di reparto. Dal 37’ st Cangiano 6. Debutto in serie A per il primavera napoletano

BARROW 6. Ha uno strapotere fisico che dovrebbe sfruttare meglio, vista la stanchezza generale e il ritmo davvero bassissimo di una partita che sembra più un’amichevole estiva – se l’avversario fosse un altro – che una partita vera di campionato.

ALLENATORE MIHAJLOVIC 6. La squadra ha voglia di giocare ma si vede che la ruggine è ancora tanta: verranno sicuramente giorni migliori, anche se la fase difensiva un po’ va migliorata.

ARBITRO ROCCHI 5. Rigorino ma in effetti al Var si vede l’ingenuissima trattenuta di Denswil su De Ligt, francamente inutile. Chiffi lo richiama allo schermo sul campo e Rocchi torna sui suoi passi. Se ci si deve fidare del Var, De Sciglio prende la palla e poi Barrow gli va addosso ma nessuna immagine è chiara. E qualche dubbio resta. Ci mette un’azione di troppo per espellere Danilo Da Silva, quello juventino per capirci.

JUVENTUS: Szczesny 5; Cuadrado 5,5, De Ligt 6, Bonucci 6, De Sciglio 6 (21’ st Danilo 3,5); Bentancur 5,5, Pjanic 5 (25’ st Ramsey 6), Rabiot 5,5 (25’ st Matuidi 5,5); Bernardeschi 6,5, Dybala 6,5, Ronaldo 5. All. Sarri 5.