Lun. Lug 6th, 2020

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Bologna fc, inizia l’attacco all’Europa

4 min read
Le ultime notizie e le probabili formazioni di Bologna-Cagliari di domani allo Stadio Dall'Ara

Nicola Sansone ha segnato su rigore al Milan (foto pagina Facebook Bologna)

Sogni e spensieratezza al Dall’Ara, nell’incrocio tra Bologna e Cagliari, due compagini che si trovano esattamente a centroclassifica e ambiscono al bottino pieno per continuare a coltivare ambizioni di Europa League, al momento distante – con il Napoli tra le prime 6 in classifica – 5 punti per i padroni di casa e 4 per la formazione ospite. Calcio d’inizio fissato per domani sera alle 19.30, con diretta televisiva ad opera di Sky. 

Entrambe le formazioni arrivano da un successo maturato nell’ultimo turno: il Bologna, più cinico del solito, ha superato per 2-1 in trasferta la Sampdoria, lasciando la truppa di Ranieri alle porte della zona calda. Per il Cagliari pirotecnico 4-2 contro un Torino irriconoscibile, con i granata destinati a salvarsi più per demeriti altrui che per meriti propri.

Il Bologna si presenta ai nastri di partenza di quello che a tutti gli effetti sembra essere un mini-torneo per l’accesso all’Europa League: nel giro dei prossimi 20 giorni da registrare infatti gli scontri diretti contro Cagliari, Parma, Milan e Napoli, tutte formazioni che precedono i rossoblù in classifica. Non solo la corsa per l’Europa: ad esempio, un miglior posizionamento garantisce maggiori introiti televisivi e chiudere tra le prime 8 sancisce la possibilità di saltare quel 3º turno di Coppa Italia che, solitamente, apre la stagione calcistica della prima squadra. 

L’avversario di turno ha finora vissuto un vero e proprio saliscendi stagionale: autentica rivelazione del campionato sino a dicembre, con 29 punti nelle prime 15 giornate e il 4° posto, nei successivi 10 turni i sardi hanno inanellato 3 pareggi e ben 7 sconfitte, un ruolino di marcia che ha inevitabilmente portato all’esonero di Maran, prima della sosta. Il suo erede, Walter Zenga, non aveva però disputato alcun match preCovid: è arrivato il ko al debutto contro l’Hellas, ma ora sembra aver rimesso in carreggiata la squadra – peraltro costruita con grande dispendio economico – con i due successi in fila raccolti contro Spal e Torino.

Sono 29 i precedenti nella massima serie al Dall’Ara tra le due compagini: 15 successi per i padroni di casa, l’ultimo dei quali risale al 2-0 dello scorso torneo, una vittoria che fece da apripista ai 26 punti raccolti nel giro di 2 mesi e mezzo. Appena 8 i pareggi, nella stagione 2017-18 Destro rispose nella ripresa alla rete del brasiliano Joao Pedro, mentre per ritrovare l’ultima vittoria in terra emiliana da parte dei rossoblù sardi bisogna tornare al gennaio 2010: a decidere la sfida fu Alessandro Matri.
Capitolo formazioni: Mihajlovic farà ricorso al turnover, come inevitabile che sia in un mese estenuante che vedrà le squadre scendere in campo ogni 3-4 giorni, mentre Zenga dovrà valutare e scegliere anche alla luce dei 6 assenti per infortunio, 2 in più di quelli del Bologna.

Capitolo formazioni: si allunga la lista degli indisponibili per Sinisa Mihajlovic. Ai noti Mbaye, Santander e Skov Olsen nelle ultime ore si è aggiunto anche Andrea Poli, con il capitano rossoblu vittima di uno stiramento del semimembranoso sinistro che lo terrà fuori per i prossimi 7-10 giorni.
La retroguardia non dovrebbe subire variazioni rispetto a quella scesa in campo contro la Sampdoria, questo nonostante l’età non più verdissima di Danilo ed un Dijks presente negli scorsi 180 minuti dopo 9 mesi senza gare ufficiali nelle gambe: l’esperto difensore brasiliano e l’esterno scuola Ajax formeranno con Bani e Tomiyasu il quartetto chiamato a proteggere l’estremo difensore Skorupski.
Da registrare un ballottaggio in mezzo al campo: al fianco di Medel, positivo contro la Juventus e contro la Sampdoria, si contendono una maglia da titolare Schouten e Dominguez. Il giovane centrocampista olandese è favorito per ricomporre con il cileno la coppia ben distintasi nel secondo tempo della sfida poi vinta contro i blucerchiati, mentre il talento argentino viaggia verso la panchina, pronto per subentrare in corso d’opera. Orsolini e Soriano non conoscono soste in avanti, a differenza di Palacio: l’attaccante argentino dovrebbe partire dalla panchina, lasciando spazio a Barrow nel ruolo di punta centrale e a Sansone nel ruolo di esterno sinistro offensivo. 

Anche Walter Zenga deve far fronte ad una corposa lista di infortunati, composta da Pereiro, Oliva, Klavan, Pisacane, Faragò e Pavoletti: rispetto al vittorioso match interno contro il Torino dovrebbe tornare titolare Luca Pellegrini – che peraltro ha fatto molto bene entrando dalla panchina col Toro – come esterno sinistro del 3-5-2 per Lykogiannis, mentre Ionita cerca una maglia da titolare ai danni dell’ex Mattiello. Verso la conferma gli interni di centrocampo Nainggolan-Rog-Nandez, protagonisti di un ottimo momento, con il solo Cigarini che prova ad insidiare il centrocampista croato: ovviamente intoccabile il tandem offensivo composto da Joao Pedro e Simeone, protagonisti di 26 dei 47 gol complessivi della compagine sarda. Ecco, dunque, le probabili formazioni.

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; Tomiyasu, Danilo, Bani, Krejci; Medel, Schouten; Orsolini, Soriano, Sansone; Barrow. All. Mihajlovic. 

CAGLIARI (3-5-2): Cragno; Carboni, Ceppitelli, Walukiewicz; Mattiello, Nainggolan, Rog, Nandez, Lu. Pellegrini; Simeone, Joao Pedro. All. Zenga.

Arbitro: Juan Luca Sacchi di Macerata (Can B). Assistenti: Ciro Carbone (Napoli) e Andrea Zingarelli (Can B, Siena). IV Uomo: Riccardo Ros (Can B, Pordenone). Var: Antonio Giua (Olbia). Avar: Filippo Meli (Parma).