Lun. Set 28th, 2020

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Bologna fc: col Sassuolo è assalto all’Europa

5 min read
Le ultime notizie e le probabili formazioni di Bologna-Sassuolo di questa sera allo Stadio Dall'Ara di Bologna
Dominguez

Nico Dominguez dovrebbe giocatore titolare anche contro il Sassuolo (foto pagina Facebook Bologna fc).

Neanche il tempo di festeggiare il colpo grosso in quel di Milano che si torna già in campo: il Bologna sarà infatti di scena al Dall’Ara, ovviamente a porte chiuse, contro il Sassuolo questa sera in una sfida valida per la 31ª giornata di Serie A. Un vero e proprio spareggio per le due formazioni per poter continuare a coltivare sogni europei, con calcio d’inizio fissato per le 21,45 e diretta televisiva su Sky.

Due squadre in salute, quelle che si affronteranno sul manto verde del capoluogo emiliano: i 7 punti raccolti nelle ultime 3 uscite di campionato hanno permesso ad entrambe di abbracciare nuovamente la parte sinistra della classifica e, alla luce dei risultati degli ultimi 90 minuti, di mantenere invariate le distanze dal 7° posto occupato dal Milan e di riavvicinarsi ad una Roma 5ª in classifica e in preda ad una crisi nerissima, come dimostrano le 3 sconfitte consecutive e gli appena 13 punti raccolti nel 2020 che ne fanno una delle ultime formazioni dell’anno solare. Alla luce della doppia travolgente vittoria del Milan su Lazio e Juventus (rimontando da 0-2 subito a inizio ripresa), sembra più facile raggiungere e superare i capitolini che i meneghini, lanciatissimi.

Il Bologna deve ripartire dalla vittoria di carattere, convinzione e voglia del Meazza: dopo un primo tempo negativo, il Bologna ha avuto la forza di reagire allo svantaggio, alla sfortuna (incredibile palo di Barrow) e all’inferiorità numerica, sfruttando anche un fisiologico calo dell’Inter e riuscendo a ribaltare con pieno merito la contesa. Prove del genere fanno ben sperare in vista di quel salto di qualità che dovrebbe portare i rossoblù ad insediarsi stabilmente nei prossimi anni in lotta per l’Europa.

Positivo anche il momento del Sassuolo, con De Zerbi che sembra aver trovato quella continuità di risultati da abbinare a prestazioni sempre piacevoli e di livello: come per il Bologna, anche per i neroverdi il vero punto di forza è rappresentato dalla propria fase offensiva e il tallone d’Achille è da riscontrarsi invece in una fase difensiva generosa con gli avversari: nelle cinque partite disputate alla ripresa, il Sassuolo ha sempre segnato ma anche sempre subito gol con 14 reti fatte e 13 subite. L’unica sconfitta è arrivata per mano dell’Atalanta (1-4) in una gara che però ha visto il Sassuolo sprecare l’impossibile sotto porta. Mihajlovic e De Zerbi, chiaramente nelle rispettive differenze, sono accumunati da una mentalità propositiva ed offensiva: una scelta che, ovviamente, espone a qualche rischio in più le rispettive retroguardie ma è in grado di garantire spettacolo, concretezza e risultati.

Pochi i precedenti tra le due compagini, nella massima serie, sotto le Due Torri: 2 successi per i padroni di casa, l’ultimo dei quali maturato nello scorso campionato al 96’ grazie a Mattia Destro, in un finale di gara vietato ai deboli di cuore. L’unico successo neroverde risale all’agosto 2015, quando Floro Flores, sempre nel finale di gara, rovinò la prima tra le mura amiche in Serie A degli allora uomini guidati da Delio Rossi. Completano il quadro i due pareggi (0-0 e 1-1) maturati rispettivamente nelle stagioni 2013/14 e 2016/17.

Capitolo formazioni: Sinisa Mihajlovic può sorridere, poiché i soli assenti per infortunio contro il Sassuolo saranno Poli e Santander. Tornano infatti a disposizione Mbaye e Skov Olsen, destinati comunque alla panchina, e ritorna anche Gary Medel, finito in tribuna contro i nerazzurri a causa di una lombalgia. Nei prossimi 180 minuti Mihajlovic dovrà però fare a meno di Soriano, come noto espulso nel corso della sfida contro la compagine meneghina per un’espressione irriguardosa ai danni del direttore di gara Pairetto.
Come cambia dunque il Bologna, giunto alla terza gara nel mese di luglio? La linea difensiva dovrebbe rivedere dall’inizio Bani in luogo di Denswil: il centrale toscano è pronto a far coppia con lo stakhanovista Danilo, ai loro lati Tomiyasu e Dijks, favoriti su Mbaye e Krejci per i posti sulle fasce.
In mediana con Schouten potrebbe tornare Gary Medel, recuperato dopo la lombalgia che l’ha costretto a saltare la gara con l’Inter: l’esperto centrocampista cileno si gioca una maglia con Dominguez. 
Ancora una volta staffetta in avanti: Palacio, dopo l’iniziale panchina contro la propria ex squadra, torna al centro dell’attacco e sarà supportato sulla sinistra da uno scatenato da Barrow e sulla destra ovviamente da Orsolini, che a Milano ha finalmente potuto beneficiare di un cambio. Iniziale panchina per Sansone, purtroppo al centro di un momento connotato da poca efficacia, con Svanberg che agirà nelle vesti di trequartista al posto dello squalificato Soriano.

Per il Sassuolo out per infortunio i soli Obiang e Romagna, a cui negli ultimi 90 minuti si è andato ad aggiungere Filip Djuricic, in diffida e ammonito contro il Lecce e dunque squalificato per un turno.
Maggiori possibilità di rotazioni dunque per De Zerbi: rispetto alla sfida contro i salentini (vinta 4-2) potrebbe cambiare più di metà squadra.
Partendo dalla difesa, spazio a Chiriches e a Rogerio in luogo di Marlon e Kyriakopoulos: Ferrari e Muldur a completare il pacchetto arretrato pronto a proteggere Consigli, in panchina sabato.
In mezzo al campo torna capitan Magnanelli al fianco di Locatelli, mentre in avanti il tecnico bresciano tende sempre a riservare qualche sorpresa: Berardi-Traore-Boga dovrebbe essere il terzetto alle spalle di Caputo, ma attenzione alle quotazioni di Defrel come possibile riferimento centrale dell’attacco. Ecco le probabili formazioni e la composizione della squadra arbitrale.

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; Tomiyasu, Danilo, Bani, Djiks; Medel, Schouten; Orsolini, Svanberg, Barrow; Palacio. All. Mihajlovic. 

SASSUOLO (4-2-3-1): Consigli; Muldur, Chiriches, Ferrari, Rogerio; Magnanelli, Locatelli; Berardi, Traore, Boga; Caputo; All. De Zerbi.

Arbitro: Francesco Fourneau (Can B, Roma1). Assistenti: Fabiano Preti (Mantova) e Avalos (XX). IV Uomo: Manuel Volpi (Can B, Arezzo). Var: Fabrizio Pasqua (Tivoli). Avar: Rodolfo Di Vuolo (Castellammare di Stabia).