Lun. Set 28th, 2020

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Incombe il Covid-19 su Parma-Bologna fc

4 min read
Le ultime notizie e le probabili formazioni di Parma-Bologna di domani sera allo Stadio Tardini di Parma

Takehiro Tomiyasu ha segnato il primo gol in serie A (foto www.bolognafc.it)

Sull’ennesimo derby della Via Emilia, l’ultimo stagionale da calendario incombe il cataclisma Covid-19. Infatti, proprio alla vigilia di Parma-Bologna si è saputo che una persona dello staff ducale – non un giocatore, però – è risultato positivo. Così i ducali sono stati messi in quarantena a Collecchio, secondo l’ultimo protocollo approvato dalla Figc. Domani, però, si giocherà regolarmente, in barba ad ogni misura di sicurezza. Ma questo è il calcio di oggi, e – facendo tutti gli scongiuri del caso, s’intende – c’è da capire cosa potrebbe accadere se la prossima settimana si trovasse un bolognese positivo, magari lo stesso Sinisa Mihajlovic che meno di un anno fa ha subito il trapianto di midollo per le note e drammatiche vicende, inutili da rivangare. Per fortuna pare che il virus sia meno virulento e letale e a questo ci si attacca.

Tornando al calcio giocato, invece, dopo aver ospitato il Sassuolo il Bologna fa visita al Parma. Il calcio d’inizio di questa sfida, in campo al Tardini e valida per la 32ª giornata. è fissato per le 19,30 di domani sera, con diretta televisiva ad opera di Sky. 
L’ultimo turno ha di fatto sancito, per il Bologna, l’addio al sogno Europa League, ma i prossimi 20 giorni di campionato non saranno certo privi di potenziali obiettivi per la compagine rossoblù: su tutti quello di provare a migliorare il decimo posto e i 44 punti raggiunti al termine dello scorso campionato, magari ambendo a quell’ottava piazza che garantirebbe maggiori introiti televisivi e un turno di Coppa Italia in meno da disputare. Tutto questo senza dimenticare la possibilità di concedere minuti e spazi ai tanti giovani in rosa: nella Serie A post-Covid, statistiche alla mano, il Bologna è infatti la squadra più giovane della Serie A per quanto riguarda l’età media (23.2) dei subentranti dalla panchina. 
Di contro, i padroni di casa vivono un momento difficile: quattro ko di fila negli ultimi 10 giorni, seppur molto diversi tra loro, l’ultimo dei quali maturato a Roma per 2-1. L’esito finale è stato sicuramente condizionato da un evidente rigore negato (con le squadre già sul 2-1) ai ducali nella seconda metà di gara, con l’arbitro ravennate Fabbri che inspiegabilmente non ha concesso l’estrema punizione nonostante si sia avvalso della on field review, ovvero sia andato al monitor a rivedere l’azione incriminata. 
La fortezza ducale è storicamente indigesta ai colori bolognesi: basti pensare che, escludendo dal conteggio il beffardo e illusorio successo nello spareggio-salvezza della stagione 2004-05, sono arrivate unicamente 3 vittorie nei 16 precedenti al Tardini in Serie A, l’ultima delle quali è lo 0-2 della stagione 2012-13. Sono 5 i pareggi, con il segno X protagonista del più recente confronto tra le 2 compagini, mentre i padroni di casa si sono imposti in 8 circostanze.

Capitolo formazioni: Sinisa Mihajlovic (in tribuna al Tardini per squalifica) ritrova Soriano, la cui seconda giornata di squalifica inizialmente da scontare domani è stata commutata dalla Corte d’Appello Federale in un’ammenda al giocatore, ma perde proprio per squalifica Denswil, in diffida e ammonito contro il Sassuolo, e Schouten, out per circa 2 settimane a causa di uno stiramento del bicipite femorale destro. Ancora una volta out Santander e Poli.
Diverse le novità rispetto all’undici titolare sceso in campo dall’inizio contro il Sassuolo: tra i pali ovviamente Skorupski, la retroguardia riabbraccia Danilo pronto a formare la coppia centrale con Bani, sugli esterni spazio a Tomiyasu e Dijks
La linea mediana, alla luce delle contemporanee assenze di Poli e Schouten, dovrebbe essere composta da Medel e da Dominguez: dalla panchina pronti a dar manforte Svanberg ed il giovane Baldursson.
La trequarti ritrova Soriano: uno scatenato Barrow (a segno nelle ultime 4 uscite di campionato) ed Orsolini sono sicuri di una maglia da titolare, con l’unico ballottaggio offensivo tra Sansone e Palacio. Questa volta dovrebbe partire dalla panchina l’esperto attaccante argentino. 

Qualche ballottaggio da registrare anche in casa Parma, specialmente a centrocampo e in attacco: sarà infatti da valutare la posizione di Kucka in campo, sempre più verso l’utilizzo nel ruolo di riferimento centrale offensivo, supportato ai lati da Kulusevski e da Gervinho. In mezzo al campo dunque spazio al vertice basso Scozzarella, coadiuvato da Hernani e Kurtic.
La linea difensiva dovrebbe vedere le conferme di Iacoponi e Bruno Alves e gli ingressi di Laurini e Gagliolo in luogo di Darmian e Pezzella: i quattro difendenti agiranno a protezione di Sepe. Ecco le probabili formazioni e il gruppo della direzione arbitrale.

PARMA (4-3-3): Sepe; laurini, Iacoponi, Alves, Gagliolo; Hernani, Scozzarella, Kurtic; Kulusevski, Kucka, Gervinho. All. D’Aversa.

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; Tomiyasu, Danilo, Bani, Dijks; Medel, Dominguez; Orsolini, Soriano, Sansone; Barrow. All. Mihajlovic. 

Arbitro: Maurizio Mariani di Aprilia. Assistenti: Giorgio Peretti (Verona) ed Emanuele Prenna (Molfetta). IV Uomo: Antonio Giua (Olbia). Var: Fabio Maresca (Napoli). Avar: Mauro Vivenzi (Brescia).