Lun. Ago 10th, 2020

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Pre PARMA-BOLOGNA, Sinisa Mihajlovic: «Il nostro atteggiamento non sarà quello sbagliato, non voglio brutte figure»

2 min read
Le parole di Sinisa MIhajlovic dopo la partita contro il Parma, valida per la 32ª giornata di Serie A Tim 2019-2020.

Sinisa Mihajlovic, tecnico del Bologna (Foto Bologna Fc 1909)

Sinisa Mihajlovic, domani in tribuna al Tardini a causa della giornata di squalifica rimediata dopo l’espulsione contro il Sassuolo, si è espresso in conferenza stampa alla vigilia della trasferta in terra ducale.

La trasferta di Parma, il finale di campionato ed i tanti giovani: «Proprio oggi, alle 21:30, di un anno fa Sabatini, Nanni e Di Vaio sono venuti nella mia camera a dirmi che avevo la leucemia. È stato un anno importante che difficilmente dimenticherò, un anno difficile. La società e i miei ragazzi sono stati bravi, nessuno si immaginava che a distanza di un anno fossi ancora qui a parlare di calcio. Adesso speriamo che possa tornare il pubblico allo stadio, Boskov diceva che uno stadio senza pubblico è come una donna senza tette. Il Parma gioca un calcio diverso rispetto alla scorsa stagione, non so se si chiuderanno: sappiamo che loro in contropiede fanno male, è una partita aperta dove possono succedere tante cose. Domani sono preoccupato perché il Parma la scorsa settimana si è lamentato per l’arbitraggio e ho paura che domani potremmo pagare noi per gli altri. Spero di no ma può succedere facilmente che ci diano un rigore contro perché non hanno fischiato un rigore prima. Il rischio di un finale anonimo? Non mi piace ripetere le cose, non rischiamo nulla e facciamo quello che dobbiamo fare. L’atteggiamento non sarà mai quello sbagliato, io per primo non voglio fare brutte figure. Noi cerchiamo di giocare sempre allo stesso modo, onestamente credo sia un caso che vinciamo più fuori che in casa. Con il rientro di Mbaye è plausibile pensare a Tomiyasu centrale, è una soluzione che vorrei provare prima della fine del campionato. Baldursson, Svanberg e Dominguez? Possono giocare a due o a tre a centrocampo, ma anche dietro le punte. Sono giocatori offensivi. Baldursson mi piace molto, è freddo come il ghiaccio, in allenamento non sbaglia mai. Se Soriano non ci fosse stato lo avrei messo titolare, sicuramente entrerà. Dominguez domani ci sarà dal 1°minuto»