Lun. Set 28th, 2020

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Bologna fc in visita alla Dea più pericolosa

4 min read
Le ultime notizie e le probabili formazioni di Atalanta-Bologna di questa sera allo Stadio Azzurri d'Italia di Bergamo

Mattias Svanberg ha segnato il primo gol in serie A (Foto Bologna Fc 1909)

Ultimo atto del tremendo trittico per il Bologna che, dopo aver affrontato Napoli e Milan, si ritrova dinnanzi a un’Atalanta sempre meno sorpresa e sempre più splendida realtà a livello nazionale e internazionale. Il calcio d’inizio della prima sfida valida per la 35ª giornata fissato per le 19.30, con la diretta televisiva ad opera di Sky. 

Il fisiologico turnover e i numerosi esperimenti, uniti chiaramente alla forma e alla forza dell’avversario, hanno decretato la pesante sconfitta a Milano: Sinisa Mihajlovic non accetta però alibi e pretende una risposta immediata dalla squadra, a suo dire presentatasi in campo come un vero e proprio sparring partner. Nulla è più raggiungibile in termini di obiettivi concreti, resta però la possibilità di chiudere bene – magari migliorandosi rispetto alla scorsa stagione – anche e soprattutto per partire con più slancio in vista della prossima stagione, il cui via è fissato tra meno di 2 mesi. 
La creatura di Gasperini vola in Italia e in Europa: la Dea è la capolista dalla ripresa del campionato e per qualche settimana ha persino cullato la possibilità di avvicinarsi alla Juventus, sogno compromesso dalla vittoria gettata alle ortiche proprio nel finale di Torino e dai 2 punti persi a Verona. Già aritmeticamente tra le prime 4, l’Atalanta ricerca comunque un piazzamento tra le prime 3 onde evitare sorprese – molto improbabili va detto – ad agosto: qualora Napoli e Roma vincessero rispettivamente in Champions League ed Europa League, la 4ª classificata in campionato disputerebbe infatti la seconda competizione continentale, con i partenopei che andrebbero a far compagnia alle altre italiane nella coppa dalle grandi orecchie. 

Precedenti poco confortanti a Bergamo: l’ultimo dei 7 successi sui 48 confronti disputati in Lombardia, ovviamente nella massima serie, risale ad un freddo infrasettimanale di gennaio 2009 con una punizione insidiosa di Sergio Volpi a beffare l’estremo difensore di casa, Coppola. L’allenatore di quella squadra? Curiosamente Sinisa Mihajlovic. Completano il quadro dei precedenti i 26 successi nerazzurri, l’ultimo dei quali risalente al tremendo 4-1 della scorsa stagione che avrebbe potuto assumere proporzioni ben più elevate, mentre il più recente dei 15 pareggi risale al 2012-13, con un 1-1 firmato da Giorgi e Gilardino. 

Capitolo formazioni: Sinisa Mihajlovic deve rinunciare come noto a Bani e Schouten, infortunati, cui si è aggiunto Mitchell Dijks, in diffida e ammonito contro il Milan. 
Davanti a Skorupski si dovrebbe rivedere il quartetto difensivo sceso in campo dall’inizio contro il Milan, eccezion fatta ovviamente per Krejci, pronto a rilevare Dijks: spazio ancora una volta a Tomiyasu sull’out di destra, Danilo e Denswil a comporre la coppia centrale difensiva. Il tandem di centrocampo dovrebbe essere composto da Medel e Svanberg, entrambi in panchina a Milano: chance importante per il giovane centrocampista svedese, uno dei giocatori a cui Sinisa Mihajlovic ha richiesto pubblicamente risposte importanti in vista della prossima stagione. Di fatto rivoluzionato il reparto offensivo: da registrare la conferma di Soriano sulla trequarti e gli innesti di Skov Olsen, Barrow e Palacio in luogo di Orsolini (in svantaggio nel ballottaggio con il danese classe 1999) Sansone e Santander.

Poche novità attese per Gasperini rispetto all’undici titolare di Verona: Caldara non sembra essere tornato ai livelli visti nella sua prima esperienza bergamasca, ragion per cui si va verso la conferma del tridente difensivo Toloi-Palomino-Djimsiti, pronti a proteggere Gollini. Qualche novità invece in mezzo al campo,: spazio a Castagne e De Roon, fuori dagli undici titolari contro l’Hellas, al posto di un Hateboer squalificato e di Pasalic. Conferma in blocco per il reparto offensivo, e non potrebbe essere altrimenti vista la cronica assenza di Ilicic, a questo punto preservato per la sfida di Champions League contro il PSG: Malinovskyi e Gomez agiranno a supporto di Duvan Zapata.

Ecco le probabili formazioni e il gruppo della direzione arbitrale.

ATALANTA (3-4-2-1): Gollini; Toloi, Palomino, Djimsiti; Castagne, De Roon, Freuler, Gosens; Malivoskyi, Gomez; Zapata. All. Gasperini.

BOLOGNA (4-2-3.1): Skorupski; Tomiyasu Danilo, Denswil, Krejci; Medel, Svanberg; Skov Olsen, Soriano, Barrow; Palacio. All. Mihajlovic. 

Arbitro: Federico La Penna di Roma1. Assistenti: Enrico Caliari (Legnago) e Lorenzo Gori (Arezzo). IV Uomo: Lorenzo Maggioni (Can B, Lecco). Var: Gianpaolo Calvarese (Teramo). Avar: Daniele Bindoni (Arezzo).