Lun. Set 28th, 2020

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Bologna fc: una vittoria per la parte sinistra

3 min read
Le ultime notizie e le probabili formazioni di Bologna-Lecce di domani pomeriggio allo Stadio Dall'Ara di Bologna

Nicola Sansone ha segnato su rigore al Milan (foto pagina Facebook Bologna)

Ultima settimana dell’anomala stagione 2019-20 per l’intera Serie A: il Bologna, dopo due trasferte consecutive tra Milano e Bergamo, farà ritorno al Dall’Ara per ospitare il Lecce in una sfida valida per la 36ª giornata del massimo campionato. Calcio d’inizio fissato per le 17,15, diretta televisiva ad opera di Sky.

Migliorare lo score finale raggiunto nella scorsa stagione (44 punti, il record dell’era Saputo nella massima serie) e il posizionamento finale: questi i potenziali obiettivi alla portata del Bologna, il primo dei quali eguagliabile con almeno 2 punti nei prossimi 270 minuti, che vedranno gli uomini di Mihajlovic scendere in campo a Firenze e contro il Torino il 2 agosto, oltre che ovviamente contro i salentini domani pomeriggio. Assoluta bagarre invece per guadagnarsi la parte nobile della classifica, quella di sinistra: le squadre comprese tra il 9º posto occupato dall’Hellas Verona e il 14º dalla Sampdoria sono infatti racchiuse in 5 punti. 
Il Lecce giunge sotto le Due Torri senza possibilità di fare alcun calcolo: il successo dell’Udinese contro la Juventus ha di fatto salvato i friulani e lasciato il solo Genoa come avversario raggiungibile dai salentini. Gli uomini di Liverani distano 4 punti dalla permanenza nella categoria ma, avendo gli scontri diretti a sfavore contro il Grifone, il solco sale a 5 punti. Ragion per cui un qualsiasi risultato diverso dalla vittoria inguaierebbe in maniera praticamente definitiva i pugliesi.

Sfida davvero giovane in Serie A: sono infatti appena 12 i precedenti tra le due compagini sotto le Due Torri nella massima serie. L’ultimo dei 7 successi di padroni di casa risale alla stagione 2010-11, con il 2-0 maturato nel finale di gara ad opera di Marco Di Vaio ed Henry Gimenez. Il più recente dei 4 pareggi è da ricondurre allo 0-0 della nefasta stagione 2004-05, mentre l’unico colpo ospite in Emilia giunse con lo 0-2 della stagione 2011-12 firmato da Giacomazzi e da Grossmuller.

Capitolo formazioni: la lista degli indisponibili in settimana si è allargata anche a Tomiyasu, con il giapponese che ha concluso anzitempo la stagione al pari di Bani e di fatto anche di Schouten, ancora ai box. 
Scelte dunque pressoché obbligate in difesa: rispetto a Bergamo le novità riguarderanno le corsie difensive, occupate da Mbaye e Dijks in luogo di Tomiyasu e Krejci. Confermata invece la coppia Danilo-Denswil al centro del reparto.
In mediana sono in quattro in corsa per due posti: Medel e Svanberg, titolari in coppia allo Stadio Atleti Azzurri d’Italia, sono rispettivamente in vantaggio su Poli e Dominguez.
Rotazioni previste in avanti: Orsolini e Sansone riprenderanno il proprio posto al fianco del trequartista Soriano scalzando Skov Olsen e Palacio, quest’ultimo ovviamente gestito vista l’età non più verdissima. Ecco dunque che, conseguentemente, Barrow dovrebbe slittare al centro dell’attacco.

Formazione a trazione anteriore per il Lecce, e non potrebbe essere altrimenti: davanti a Gabriel agiranno sulle corsie difensive Rispoli e Donati, con Lucioni e l’ex Paz (ancora di proprietà del Bologna) a completare la retroguardia.
Mediana a 3 per i salentini, con Petriccione supportato dalle mezzali Majer e Barak, mentre in avanti un altro ex come Filippo Falco viaggia verso la panchina: Saponara e capitan Matteo Mancosu – fratello del Matteo transitato con poco successo per Bologna e ora alla Virtus Entella – saranno infatti i due trequartisti a supporto di Lapadula.Ecco le probabili formazioni e il gruppo della direzione arbitrale.

BOLOGNA (4-2-3.1): Skorupski, Mbaye, Danilo, Denswil, Dijks; Medel, Svanberg; Orsolini, Soriano, Sansone, Barrow. All. Mihajlovic. 

LECCE (4-3-3): Gabriel; Rispoli, Lucioni, Paz, Donati; Majer, Petriccione, Barak; Saponara, Mancosu; Lapadula. All. Liverani.

Arbitro: Gianpaolo Calvarese di Teramo. Assistenti: Ciro Carbone (Napoli) e Alessandro Lo Cicero (Brescia). IV Uomo: Juan Luca Sacchi (Can B, Macerata). Var: Piero Giacomelli (Triste). Avar: Alberto Tegoni (Milano).