Lun. Set 28th, 2020

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Bologna fc, per un finale in crescendo

4 min read
Le ultime notizie e le probabili formazioni di Fiorentina-Bologna di questa sera allo Stadio Franchi di Firenze

Roberto Soriano(Foto Il Messaggero)

Penultimo atto del campionato di Serie A 2019-‘20: quasi tutti i verdetti sono stati stabiliti, resta da decretare quale squadra accompagnerà Spal e Brescia in Serie B, con il Lecce di fatto condannato, e chi tra Roma e Milan dovrà passare dai preliminari di Europa League.
All’apparenza dunque nessun obiettivo concreto per il Bologna, ospite questa sera della Fiorentina al Franchi, con calcio d’inizio alle 21,45 e diretta televisiva di Sky. La realtà parla invece di una volata a 8 squadre per accaparrarsi il miglior posizionamento possibile in classifica, ovvero l’ottavo posto.
Quali le motivazioni? Oltre alla possibilità di saltare anche i primi due turni di Coppa Italia, una fetta dei proventi per i diritti televisivi viene ripartita tra le squadre in base al loro posizionamento finale in classifica: più nel dettaglio, tra l’8° posto, al momento occupato dal Sassuolo, e il 15° posto della Sampdoria – l’ultima squadra che potenzialmente potrebbe sopravanzare il Bologna in classifica – balla una differenza, infatti, di circa 6 milioni di euro. In un calciomercato che sarà ovviamente condizionato dagli effetti del Covid-19, tutti ambiscono chiaramente ad avere qualche risorsa economica in più a disposizione.
Il Bologna, al momento decimo, incasserebbe circa 9 milioni di euro: avanzando di due posizioni andrebbe ad ottenere quasi 2 milioni di euro in più. Più di qualche rimpianto per i 2 punti lasciati a Parma ma, allo stesso tempo, la consapevolezza di aver raccolto domenica i 3 punti in una ripresa in cui il Bologna ha realmente rischiato di uscire a mani vuote dalla sfida contro il Lecce. 
L’avversario di turno si è rimesso in carreggiata dopo un inizio di stagione a dir poco stentato: Beppe Iachini, alla guida della Viola proprio dalla gara d’andata contro il Bologna, ha raccolto 26 punti in 19 gare e migliorato la situazione di classifica ereditata da Vincenzo Montella, capace di raccogliere appena 17 punti nelle prime 17 uscite. Il buon lavoro in riva all’Arno potrebbe non bastare al tecnico piceno per meritarsi la conferma: Marco Giampaolo o Eusebio Di Francesco i principali indiziati a prenderne il posto, entrambi comunque in lizza per la panchina del Torino.
I precedenti al Franchi non fanno sorridere: in serie A, in 39 dei 68 precedenti si sono imposti i padroni di casa, due stagioni or sono si rivelarono decisivi Chiesa e capitan Pezzella, intervallati dalla prima rete in rossoblù di Palacio. Sono 13 i pareggi, il più recente dei quali maturato con lo 0-0 dello scorso torneo sotto un violento nubifragio, mentre per tornare all’ultimo dei 16 successi felsinei bisogna risalire a nove anni fa: 2-1 con le reti decisive di Gimenez e Di Vaio.
Capitolo formazioni: il Bologna ritrova Schouten, di nuovo tra i convocati a 20 giorni dall’ultima sfida giocata contro il Sassuolo, ma perde per infortunio Krejci e per squalifica Palacio, in diffida e ammonito contro il Lecce. All’assenza dei due giocatori sopracitati bisogna ovviamente sommare quelle note di Bani e Tomiyasu. Difesa, dunque, ridotta ai minimi termini e conseguentemente scelte obbligate: davanti a Skorupski agiranno Danilo e Denswil come coppia centrale, supportati ai lati da Mbaye e Dijks.
In mezzo al campo, al fianco di Medel, si dovrebbe rivedere dall’inizio Dominguez: il giovane talento ex-Velez è infatti avanti nel ballottaggio con Svanberg, titolare nelle ultime uscite.
Possibili modifiche al reparto offensivo: principale dubbio sull’out di destra, con il ballottaggio Orsolini-Skov Olsen che questa volta deve davanti l’azzurro. Sulla trequarti Soriano, spazio sulla sinistra a Sansone e a Santander come riferimento centrale con Barrow destinato, almeno dall’inizio, alla panchina.
La Viola dovrebbe confermare il 3-4-3: davanti a Terracciano, ancora una volta titolare complice l’indisponibilità di Dragowski, spazio al terzetto formato da Milenkovic, Pezzella e Caceres.
La linea a 4 di centrocampo dovrebbe essere formato dai difensori Lirola e Dalbert (verso la panchina Duncan e Ghezzal) sulle corsie e la coppia Pulgar-Castrovilli in mezzo: Chiesa e Ribery gli esterni offensivi a supporto di Vlahovic, quest’ultimo avanti nel serratissimo triplo ballottaggio comprendente proprio l’attaccante serbo, Kouamè e Cutrone. Ecco le probabili formazioni e il gruppo della direzione arbitrale.

FIORENTINA (3-4-3): Terracciano; Milenkovic, Pezzella, Caceres; Lirola, Pulgar, Castrovilli, Dalbert; Chiesa, Vlahovic, Ribery. All. Iachini.

BOLOGNA (4-2-3.1): Skorupski, Mbaye, Danilo, Denswil, Dijks; Medel, Dominguez; Orsolini, Soriano, Sansone; Santander. All. Mihajlovic. 

Arbitro: Marco Di Bello di Brindisi. Assistenti: Domenico Rocca (Catanzaro) e Orlando Pagnotta (Can B, Nocera Inferiore). IV Uomo: Daniele Doveri (Roma1). Var: Gianpaolo Calvarese (Teramo). Avar: Rodolfo Di Vuolo (Castellammare di Stabia).