Lun. Set 28th, 2020

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

De Silvestri vuol riabbracciare Mihajlovic

3 min read
La scheda di Lorenzo De Silvestri, prossimo giocatore del Bologna fc

Lorenzo De Silvestri ha praticamente raggiunto l'accordo per giocare a Bologna per i prossimi due anni (foto pagina Facebook Lorenzo De Silvestri).

Lorenzo De Silvestri è praticamente il secondo acquisto ufficiale della sessione estiva del Bologna: il primo, il giovane difensore Luis Binks, è stato prelevato dal Montreal Impact e contestualmente lasciato in prestito alla stessa formazione canadese sino alla fine del 2020. 

L’accordo tra le parti è stato raggiunto sulla base di un contratto biennale con opzione per il terzo anno: il giocatore percepirà circa 1 milione di euro netti a stagione, cifra comprensiva di bonus. Un importo a metà strada tra quanto richiesto inizialmente dallo stesso giocatore (1,3 milioni) e quanto invece offerto dalla società rossoblù, circa 800.000 euro. L’esterno romano giungerà sotto le Due Torri a parametro zero: il suo contratto con il Torino è infatti in scadenza il 31 agosto, termine ultimo dell’anomala stagione sportiva 2019-20, per cui l’accordo avrà valenza a partire dal primo giorno di settembre. 

La buona riuscita della trattativa è stata fortemente indirizzata dalla guida tecnica del Bologna, ovvero Sinisa Mihajlovic con cui De Silvestri ha stretto un rapporto fortissimo e con cui ha vissuto assieme le esperienze di Firenze, Genova sponda blucerchiata e Torino sponda granata: non è infatti un caso che sotto il tecnico serbo abbia disputato, tra Serie A e Coppa Italia, 132 delle sue 397 gare di club da professionista.

Terzino destro possente e di stazza – 186 centimetri per 84 chili – De Silvestri ha costruito una soddisfacente carriera basandosi sulla propria duttilità tattica: il classe 1988 è stato, infatti, impiegato con ottimi risultati sia come esterno in una difesa a 4, sia come esterno di una mediana a 5, con alle spalle dunque una difesa a 3. Nel Bologna è chiaramente destinato a prendere il posto da titolare a Tomiyasu, con il giapponese pronto a slittare al centro del reparto, secondo l’idea tattica del tecnico. Un vero e proprio agonista per Sinisa Mihajlovic, De Silvestri è pronto a mettersi al servizio dei compagni con le proprie discese e le proprie incursioni in area avversaria, sfruttando anche l’abilità nel gioco aereo e la propria pericolosità sui calci piazzati.

Esperienza da vendere per De Silvestri, 32 anni compiuti lo scorso 23 maggio: tra Lazio, Fiorentina, Sampdoria e Torino sono 342 le gare giocate in Serie A, 36 in Coppa Italia e 15 tra la soppressa Coppa Intertoto, la Champions League e l’Europa League, con uno score totale di 26 reti messe a segno e di 27 assist. Un giocatore realmente affidabile, oltre 30.000 minuti giocati indicano un impiego medio di 76 minuti per gara, ragion per cui ovunque è risultato prima scelta e dunque praticamente sempre titolare, infortuni a parte. Nel proprio palmares, a livello di club, la Coppa Italia 2008-09 vinta con la Lazio allora guidata dall’ex tecnico rossoblu Delio Rossi.

De Silvestri ha inoltre giocato in tutte le nazionali giovanili azzurre, oltre ad annoverare qualche presenza anche con la nazionale maggiore: 62 i gettoni a livello giovanile, togliendosi la soddisfazione del bronzo agli Europei Under 17 del 2005 e la partecipazione alle Olimpiadi del 2008 a Pechino. Minori soddisfazioni con i grandi: 6 presenze totali, tra amichevoli e qualificazioni a Europei e Mondiali, senza però prendere parte alla fase finale di alcuna competizione internazionale.