Mer. Dic 2nd, 2020

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Trasferta Olimpica per il Bologna fc

4 min read
Le ultimissime notizie e le probabili formazioni di Lazio-Bologna di domani sera allo Stadio Olimpico di Roma.

Nicola Sansone dovrebbe trovare spazio in Coppa Italia (foto pagina Facebook Bologna)

Sabato sera in campo per il Bologna, ospite della Lazio in uno dei quattro anticipi della 5ª giornata: calcio d’inizio previsto per le ore 20.45, diretta televisiva ad opera di Dazn. Un anticipo che si è reso necessario alla luce della gara infrasettimanale di Coppa Italia dei rossoblù, impegnati in Coppa Italia martedì alle 15 tra le mura amiche contro la Reggina. In questo caso non è prevista alcuna copertura televisiva da parte di Rai Sport, emittente detentrice dei diritti televisivi e in streaming della competizione.

Prima di proiettarsi alla sfida contro la formazione calabrese spazio al campionato, e non potrebbe essere altrimenti: la bruciante sconfitta contro il Sassuolo presenta diverse sfaccettature, poichè maturata dopo un’ora di assoluto livello e un’ultima mezzora in cui Mihajlovic non ha certo abdicato ai propri principi calcistici pur di difendere il vantaggio. Insomma, lo scenario perfetto per un’accesa discussione tra “risultatisti” e “giochisti”: probabilmente nel breve periodo determinate scelte possono rappresentare un azzardo, ma inserite nel medio-lungo termine possono rappresentare una strada potenzialmente redditizia. Anche perché non si avranno certo sempre di fronte Milan e Sassuolo, le prime della classe dopo 4 giornate e le formazioni più lanciate nel calcio post-lockdown.

Proprio il lockdown ha invece posto un freno alla Lazio, a fine febbraio ancora in corsa per lo scudetto: i biancocelesti hanno comodamente conquistato una qualificazione in Champions League, competizione in cui hanno debuttato con un prestigioso successo contro il Borussia Dortmund per 3-1. Una vittoria utile a ridare fiducia e morale a una formazione proveniente dal pesante 3-0 subito a Genova dalla Sampdoria e più in generale reduce da appena 4 punti nei primi 360 minuti di campionato.

Sono 67 i precedenti, nella massima serie, disputati all’Olimpico: in 36 circostanze hanno avuto la meglio i padroni di casa, con il 2-0 dello scorso fine febbraio quale ultimo confronto. L’ultimo dei 19 pareggi risale allo spettacolare 3-3 del maggio 2019, fondamentale per consegnare la salvezza aritmetica ai rossoblù con 90’ di anticipo rispetto al termine del campionato. Sono appena 12 i successi ospiti: 8 anni fa l’ultima gioia, nel 3-1 con cui la compagine di Pioli si impose sul campo dell’allora squadra guidata da Edy Reja.

Capitolo formazioni: non si svuota l’infermeria bolognese, ancora popolata da Dijks, Medel, Poli e Skov Olsen. Perlomeno evita di finire in lista infortunati De Silvestri, uscito anzitempo nella sfida contro il Sassuolo: a metà settimana è rientrato in gruppo e si gioca un posto con Mbaye sulla fascia destra del reparto difensivo. Il resto della retroguardia è praticamente obbligato: Skorupski tra i pali, Tomiyasu-Danilo al centro e il giovane Hickey confermato sulla sinistra. Nessuna variazione prevista nella zona mediana del campo, cambiamento a sorpresa invece in avanti: Schouten e Svanberg comporranno la cinta in mezzo al campo. Ancora panchina per Dominguez, non a suo agio in uno schieramento tattico che prevede solamente due uomini davanti alla difesa. Davanti il trio composto da Orsolini-Soriano-Sansone alle spalle di Palacio: solo panchina dunque per Barrow, verso una maglia da titolare Sansone. Ma attenzione alla mina vagante Vignato: proprio all’Olimpico e contro la Lazio trovò la prima rete da professionista nel 2019, quando ancora vestiva la maglia del Chievo.

Diverse defezioni e giocatori ancora in dubbio per Simone Inzaghi: Pereira, Radu, Lulic e Proto non saranno sicuramente della contesa, recuperano in extremis invece Lazzari ed Escalante, entrambi verso la convocazione per la panchina. Non sembra al meglio Milinkovic-Savic, per via di una forte contusione all’anca rimediata in Champions League: il centrocampista serbo dovrebbe stringere i denti ed essere regolarmente in campo. Consueto 3-5-2 per Simone Inzaghi. davanti all’esperto Reina spazio al terzetto formato da Patric, Luiz Felipe ed Acerbi, con Marusic e Fares ad agire da esterni di centrocampo. Lucas Leiva, Milinkovic-Savic (in preallarme Akpa Akpro, a segno contro il Borussia Dortmund) e Luis Alberto a completare il cuore del reparto centrale. Da valutare la spalla di Immobile in avanti: serratissimo ballottaggio tra Correa e Muriqi. Giocasse l’attaccante kosovaro sarebbe una classica squadra a due punte, mentre se scendesse in campo l’attaccante sudamericano ecco che partirebbe alle spalle dell’attaccante campano.

Ecco le probabili formazioni e il gruppo arbitrale.

LAZIO (3-5-2): Reina; Patric, Luiz Felipe, Acerbi; Marusic, Milinkovic-Savic, Lucas Leiva, Luis Alberto, Fares; Immobile, Correa. All. S. Inzaghi

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; De Silvestri, Tomiyasu, Danilo, Hickey; Svanberg, Schouten; Orsolini, Soriano, Sansone; Palacio. All. Mihajlovic.

Arbitro: Massimiliano Irrati di Pistoia. Assistenti: Valentino Fiorito (Salerno) e Andrea Zingarelli (Siena). IV Uomo: Federico Dionisi (L’Aquila). Var: Pier Silvio Mazzoleni (Var Pro, Bergamo). Avar: Rodolfo Di Vuolo (Castellammare di Stabia).