Lun. Mag 17th, 2021

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Bologna fc: un Toro da incornare

4 min read
Le ultimissime notizie e le probabili formazioni di Torino-Bologna di domani sera allo Stadio Olimpico Grande Torino di Torino.

Sinisa Mihajlovic, tecnico del Bologna (Foto Bologna Fc 1909)

Penultimo appuntamento di un 2020 calcistico sicuramente particolare: il Bologna sarà di scena allo stadio Olimpico Grande Torino contro i granata padroni di casa, con calcio d’inizio fissato per le ore 12.30 di domani e copertura televisiva ad opera di Dazn.
La reazione de La Spezia nella ripresa ha spazzato via qualsiasi dubbio: la squadra è con il proprio allenatore. Lo testimonia il fatto che sotto 2-0 a 20 minuti dal termine della gara, con 26 giornate ancora da disputare ed una lunghissima lista infortunati per molte squadre sarebbe stato più facile arrendersi. Il Bologna, invece, ha dimostrato compattezza di gruppo, trovando il 2-2 e non pago catapultandosi in avanti alla ricerca di un successo poi sfumato dal dischetto. La sfida con i granata rappresenta un’occasione per mettere fieno in cascina ad una classifica comunque che non desta troppe preoccupazioni: il 2020 si chiuderà infatti ricevendo l’Atalanta, non scintillante in campionato sinora ma pur sempre agli ottavi di Champions League. 
L’avversario di turno giace in fondo alla classifica assieme al Crotone: curiosamente un anno e mezzo fa la stessa rosa otteneva la qualificazione ai preliminari di Europa League. Poi la brusca fine dell’era Mazzarri, la travagliata era Longo ed ora Giampaolo, allenatore di sistema che richiede lunghi tempi d’adattamento e certamente non favorito da una squadra non propriamente congeniale alle sue proposte di gioco. Difficile, poi, in queste condizioni far girare la squadra senza un vero e proprio precampionato. Il Torino però è una squadra viva da prendere con le molle, e lo dimostra la reazione avuta sotto 3-0 e in inferiorità numerica contro la Roma: i granata hanno trovato il 3-1 e sfiorato il 3-2 che avrebbe incredibilmente riaperto la contesa.
Sono ben 62 precedenti tra le due formazioni nel capoluogo piemontese e nella massima serie: in 32 circostanze si sono imposti i padroni di casa, l’ultima delle quali l’1-0 maturato lo scorso anno con un rete di Berenguer, all’interno di una gara dominata in lungo ed in largo dal Bologna. Il più recente dei 20 pareggi risale al 2009: in un vero e proprio scontro salvezza il Bologna usci indenne dall’Olimpico grazie al rigore trasformato da Di Vaio nel finale. I successi sotto la Mole sono appena 10: nel marzo 2019 il Bologna si impose per 3-2 al cospetto di una squadra allora in corsa addirittura per la zona Champions League, una delle tante vittorie di una cavalcata che negli ultimi 3 mesi di campionato ha portato in dote alla classifica del Bologna ben 26 punti con annessa entusiasmante salvezza.
Capitolo formazioni: Schouten, Skov Olsen e Sansone, in settimana i principali indiziati per recuperare almeno per la panchina contro il Torino, difficilmente saranno della gara. Tutti e tre hanno infatti svolto allenamento differenziato nella giornata di venerdi, ragion per cui al pari di Orsolini, Hickey, Mbaye, Skorupski e Santander non saranno a disposizione contro i granata.
Conferma tra i pali per Da Costa, avanti nel ballottaggio con Ravaglia: per quanto concerne il reparto difensivo, qualora uno tra Denswil e Dijks fosse pienamente recuperato per giocare dall’inizio ecco che Tomiyasu tornerebbe a far coppia al centro con Danilo e l’ex De Silvestri a completare il quartetto. In caso contrario il calciatore nipponico partirebbe ancora sull’out di sinistra, con Paz in mezzo assieme all’ex Udinese.
In mediana si va verso il tandem formato da Svanberg e Dominguez, con Medel e Poli quali arma tattiche da poter utilizzare a gara in corso: scelte ancora una volta obbligate in avanti, con Vignato, Soriano e Barrow alle spalle di Palacio a trainare ancora una volta la carretta, stante ovviamente le numerose defezioni offesive.
Giampaolo potrebbe optare ancora una volta optare per il “mazzarriano” 3-5-2: il tecnico granata ha visto aggiungersi Singo e Ansaldi alla lista degli indisponibili, il primo per espulsione e il secondo per l’ennesimo infortunio. I due esterni si raggiungono Ujkani, Murru, Baselli, Zaza e Millico, mentre resta il dubbio legato alla posizione di Verdi che vuole esserci almeno per la panchina.
Tra i pali si rivede Sirigu, panchinato a Roma in favore di Milinkovic-Savic (fratello del più noto centrocampista della Lazio): il trio difensivo dovrebbe essere formato da Nkoulou in mezzo, supportato ai lati dai brasiliani Bremer e Lyanco.
In mediana ci saranno Vojvoda e Rodriguez come esterni di centrocampo, di fatto gli unici a disposizione del tecnico nato in Svizzera: il cuore del reparto dovrebbe essere invece composto dal vertice basso Rincon e dalla coppia di mezzali formata da Linetty e Lukic, mentre in avanti il duo offensivo sarà composto dallo scatenatissimo Belotti e da Bonazzoli.

Ecco le probabili formazioni e il gruppo arbitrale.

TORINO (3-5-3): Sirigu; Bremer, NKoulou, Lyanco; Vojvoda, Lukic, Rincon, Linetty, Rodriguez; Bonazzoli, Belotti. All. Giampaolo.

BOLOGNA (4-2-3-1): Da Costa; De Silvestri, Danilo, Paz, Tomiyasu; Svanberg, Dominguez; Vignato, Soriano, Barrow; Palacio. All. Mihajlovic.

Arbitro: Fabrizio Pasqua di Tivoli. Assistenti: Matteo Passeri (Gubbio) e Enrico Caliari (Legnago). IV Uomo: Federico La Penna (Roma1). Var: Fabio Maresca (Napoli). Avar: Mauro Galetto (Rovigo).