Lun. Mar 1st, 2021

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Le PAGELLE di GENOA-BOLOGNA 2-0

3 min read
Giocatore per giocatore le pagelle dei calciatori del Bfc dopo Genoa-Bologna 2-0 della 17ª giornata di serie A

Takehiro Tomiyasu giocherà sulla fascia contro il Benevento (foto www.bolognafc.it)

DA COSTA 6. Ancora una respinta che porta al gol avversario, questa volta, però, il tiro di Zappacosta è talmente ravvicinato che è difficile fargliene una colpa. In precedenza due buone parate, seppur non impossibili. Poi, ovviamente, non può nulla su Destro, tutto solo da due passi.

TOMIYASU 5,5. Sulla fascia destra imperversa assieme a Orsolini anche se le condizioni tragiche del campo non gli permettono di usare tutta la qualità di cui dispone. Qualche intervento più preciso in difesa non guasterebbe.

DANILO 5. La difesa balla e la sua guida comunque è costretto a fare il capro espiatorio ma del resto sono gli oneri e gli onori dell’esperienza.

PAZ 5. Impreciso e costretto a soffrire la presenza attiva e costante di Shomurodov dalla sua parte: anche nell’azione dell’1-0 è lui che dà il là bruciando proprio Paz una volta entrato in possesso di palla. Dal 36’ st Poli sv. La partita ormai si è conclusa.

HICKEY 5. Non è una giornata memorabile, non riesce a spingere come spera Mihajlovic e vede i sorci verdi dal punto di vista difensivo contro Zappacosta e Shomurodov. Dal 15’ st Dijks 5. Entra, ha una mezzoretta ma non incide. 

DOMINGUEZ 5. Un decoroso primo tempo con alcune trame interessanti: purtroppo è parte attiva nel gol che sblocca il risultato  a favore del Genoa, proprio allo scadere, un gol che indirizza chiaramente la partita.

SCHOUTEN 4. Un disastro che consente a Destro di segnare – ed esultare – il 2-0 (e il sesto gol stagionale) contro la sua ex squadra: subisce il pressing del nuovo entrato Eyango che gli tocca la palla quel tanto che basta per servire l’ex bolognese, questa volta decisamente rimpianto. Dal 15’ st Barrow 5,5. Con lui in campo, la squadra cambia completamente assetto ed è molto offensiva, ma del resto non ha molto senso difendere il doppio svantaggio.

ORSOLINI 5. Un gran bel tiro nel primo tempo, con un gran salvataggio di Perin: sembrava l’inizio di una bella storia, invece la musica si è fatta via via più confusa. Dal 29’ st Skov Olsen 4,5. Entra ma non riesce a fare nulla di rilevante.

SORIANO 5. Assieme a Palacio dovrebbe essere lui il faro della squadra ma non riesce praticamente mai a fare la differenza e alla fine il Bologna non vince da otto turni, un’enormità che fa sprofondare i rossoblù emiliani nuovamente nella zona caldissima della graduatoria.

VIGNATO 5,5. Almeno ci prova: non è forse ancora prontissimo a questi livelli, ma si farà: certo, il Bologna non ha più tanto tempo da perdere, perché la classifica inizia a farsi davvero insidiosa.

PALACIO 5. Lui ci prova sempre ma una punta di movimento come lui fatica davvero tanto contro una difesa munita e attenta come quella genoana. Dal 36’ st Rabbi sv. Un po’ di respiro per Palacio ma senza la possibilità di incidere.

ALLENATORE MIHAJLOVIC 5,5, Otto partite senza vittoria si fanno sentire e non poco: sembrava aver trovato la via giusto con lo 0-0 di Firenze, invece la squadra è ricaduta pesantemente sui suoi errori e sprofondata in una situazione di classifica che si fa davvero pericolosa.

ARBITRO DOVERI 6. Un arbitro che fa sempre giocare ma comunque non fa danni particolari.

Genoa: Perin 6,5; Bani 6,5, Radovanovic 7, Masiello 6,5; Zappacosta 6,5, Berhami 6 (1’ st Eyango 7, 29’ st Lerager 6), Badelj 7, Zajc 7, Criscito 6,5 (1’ st Ghiglione 6,5); Destro 7 (41’ st Melegoni sv), Shomurodov 7 (36’ st st Pjaca sv). All. Ballardini 7.