Lun. Mar 1st, 2021

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Le PAGELLE di BOLOGNA-HELLAS VERONA 1-0

3 min read
Giocatore per giocatore le pagelle dei calciatori del Bfc dopo Bologna-HellasVerona 1-0 della 18ª giornata di serie A

Riccardo Orsolini ha segnato su rigore contro l'Hellas Verona

SKORUPSKI 7. Torna e dà un certo ordine alla difesa che aveva decisamente bisogno di sicurezza assoluta alle proprie spalle. Esce bene, come sempre, anche con la testa fuori area, a metà del secondo tempo, poi, si supera in un intervento quasi miracoloso con Kalinic lanciato a rete.

DE SILVESTRI 6. Uomo di mestiere che tiene la posizione e sa come dare la miglior palla ai compagni quando la squadra è in uscita. Positivo.

DANILO 6,5. L’HellasVerona non fa molto per metterlo in crisi ma lui tiene bene al centro, anche per il filtro interessante e dinamico proposto dai due centrocampisti di fronte a lui.

TOMIYASU 7. Prestazione convincente al centro della difesa ed è una delle prime volte in questo ruolo: gioca molto d’anticipo e la fa vedere davvero poco ai rivali che gli si parano di fronte.

DIJKS 6,5. Fa il suo sulla fascia: mette in mezzo palloni interessanti e lotta come un leone. Quando c’è, il suo peso si sente. Eccome si sente.

DOMINGUEZ 6,5. Non fa sfracelli ma fa quello di cui ha bisogno il Bologna che aiuta a percorrere il giusto cammino. Giorno dopo giorno si sta conquistando la fiducia dell’ambiente e un posto in sole in questa squadra che esalta, comunque, il lavoro dei giovani. Dal 30’ st Svanberg 6,5. La coppia centrale di centrocampo ricostituita regala un finale più tranquillo di quel che si poteva immaginare.

SCHOUTEN 7. Torna e la differenza si vede subito: la squadra gira decisamente meglio e lui recupera palloni su palloni, senza sprecarne mai nessuno.

ORSOLINI 7. Vivace e produttivo: lo si vede dalle prime battute e non potrebbe essere diversamente con il commissario tecnico della Nazionale, Roberto Mancini che lo osserva – non solo lui naturalmente – da vicino. Dal 30’ st Skov Olsen 6.Non fa proprio benissimo quando entra in una gara certamente non facile in quel momento perché l’HellasVerona spinge e il Bologna si ritira verso la propria area.

SORIANO 7. Non fa cose clamorose, come doppiette o grandi assist, ma è un valore aggiunto per il Bologna – non si scopre certo oggi – e porta a spasso per tutto il campo i suoi marcatori, facendo saltare, almeno nel primo tempo, il piano tattico di Juric.

VIGNATO 6. La classe c’è e si vede: la sua giovinezza e versatilità ne fanno comunque un giocatore molto importante per questo Bologna anche se ogni tanto commette ancora qualche ingenuità evitabile. Dal 38’ st Sansone sv. Entra a gara ormai quasi decisa.

BARROW 6. Da lui ci si aspettano gol e sgroppate, ma sembra faticare a trovare la via della rete in una stagione come questa nella quale ci si aspettava tanto da lui. Dal 30’ st Palacio 6. Entra e viene subito colpito da Soriano nei gioielli di famiglia e non è proprio il massimo: per un turno rifiata e per il suo apporto alla squadra è certamente un bene.

ALLENATORE MIHAJLOVIC 6,5, Rispetto alle ultime gare, l’approccio alla partita è decisamente superiore con la squadra che sembra avere una gran voglia di segnare sin dal primo minuto e non aspetta di essere sotto nel risultato.

ARBITRO MARIANI 6,5. Il rigore che sblocca il risultato è talmente solare che non è neppure il caso di parlarne, per il resto una direzione pulita senza troppi errori.

HellasVerona: Silvestri 6,5; Dawidowicz 6 (44’ st Bessa sv), Gunter 5,5, Magnani 6; Faraoni 5,5, Ilic 5, Lazovic 6, Dimarco 5,5 (24’ st Colley 5); Barak 6, Zaccagni 5; Kalinic 5 (24’ st Di Carmine 5). All. Juric 5,5.