Lun. Mag 17th, 2021

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Bfc all’assalto della capolista Milan

4 min read
Le ultimissime notizie e le probabili formazioni di Bologna-Milan in programma domani pomeriggio allo Stadio Dall'Ara di Bologna

Musa Barrow gioca nuovamente al centro dell'attacco(foto pagina Facebook Bologna fc)

Via alle danze del girone di ritorno: il Bologna ospiterà il Milan al Dall’Ara, con calcio d’inizio fissato per le ore 15 di domani e diretta televisiva su Sky. 

Come spesso accade contro le big, il Bologna è uscito da Torino senza sfigurare: dopo un primo tempo oggettivamente migliore da parte dei bianconeri, nella prima metà della ripresa i rossoblù hanno dato l’idea di poter agguantare il pareggio prima di soccombere dinnanzi alla superiorità di una Juventus comunque lontana parente di quella arraffatutto vista all’opera nelle scorse stagioni. La classifica resta interlocutoria: la distanza dalla parte sinistra e da quella calda è la medesima: 6 punti. Nella seconda parte di stagione, magari accompagnati da miglior fortuna per quanto concerne gli infortuni, il Bologna è chiamato quantomeno ad avvicinare, se non a replicare, lo score e l’andamento dello scorso torneo. 

Capitolo mercato: ufficiale la firma di Paolo Faragò, il cui innesto chiude il cerchio dell’operazione che ha portato invece Arturo Calabresi a indossare il rossoblu del Cagliari. Nessun movimento in vista in attacco: l’unico potenziale spiraglio potrebbe portare a Gianluca Scamacca, anche se la pista che conduce al classe 1999 in forza al Genoa presenta diversi ostacoli, su tutti la concorrenza sul giocatore e sulla valutazione che ne fa il Sassuolo. La Juventus è infatti molto interessata al profilo ma non vorrebbe obbligarsi al suo riscatto ad una cifra comunque elevata (sui 20 milioni di euro). Ad una cifra inferiore il Bologna sarebbe pronto a sostenere un investimento a medio-lungo termine da caricare sui futuri bilanci. 

L’avversario di turno del Bologna è una vera e propria macchina da guerra. Il Milan è stato capace di raccogliere 88 punti in campionato negli ultimi 12 mesi: tuttavia in settimana però, va registrato il doppio scivolone, prima in campionato contro l’Atalanta e poi nel derby di Coppa Italia, condizionato dall’inferiorità numerica per l’espulsione del suo leader Ibrahimovic e perso in rimonta. Ecco dunque che i rossoneri scendono a Bologna con l’intento di ripartire verso uno scudetto che avrebbe, per certi versi, del clamoroso.

Al Dall’Ara andrà in scena una classica del nostro campionato: negli 82 precedenti disputati nella massima serie e sotto le Due Torri il Bologna si è imposto 32 volte, ma il successo manca dalla stagione 2001-‘02, con un 2-0 che lanciò il Bologna in solitaria al 4° posto, poi sfumato in extremis a Brescia. Sono 21 i pareggi, con lo scialbo 0-0 della stagione 2018-19 quale ultimo precedente, mentre il 2-3 dello scorso torneo ha consegnato ai rossoneri il 29º successo nel capoluogo emiliano. 

Possibile qualche cambiamento nell’undici titolare rispetto a quello inizialmente sceso in campo contro la Juventus: in difesa potrebbe scoccare l’ora di Soumaoro dal 1°minuto al fianco di Danilo. In questo caso Tomiyasu occuperebbe il ruolo di terzino destro, con Dijks sulla sinistra a completare il pacchetto difensivo a supporto di Skorupski. In mezzo al campo l’inamovibile Schouten dovrebbe essere accompagnato da Dominguez, in vantaggio nel ballottaggio con Svanberg. E veniamo al dubbio offensivo: continuerà l’esperimento di centralizzazione di Barrow o verrà accantonato in luogo della sicurezza Palacio? Il gambiano sembra destinato ancora una volta ad occupare il ruolo di riferimento centrale, con l’esperto attaccante argentino verso la panchina, mentre per quanto riguarda il secondo e ultimo ballottaggio offensivo si potrebbe rivedere dall’inizio Sansone in luogo di Vignato sull’out di sinistra. Sicuri dell’impiego invece Orsolini e Soriano, rispettivamente riferimento laterale destro e trequartista del reparto offensivo rossoblù.

Il Milan sconta diverse assenze rilevanti: Kjaer in difesa, Calhanoglu sulla trequarti e molto probabilmente Brahim Diaz, riserva del calciatore turco. In difesa spazio alla new entry Tomori, arrivato in prestito dal Chelsea, che agirà al fianco di Romagnoli, con Calabria e Theo Hernandez a presidiare le corsie difensive.

In mezzo al campo di fatto la coppia formata da Kessie e Tonali, con Meite e Bennacer verso la panchina: sulla trequarti ballottaggio Rebic-Krunic con il primo favorito e accompagnato ai lati da Saelemaekers e Leao, di supporto alla punta Zlatan Ibrahimovic. Ecco le probabili formazioni e il gruppo arbitrale.

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski, Tomiyasu, Danilo, Soumaoro, Dijks; Schouten, Dominguez; Orsolini, Soriano, Sansone; Barrow. All. Mihajlovic.

MILAN (4-2-3-1): Donnarumma; Calabria, Tomori, Romagnoli, Hernandez; Tonali, Kessie; Saelemakers, Rebic, Leao; Ibrahimovic. All. Pioli.

Arbitro: Daniele Doveri di Roma1. Assistenti: Seergio Ranghetti (Chiari) e Dario Cecconi (Empoli). IV Uomo: Francesco Fourneau (Roma1). Var: Luca Pairetto (Nichelino). Avar: Alessandro Giallatini (Roma2).