Lun. Mag 17th, 2021

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Bologna Fc: un Toro da matare

4 min read
Le ultimissime notizie e le probabili formazioni di Bologna-Torino in programma domani allo Stadio Dall'Ara di Bologna

Davide Nicola, piemontese e tecnico del Torino (foto pagina Facebook Torino Fc).

Neanche il tempo di godersi il successo contro lo Spezia per il Bologna, chiamato a scendere in campo nel turno infrasettimanale contro il Torino al Dall’Ara: calcio d’inizio fissato per le 20,45 di domani sera, con diretta televisiva su Sky.

Buona la terza: il Bologna regola dopo due incroci stagionali lo Spezia, regalandosi la possibilità di competere per un piazzamento finale nella parte sinistra della classifica. Una corsa che prosegue a braccetto con Sampdoria e Udinese, entrambe uscite vincitrici dai rispettivi confronti nell’ultimo turno, e che potrebbe vedere coinvolto l’Hellas Verona, sempre più vicino al terzetto precedentemente citato. Una corsa probabilmente platonica ma allo stesso tempo utile a certificare la costanza di una squadra che riesce a tenersi lontana dalle zone calde in un campionato che, negli ultimi anni, riserva sempre più casi di club di media caratura in lotta per la salvezza. 

L’avvento di un vecchio cuore Toro, squadra per la quale ha sempre tifato sin da bambino – è nato a Luserna San Giovanni – come Davide Nicola sulla panchina del Torino e, in contemporanea gli innesti di Mandragora, Sanabria e il reintegro di N’Koulou in rosa, hanno radicalmente cambiato la stagione dei granata. Sono 17 i punti raccolti nelle 12 panchine del tecnico piemontese, che tra l’altro fu determinante per la promozione in serie A del primo Torino del presidente Cairo nella sua unica stagione in maglia granata dell’intera carriera. La media punti (1,42 a gara) di Nicola è raddoppiata rispetto a quella del suo predecessore Giampaolo che si era fermato a 0,72, frutto di 13 punti in 18 partite. Poco spazio all’estetica: a suon di pragmatismo, organizzazione e quantità, la salvezza sembra sempre più vicina. 

Una classica della massima serie in scena al Dall’Ara: nei 62 precedenti il Bologna si è imposto per 33 volte, l’ultima delle quali nella stagione 2016-17 con la rete di Dzemaili e curiosamente con il Torino guidato proprio da Sinisa Mihajlovic. Sono 17 i pareggi complessivi, con Zaza a rispondere all’iniziale vantaggio rossoblù firmato da Svanberg nell’ultima sfida disputata ad agosto. L’ultimo successo granata risale al gennaio 2016: in quel caso fu Belotti a regalare ai granata i 3 punti in extremis ai danni del Bologna neopromosso. 

Capitolo formazioni: Tomiyasu ancora out, il risentimento muscolare al polpaccio non è ancora guarito del tutto e dunque non verrà rischiato contro i granata. All’assenza del giapponese bisogna ovviamente sommare quelle note di Medel, Santander e Hickey.
Quali cambiamenti contro il Torino? Partendo dalla difesa Antov è pronto a rilevare Danilo e Mbaye a prendere il posto di De Silvestri: verso la conferma Skorupski tra i pali e Dijks sulla sinistra.  Poche modifiche anche a centrocampo ed in attacco: in mediana la staffetta Dominguez-Svanberg dovrebbe vedere dall’inizio il centrocampista svedese e ancora una volta dalla panchina quello argentino, mentre non si tocca Schouten. In avanti conferma per Orsolini, a segno dopo 9 gare, con l’unica novità rappresentata da Sansone in luogo di Palacio: con il Trenza in panchina ecco che Barrow agirebbe da riferimento centrale. Ovvia la conferma per Soriano sulla trequarti.

Squadra che vince non si cambia per Nicola, ancora alle prese con la positività al Covid di Sirigu: tra i pali dunque spazio a Vanja Milinkovic-Savic, fratello minore del più noto centrocampista della Lazio, supportato da Izzo, N’Koulou e Bremer.Mediana a cinque composta da Singo e Ansaldi – di fatto due difensori – come esterni di centrocampo, con Rincon, Mandragora e l’ex Verdi nel cuore del reparto: proprio l’ex di turno di parte granata è stato reinventato da Nicola, per ora con successo, nelle vesti di mezzala. Sanabria e Belotti agiranno nelle vesti di punte: particolare attenzione da prestare all’ex Betis, vero e proprio trascinatore dei granata e, a gennaio, sogno proibito del Bologna. Ecco le probabili formazioni e il gruppo arbitrale.

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; De Silvestri, Antov, Soumaoro, Dijks; Schouten, Dominguez; Skov Olsen, Soriano, Sansone; Palacio. All. Mihajlovic.

TORINO (3-5-3): Milinkovic-Savic; Izzo, N’Koulou, Bremer; Singo, Rincon, Mandragora, Verdi, Ansaldi; Sanabria, Belotti. All. Nicola.

Arbitro: Valerio Marini di Roma1. Assistenti: Ciro Carbone (Napoli) e Pasquale Capalbo (Napoli). IV Uomo: Antonio Rapuano (Rimini). Var: Maurizio Mariani (Aprilia). Avar: Mauro Galetto (Rovigo).