Lun. Mag 17th, 2021

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Le PAGELLE di BOLOGNA-FIORENTINA 3-3

3 min read
Giocatore per giocatore le pagelle dei calciatori del Bfc dopo Bologna-Fiorentina 3-3 della 34ª giornata di serie A

Rodrigo Palacio

Le PAGELLE di UGO BENTIVOGLI

SKORUPSKI 5,5. L’uscita che vale il terzo vantaggio viola è davvero sciagurata: quando il portiere lascia la linea di porta la palla deve essere sua in qualunque modo e maniera.

TOMIYASU 5,5. Non è il miglior Tomiyasu e si sapeva, però qualcosa in più avrebbe potuto fare pur non demeritando in senso assoluto. Dal 31’ st Skov Olsen 6. Entra quando la squadra deve rimontare lo svantaggio, non fa grandi cose, ma lo scopo è stato raggiunto.

DANILO 5,5. L’inizio del Bologna non è propriamente dei migliori e anche lui fatica come tutta la squadra, del resto. Poi si riprende ma nel secondo tempo si fa bruciare da Vlahovic in occasione del terzo gol della Fiorentina.

SOUMAORO 5,5. Certo, il rigore andrebbe evitato, ma oggi per i difensori è davvero molto difficile: per il resto mette il fisico e la qualità difensiva al servizio della squadra.

DE SILVESTRI 5,5. Fatica sotto la spinta della Fiorentina, e a sinistra patisce un po’ la pressione avversaria, anche lui come la squadra si riprende alla distanza ma è dalla sua parte che arriva il cross di Venuti che 

SVANBERG 5. Con un insolito compagno di centrocampo, fatica un po’ a trovare le giuste misure e le giuste distanze poi, però, come tutta la squadra del resto, si ritrova, ma purtroppo si fa prendere alle spalle da Bonaventura alle sue spalle che vale il secondo vantaggio della Fiorentina. 

SORIANO 6. Sfiora il gol con un inserimento dei suoi ma non riesce a dare il solito contributo in fase offensiva, comprensibile vista la posizione tenuta in campo ma anche le geometrie non lo vedono brillare come al solito.

ORSOLINI 5,5. Non riesce a incidere sulla gara come potrebbe e dovrebbe un giocatore con il suo talento e la sua qualità.

VIGNATO 9. Una grande giornata la sua: una partita che meritava di essere vista anche soltanto per l’imbucata che regala a Palacio il gol del pari, replica poi pennellando sulla testa del Trenza la palla del secondo pareggio, facendo poi il tris, ancora con un’imbucata fantastica per il 3-3. Bravo, davvero bravo. E salva il 2-4 con un prodigioso recupero in velocità su Vlahovic lanciato in contropiede. Dal 45’ st Juwara sv. La gara è finita, ma l’applauso dei presenti per Vignato era obbligatorio.

BARROW 5,5. Avrebbe un paio di occasioni per far male agli ospiti ma non sempre riesce a pungere come potrebbe e dovrebbe un giocatore con il suo fisico e la sua qualità. 

PALACIO 9. Va in gol grazie a due inserimenti perfetti, e in mezzo a queste due magnifiche segnature, arriva un meraviglioso colpo di testa: è davvero lui il giocatore in grado di sapere fare le cose difficili e lascia agli altri quelle più semplici. E Vignato lo serve sempre alla perfezione, per farlo diventare il giocatore più vecchio a segnare una tripletta in serie A. 

ALLENATORE MIHAJLOVIC 6,5. Sorpreso, come tutto il Bologna, dalla partenza dei toscani, poi la squadra si riprende, sale in cattedra Vignato, una scelta tutta del tecnico felsineo. 

ARBITRO DIONISI 5. Personalmente questi rigori non li fischierei mai perché è impossibile difendere con le braccia attaccate al corpo, come richiede il regolamento odierno. Tuttavia, alla luce di questo regolamento, la mano di Soumaoro è troppo larga, ma al tempo stesso Venuti su Vignato andava punito con un rigore, visto che il bolognese aveva preso posizione.

Fiorentina: Dragowski 6; Milenkovic 5, Ge. Pezzella 5, Caceres 5,5; Venuti 6,5, Amrabat 6, Pulgar 6, Bonaventura 6,5 (37’ st Castrovilli sv), Biraghi 6,5 (24’ st Igor 5,5); Ribery 6 (32’ st Kouamè 5,5), Vlahovic 7. All. Iachini 6,5.