Mar. Giu 15th, 2021

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Bologna fc: in vacanza a Verona

4 min read
Le ultimissime notizie e le probabili formazioni di Hellas Verona-Bologna in programma domani sera Stadio Bentegodi di Verona.

Federico Dimarco difensore-goleador dell'Hellas Verona (foto pagina Facebook Nella Verona Fc).

Ultimi 180 minuti della Serie A 2020-21: ancora da emettere i verdetti legati all’ultima squadra retrocessa, con il Benevento principale indiziato non potendo inoltre più dipendere da se stesso, oltre alle tre squadre che accompagneranno l’Inter in prossima Champions League, con Atalanta, Milan nonchè Napoli padrone del proprio destino e la Juventus praticamente fuori dai giochi. In tutto questo il Bologna, da diverse settimane in salvo, farà visita all’Hellas Verona nel posticipo del domani sera, con calcio d’inizio fissato per le ore 20,45 e diretta su Sky.

Allo stadio Bentegodi è in palio un platonico ma comunque sempre meritevole 10º posto: con 2 vittorie nelle ultime 2 uscite il Bologna chiuderebbe sicuramente nella parte sinistra della classifica, alla luce di una classifica avulsa favorevole nei confronti degli scaligeri e dell’Udinese. Un altro tema, secondario ma non troppo, è legato ai ricavi rispetto al posizionamento finale in campionato: tra il 10° e il 14° posto, potenziali piazzamenti finali in classifica del Bologna, ballano infatti circa 2 milioni di euro. Cifre magari trascurabili nelle scorse stagioni, meno in bilanci pesantemente condizionati dagli effetti del Covid.

L’Hellas Verona, dopo un girone d’andata alle soglie dell’Europa, ha vissuto un ritorno con il freno a mano tirato: in queste 17 giornate solo le ultime 3 squadre in classifica hanno infatti raccolto meno punti. Nulla chiaramente che possa intaccare il giudizio sull’operato di Juric, vero e proprio Re Mida, il cui futuro nella città di Giulietta e Romeo sembra tutto meno che scontato. 

Nei 21 precedenti disputati al Bentegodi, nel massimo campionato, da registrare ben 11 pareggi, l’ultimo dei quali nella 1ª giornata della stagione 2019-20. Sono 6 i successi per gli scaligeri, con il pirotecnico 5-4 del maggio 2001 quale ultima vittoria per i padroni di casa, mentre sono solo 4 le affermazioni degli ospiti, con il 3-2 in rimonta maturato nel novembre 2017 dall’allora squadra guidata da Donadoni. 

Capitolo formazioni: Medel in settimana è tornato regolarmente in gruppo con i compagni, per cui la lista degli indisponibili ad oggi annovera i noti – e irrecuperabili – Dominguez, Hickey e Santander. Non al meglio Svanberg e Danilo a causa di postumi dettati dal turno infrasettimanale, ma entrambi dovrebbero essere almeno in panchina.

Tra i pali spazio ancora una volta a Ravaglia al posto di Skorupski: il classe 1999 vuole sfruttare le occasioni concesse da Mihajlovic per guadagnarsi le redini di dodicesimo in vista della prossima stagione. A caccia di conferma anche Antov, il cui riscatto dal Cska Sofia sembra oggi meno sicuro di qualche settimana fa: il giovane centrale bulgaro dovrebbe rilevare Danilo e schierarsi al fianco di Soumaoro, con Tomiyasu e Dijks sull’esterno a completare il pacchetto arretrato.
L’eventuale impiego di Vignato delineerà centrocampo e trequarti: con il giovane italobrasiliano in campo ecco che Soriano agirebbe in mediana al fianco di Schouten, con Svanberg inizialmente dalla panchina, mentre un’esclusione dell’ex Chievo vedrebbe ovviamente Soriano riportato nelle vesti di sottopunta e lo svedese al fianco dell’olandese. Quanti ballottaggi in avanti: Skov Olsen dovrebbe rilevare Orsolini sull’out di destra, serratissimo duello tra Barrow e Sansone per la maglia sull’out di sinistra, mentre sembra fuori discussione la titolarità del sempreverde Palacio.

L’Hellas sconta le assenze di Vieira e Benassi, il che lascia l’imbarazzo della scelta a Juric: tra i pali spazio al giovane croato Pandur, il cui impiego al posto di Silvestri indica chiaramente l’addio estivo dell’ex Leeds United. Cinque i giocatori in lotta per le tre maglie da titolare in difesa: Ceccherini, Gunter e Dimarco avanti, ad inseguire il polacco Dawidowicz e Magnani. I sempre pericolosi Faraoni e Lazovic agiranno sulle corsie esterne di centrocampo, con Ilic e Tameze da interni: sulla trequarti spazio a Barak e Zaccagni a supporto di Kalinic.

Ecco le probabili formazioni e il gruppo arbitrale.

VERONA (3-4-2-1): Pandur; Ceccherini, Gunter, Dimarco; Faraoni, Ilic, Tameze, Lazovic; Barak, Zaccagni; Kalinic. All. Juricic.

BOLOGNA (4-2-3-1): Ravaglia; Tomiyasu, Antov, Soumaoro, Dijks; Schouten, Soriano; Skov Olsen, Vignato, Barrow; Palacio. All. Mihajlovic.

Arbitro: Matteo Marchetti di Ostia Lido. Assistenti: Christian Rossi (La Spezia) e Daisuke Emanuele Yoshikawa (Roma1). IV Uomo: Lorenzo Illuzzi (Molfetta). Var: Davide Ghersini (Genova). Avar: Mauro Galetto (Rovigo).