Dom. Ott 17th, 2021

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Le PAGELLE di BOLOGNA-SALERNITANA 3-2

3 min read
Giocatore per giocatore le pagelle dei calciatori del Bfc dopo Bologna-Salernitata 0-0 della 1ª giornata di serie Tim.

De Silvestri, un passato nelle giovanili della Lazio (Foto Bologna FC 1909)

Le PAGELLE di RICCARDO RIMONDI

SKORUPSKI 6. Incolpevole sulle due reti, nel primo tempo reattivo su una velenosa punizione di Bonazzoli deviata da Soriano

DE SILVESTRI 7. La prima doppietta in serie A, nelle vesti di capitano e nel momento di maggior difficoltà della squadra: come ripartire dopo una personale annata in chiaroscuro.

MEDEL 6,5. Sa sempre come cavarsela grazie a letture difensive di altissimo livello. Da valutare la sua permanenza: se fisicamente integro si tratta di un giocatore a cui è difficile rinunciare.

BONIFAZI 6. Riscatta la prova negativa contro la Ternana uscendo spesso vincitore dai duelli contro i centravanti avversari.  

HICKEY 5,5. Discreto in fase di spinta, in sofferenza quando gli avversari scendono dalla sua parte: era pur sempre al rientro dopo sei mesi di assenza. Dal 10′ st Vignato 6,5. Accende la luce con la propria pulizia e la propria visione di gioco.

SCHOUTEN 5. Vero che serve ad Arnautovic il pallone del 2-2, ma l’ennesima ingenuità condanna i compagni ad un finale di gara vietato ai deboli di cuore: un secondo giallo francamente evitabile. 

DOMINGUEZ 6. Meglio nel primo tempo, quando sfiora il gol di testa ben servito da Arnautovic: cala nella ripresa, seppur provi a restare dentro la sfida con la solita garra che lo contraddistingue. Dal 40′ st Svanberg sv.

ORSOLINI 6. In una gara confusionaria e con diversi errori ha comunque il merito di servire a De Silvestri l’assist della vittoria. Dal 40′ st Skov Olsen sv.

SORIANO 5. Molta fatica nel trovare spazio tra le linee e ad inizio ripresa si rende suo malgrado protagonista del colpo a Djuric che mette in salita la gara del Bologna: per sua fortuna i tre punti arrivano comunque.

BARROW 5. Prestazione impalpabile di un giocatore che, va detto, ha visto la propria preparazione estiva condizionata dalla positività al Covid. Dal 10′ st Sansone 6,5. Assieme a Vignato accende la squadra con la propria imprevedibilità: dai suoi piedi il corner del primo pareggio) 

ARNAUTOVIC 7. Prima si mette al servizio dei compagni, mettendo di fatto Dominguez nelle condizioni di colpire a porta sguarnita, poi si mette in proprio e timbra il ritorno in Serie A con una rete da centravanti vero. Dal 40′ st Van Hoojidonk sv.

ALLENATORE MIHAJLOVIC 6. Nella prima ora di gioco l’impressione di una squadra in difficoltà, agitata ed incapace di trovare spazi tra le linee anche a causa di una Salernitana ben compatta ed organizzata: nella ripresa indovina i cambi e la squadra risale la china dopo aver visto i fantasmi di una sconfitta all’esordio. Con fatica e tra mille ostacoli arrivano i tre punti, ciò che contava per davvero oggi.  

ARBITRO RAPUANO 6. Al Dall’Ara in scena una gara certamente non cattiva ma in cui il fischietto romagnolo è spesso costretto ad intervenire: il metro adottato è tutto sommato coerente. Il VAR lo richiama per il colpo di Soriano comminato a Djuric: una situazione del genere nel calcio odierno, con la tecnologia a disposizione, porta al rigore. Nulla da eccepire sulle tre espulsioni.

SALERNITANA: Belec 6, Gyomber 5.5, Strandberg 4, Jarozynski 5 (38′ st Schiavone sv) Kechrida 6 (31′ st Zortea sv), L. Coulibaly 5,5, Capezzi 6 (38′ st Obi sv), M. Coulibaly 6,5, Ruggeri 6,5, Djuric 5 (19′ st Simy 5), Bonazzoli 6,5. All. Castori 5,5.