Dom. Ott 17th, 2021

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Le PAGELLE di ATALANTA-BOLOGNA 0-0

3 min read
Giocatore per giocatore le pagelle dei calciatori del Bfc dopo Atalanta-Bologna 0-0 della 2ª giornata di serie Tim.

Un'immagine di Atalanta-Bologna (foto pagina Facebook Bologna fc).

Le PAGELLE di RICCARDO RIMONDI

SKORUPSKI 6. Incredibile a dirsi, ma il pomeriggio del portiere polacco in quel di Bergamo trascorre serenamente, ad eccezione di una velenosa conclusione di Gosens ben controllata.

DE SILVESTRI 6,5. Dalle sue parti si muovono costantemente Gosens, un vero e proprio treno, e la punta più impattante della nostra Serie A come Muriel: prova superata a pieni voti.

MEDEL 7. L’MVP di giornata del Bologna: letture egregie che gli permettono di anticipare costantemente gli avversari. Un giocatore del genere, se integro fisicamente, difficilmente perde la titolarità.

BONIFAZI 6,5. Prova solida del difensore ex Udinese, ordinato in difesa e propositivo qua e là con qualche incursione offensiva.

HICKEY 6,5. Se la cava alla grande contro uno dei migliori esterni dell’ultimo Europeo come Maehle: bravissimo nel primo tempo a controllare una conclusione respinta da Skorupski. Dal 35′ st Soumaro sv.

DOMINGUEZ 7. Un vero e proprio recuperatore di palloni: tanta sostanza ed equilibrio offerti al centrocampo e all’intera squadra.

KINGSLEY 6. Non è Schouten in fase di costruzione e palleggio e si vede: seppur macchinoso contribuisce a respingere gli attacchi avversari. Dal 15′ st Vignato 6. Utilizzato nell’occasione più come interno di centrocampo, l’impressione è che non sarà l’unica volta in stagione.  

SVANBERG 6. Fatica a trovare la posizione ideale in campo nel primo tempo, meglio nella ripresa quando cresce di gamba. 

ORSOLINI 5. Spreca nel primo tempo la più ghiotta occasione rossoblu e in assoluto della gara: si perde in tante imprecisioni e preziosismi francamente evitabili. Dal 26′ st Skov Olsen 6,5. Come un gol la perfetta diagonale con cui anticipa Gosens pronto a colpire a rete indisturbato.

ARNAUTOVIC 6. Non è al meglio fisicamente ma si mette al servizio dei compagni come cucitore di gioco, tenendo impegnata la retroguardia avversaria.

SANSONE 6,5. Tanta quantità e sacrificio, oltre al bel pallone in mezzo ad inizio gara che avrebbe potuto cambiare l’andamento e forse l’esito della stessa. Dal 35′ st Tomyasu sv.

ALLENATORE MIHAJLOVIC 6,5. Il tecnico serbo, forse anche alla luce di diverse assenze e di alcuni giocatori non al meglio, manda in campo una squadra ordinata e compatta, con le giuste distanze tra i reparti e così evita di concedere spazi ad una squadra che sa sempre come sfruttare determinate occasioni. Un punto da squadra matura: quando non si può vincere si può sempre cercare di uscire dal campo con un risultato positivo che fa classifica e morale.

ARBITRO ORSATO 6,5. Non è un caso che sia indicato come il miglior arbitro sulla scena italiana: quando può lascia giocare, quando deve intervenire sa sempre come farsi comprendere e rispettare dai protagonisti in campo.

ATALANTA: Musso 6, Toloi 6, Palomino 6.5, Djimsiti 5.5, Maehle 6 (40′ st Zappacosta sv), Pasalic 6, Freuler 6,5 (29′ st Miranchuk 5,5), Gosens 6, Malinovskyi 6 (20′ st Pessina 5,5), Ilicic 6, Muriel 5,5 (29′ st Piccoli 6). All. Gasperini 6.