Dom. Ott 17th, 2021

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Bologna Fc: prova del nove contro l’Hellas Verona

3 min read
Le ultimissime notizie e le probabili formazioni di Bologna-Hellas Verona in programma domani allo Stadio Dall'Ara di Bologna

De Silvestri, un passato nelle giovanili della Lazio (Foto Bologna FC 1909)

La Serie A torna nuovamente in campo dopo la sosta di inizio settembre dedicata alle Nazionali: gli azzurri di Roberto Mancini sono – di fatto – padroni del proprio destino, poiché basterà non perdere contro la Svizzera e fare il proprio dovere a Belfast per staccare il biglietto per il Qatar. Tornando al massimo campionato, il Bologna ospiterà l’Hellas Verona nel Monday Night che chiuderà il 3° turno: calcio d’inizio fissato per domani sera alle ore 20,45, diretta televisiva sia su Sky, sia su Dazn.

La classifica del Bologna sorride più delle prestazioni messe in mostra nei primi 180 minuti: deficitaria seppur fruttuosa quella contro la Salernitana, praticamente rinunciataria quella di Bergamo seppur con diverse attenuanti, su tutte le assenze e il valore dell’avversario. Contro l’Hellas Verona un’occasione per restare nelle parti nobili della classifica, ma sarebbe un errore soffermarsi solo sullo score degli scaligeri: gli uomini di Di Francesco si sono infatti resi protagonisti di prestazioni importanti al cospetto di Sassuolo e Inter, gare nelle quali hanno dimostrato di saper creare occasioni e colpire ma anche denotato una fase difensiva da correggere.

Da registrare 22 precedenti tra le due formazioni in terra emiliana, ovviamente prendendo ad esame solo quelli in Serie A: 10 i successi del Bologna, l’ultimo dei quali maturato di misura nella scorsa stagione grazie al rigore trasformato da Orsolini. L’ultimo degli 8 pareggi risale alla stagione 2019-20 ed è stato firmato da Bani e Borini, mentre il più recente successo gialloblù risale alla stagione 2015-16 quando la rete dell’attuale difensore dell’Udinese Samir consegnò il quarto successo ai veneti.

Capitolo formazioni: nessuna squalifica o assenza legata a infortuni per il Bologna, una vera e propria notizia. In difesa Mihajlovic ritrova Dijks ma sulla fascia sinistra dovrebbe vedersi ancora una volta Hickey, con De Silvestri sulla corsia opposta e la coppia centrale formata da Bonifazi e Medel, questo nonostante il cileno venga dalle fatiche con la propria nazionale. Nuovamente a disposizione in mezzo al campo Schouten, pronto ad essere affiancato da Svanberg in vantaggio su Dominguez: da valutare la posizione di Soriano, se impiegato come vertice alto o più interno con gli altri due centrocampisti. Ma, come sempre, va ricordato che non sono i moduli a fare la differenza ma l’interpretazione che ne dà la squadra. In avanti confermati Orsolini e Arnautovic, la terza opzione dovrebbe portare al ritorno di Barrow dall’inizio in luogo di Sansone.

Diversi cambiamenti previsti anche per il Verona: davanti a Montipò spazio al terzetto difensivo formato da Gunter, Dawidowicz e Magnani, con l’atalantino Sutalo verso la panchina.

Titolari inamovibili i due esterni Faraoni e Lazovic, la coppia centrale dovrebbe essere formata da Veloso di ritorno dalla squalifica e da Tameze: pronti a subentrare Ilic, all’occorrenza trequartista, e Hongla. L’addio di Zaccagni mischia le carte in avanti: Barak e la new entry Caprari dovrebbero agire a supporto dell’altro innesto scaligero, quel Simeone prelevato dal Cagliari. Ecco le probabili formazioni e il gruppo arbitrale.

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski, De Silvestri, Medel, Bonifazi, Hickey; Svanberg, Schouten, Soriano; Orsolini, Arnauotivc, Barrow. All. Mihajlovic.

HELLAS VERONA (3-4-2-1): Montipò, Gunter, Dawidowicz, Magnani; Faraoni, Veloso, Tameze, Lazovic; Barak, Caprari; Simeone. All. Di Francesco.

Arbitro: Ivano Pezzuto di Lecce. Assistenti: Giovanni Baccini (Conegliano) e Filippo Bercigli (Firenze). IV Uomo: Francesco Cosso (Reggio Calabria). Var: Luigi Nasca (Var Pro, Bari). Avar: Fabiano Preti (Mantova).