Dom. Ott 17th, 2021

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Le PAGELLE di BOLOGNA-HELLAS VERONA 1-0

3 min read
Giocatore per giocatore le pagelle dei calciatori del Bfc dopo Bologna-Hellas Verona 0-0 della 1ª giornata di serie Tim.

Mattias Svanberg, match-winner contro il Verona.

Le PAGELLE di RICCARDO RIMONDI

SKORUPSKI 6,5. Spettatore di fatto non pagante, eccezion fatta per una precisa e tempestiva uscita bassa su Simeone. Meglio di altre volte con i piedi.

DE SILVESTRI 6,5. Non si collezionano mica per caso un totale di presenze pari a dieci stagioni in Serie A: solido in difesa e quando può si spinge volentieri in avanti.

MEDEL 7. Letture difensive eccelse: sempre al posto giusto nel momento giusto, non sbaglia mai un intervento. Se sta bene la sua titolarità è fuori discussione.

BONIFAZI 6. Per poco non combina il patacrac facendosi rubare palla da Simeone, ma Skorupski salva tutto. Nulla da eccepire del resto, sempre attento e puntuale oltre a non disdegnare qualche sortita offensiva.

HICKEY 6. Si ritrova a dover fronteggiare un cliente scomodo come Faraoni: poco supportato da Barrow in fase difensiva, in un modo o nell’altro comunque se la cava.

DOMINGUEZ 7. Prova sublime a livello tattico: scherma tutto il possibile davanti alla difesa e dal suo recupero palla parte l’azione del vantaggio. La speranza è che sia la stagione della sua definitiva esplosione.

SVANBERG 7. Fatica a trovare la posizione ideale in campo, ma nel finale è l’uomo decisivo con la conclusione che porta i tre punti ai compagni. 

ORSOLINI 5,5. A sua parziale discolpa l’aver avuto effettivamente pochi palloni giocabili: in particolare deve trovare la giusta intesa con Arnautovic. Dal 22′ st Skov Olsen 6. Di testa sfiora la rete che avrebbe chiuso la contesa in anticipo.

SORIANO 6,5. Uomo ovunque del Bologna: solo un palo esterno gli nega la gioia del gol. Quando c’è da battagliare con gli avversari non si sottrae, risultando preziosissimo per la squadra.

BARROW 5,5. Prova a dialogare con i compagni e a farsi vedere, ma di fatto si nota solo per una bella conclusione nel primo tempo e per una ghiotta occasione sprecata nella ripresa. Dal 22′ st Sansone 6,5. Entra con il giusto piglio: nel finale sfiora il punto del 2-0.

ARNAUTOVIC 6,5. Nonostante la marcatura strettissima di Gunter riesce a rendersi prezioso per i compagni, trovando prima Soriano nel primo tempo e soprattutto servendo a Svanberg l’assist del gol-vittoria. Dal 45′ st SANTANDER sv. 

ALLENATORE MIHAJLOVIC 6,5. Il più grande cambiamento rispetto alla scorsa stagione sembra essere dettato dalla gestione dei ritmi, alzati nei giusti momenti della gara. Una squadra forse meno bella, pur senza snaturarsi più di tanto, ma sicuramente più compatta e concreta. Da vedere se si tratterà di una metamorfosi temporanea o di un cambiamento duraturo. 

ARBITRO PIZZUTO 5,5. Una direzione di gara mai del tutto lineare e convincente in una gara che non era certo difficile da arbitrare. Nel recupero, per fortuna del Bologna, di fatto non si è mai giocato.

HELLAS VERONA: Montipò 6, Dawidowicz 5,5 (1′ st Magnani 6), Gunter 6,5, Casale 6 (30, st Ceccherini 6), Faraoni 6, Tameze 5 (15′ st Hongla 4.5), Ilic 5.5 (37′ st Lasagna sv), Lazovic 5,5, Barak 5,5, Caprari 5,5 (30′ st Cancellieri 6), Simeone 5. All. Di Francesco 5.5.