Dom. Mag 22nd, 2022

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Bologna Fc: a Verona per ricominciare a vincere

3 min read
Le ultimissime notizie e le probabili formazioni di Hellas Verona-Bologna in programma oggi alle 20,45 allo Stadio Bentegodi di Verona.

Giovanni "Cholito" Simeone, pericolo numero uno per il Bologna questa sera (foto pagina Facebook ufficiale Hellas Verona)

Ultimo turno prima della sosta per le Nazionali di fine gennaio, principalmente fissata per le squadre con i giocatori impegnati in Coppa D’Africa: il Bologna sarà in campo questa sera al Bentegodi contro l’Hellas Verona nell’anticipo che aprirà la 23ª giornata di Serie A, con calcio d’inizio fissato per le ore 20,45 e diretta televisiva in contemporanea su Sky e Dazn.

L’euforia per una classifica che un mese fa vedeva il Bologna alle soglie dell’Europa ha lasciato spazio alle cinque sconfitte nelle ultime sei uscite che hanno riportato i rossoblù nei meandri centrali della graduatoria: il Covid ha certamente avuto il suo peso nelle ultime due uscite, ma principalmente il Bologna sta pagando un’offerta di calcio poco propositiva, scolastica e figlia degli episodi nelle singole gare. Momento di forma opposto in casa Hellas Verona, reduce dal successo in casa del Sassuolo: Tudor ha ripreso molti dei concetti di Juric, in particolare per quanto concerne un calcio aggressivo, coraggioso e pure più prolifico rispetto a quello del tecnico connazionale. 

Nei 22 precedenti disputati al Bentegodi, nel massimo campionato, da registrare ben 12 pareggi, l’ultimo dei quali è il 2-2 della scorsa stagione tra due squadre già salve da tempo. Sono 6 i successi per gli scaligeri, con il pirotecnico 5-4 del maggio 2001 quale ultima vittoria per i padroni di casa, mentre sono solo 4 le affermazioni degli ospiti, con il 3-2 in rimonta maturato nel novembre 2017 dall’allora squadra guidata da Donadoni.     

Sinisa Mihajlovic, rispetto alla gara contro il Napoli, ritrova Orsolini e Dijks ma perde De Silvestri: l’assenza dell’esperto difensore romano si va a sommare a quelle di Kingsley, Barrow, Mbaye, Santander e Soumaoro, quest’ultimo out per squalifica. Non al meglio le condizioni di Dominguez, giunto all’ultima gara prima dell’operazione alla spalla dolorante già calendarizzata che lo terrà fuori circa tre mesi, e nemmeno quelle di Arnautovic, che convive da tempo con un fastidioso dolore alla gamba.

Qualche cambiamento di formazione rispetto all’ultima gara di campionato, a partire dalla linea difensiva davanti a Skorupski, con Bonifazi e Medel al posto di Soumaoro e Binks e la conferma del solo Theate. L’assenza di De Silvestri riconsegna una maglia da titolare a Skov Olsen a destra, mentre a sinistra non si tocca Hickey: dovrebbe rivedersi Dominguez dall’inizio nel cuore del centrocampo, supportato da Svanberg e Soriano.

In avanti dovrebbe stringere i denti ancora una volta Arnautovic, al suo fianco Orsolini è avanti nel ballottaggio con Sansone per il ruolo di seconda punta.

Meno problemi di formazione per Tudor, a cui mancheranno i soli Frabotta, Dawidowicz e Hongla: tra i pali spazio a Montipò, in difesa Casale e Ceccherini agiranno ai lati di Gunter, perno dei tre della retroguardia. Linea a quattro formata da Faraoni e Lazovic, esterni a tutta fascia dal ritorno nella massima serie dell’Hellas: Ilic e Veloso da agire come interni, Barak e Caprari invece agiranno a supporto di Simeone.

Ecco le probabili formazioni e il gruppo arbitrale.

VERONA (3-4-2-1): Montipò; Casale, Gunter, Ceccherini; Faraoni, Ilic, Veloso, Lazovic; Barak, Caprari; Simeone. All. Tudor.

BOLOGNA (3-5-1): Skorupski; Bonifazi, Medel, Theate; De Skov Olsen, Svanberg, Dominguez, Soriano, Hickey; Orsolini, Arnautovic. All. Mihajlovic.

Arbitro: Matteo Gariglio di Pinerolo. Assistenti: Dario Cecconi (Empoli) e Fabrizio Lombardo (Cinisello Balsamo). IV Uomo: Matteo Marcenaro (Genova). Var: Piero Giacomelli (Trieste). Avar: Christian Rossi (La Spezia).