Dom. Mag 22nd, 2022

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Mercato Bfc: dalla serie B olandese arriva Denso Kasius

4 min read
Chi è Denso Kasius, il nuovo acquisto del Bologna Fc che arriva dal Volendam, formazione che partecipa alla serie B olandese
Kasius

Denso Kasius, nuovo acquisto del Bologna: arriva dal Volendam

Il Bologna sistema la fascia destra: salutato Andreas Skov Olsen, ceduto al Club Brugge in un’operazione a titolo definitivo per complessivi 8 milioni di euro, l’area mercato rossoblù ha provato a chiudere per Calvin Ramsay, terzino scozzese classe 2003 in forza all’Aberdeen, trovando però la resistenza del club scozzese, forte dell’interesse di squadre inglesi e tedeschi, per questo deciso a monetizzare la folta concorrenza magari nella prossima sessione estiva. Respinta dunque l’offerta del Bologna da circa 5 milioni di euro, tra prestito oneroso e obbligo di riscatto.

Ovviamente a certi livelli ci si tiene aperti più strade, per cui saltato l’affare Ramsay ecco che il Bologna si è buttato a capofitto su Denso Kasius, esterno olandese prelevato dal Volendam, prima forza della Eerste Divisie (la serie B olandese) ma di proprietà del più noto Utrecht, formazione di centroclassifica – ma buona tradizione – in Eredivisie: 2,5 milioni di euro l’ammontare complessivo dell’operazione per il giovane terzino olandese, ufficializzato dal Bologna nella tarda mattinata di oggi. Nessuna resistenza opposta dal Volendam, conscia dell’opportunità importante per il ragazzo.

Proprio ieri, giunto nel capoluogo emiliano, il ragazzo ha dovuto far fronte alle lusinghe in extremis del Bayern Monaco, da sempre attento ai giovani talenti in giro per il mondo: un corteggiamento alla fine respinto, anche perché nel proprio percorso di crescita è decisamente più utile giocarsi un posto da titolare in Serie A che essere relegati nelle squadre riserve o in prestito.

Classe 2002 e 19 anni compiuti lo scorso ottobre, il ragazzo ha fatto la trafila delle giovanili proprio nella città della squadra natale, l’FC Utrecht: l’esordio con in una prima squadra avviene nel gennaio 2020 nella seconda serie olandese con la maglia dello Jong Utrecht, chiaramente la squadra B della principale iscritta alla serie inferiore ed utile per dare minuti con i grandi ai propri giovani.

Kasius colleziona altre 6 presenze con lo Jong Utrecht prima di passare, nel gennaio 2021, in prestito al Volendem: nella seconda parte della stagione 2020-21 colleziona fin dal suo arrivo minuti importanti, come dimostrato dalle 15 presenze tra campionato e playoff, questi ultimi curiosamente disputati contro il Nac Breda in cui militava Van Hoojidonk, passato poi in estate ai rossoblù e oggi di nuovo in Olanda con la formula del prestito.

Nel suo primo semestre nella città che si affaccia sul lago Yssel, artificiale e uno dei più grandi d’Europa, segna 1 rete e fornisce 2 assist ma è nel secondo semestre che esplode: nelle 21 presenze della stagione 2021-22 si è imposto come uno dei migliori esterni della categoria, mettendo a segno 5 gol e offrendo 2 assist nelle vesti di terzino destro in una difesa a 4, un vero e proprio mantra del calcio olandese. Complessivamente dunque il giovane Kasius annovera 44 gettoni nei primi 2 anni da professionista, con un totale di 6 reti e 4 assist all’attivo. 

Giocatore fisicamente strutturato e di piede destro, tra i suoi punti di forza quello che salta immediatamente all’occhio è la velocità palla al piede: non è dunque un caso che un giocatore di gamba del genere, rapido e dal passo lungo emerga per le sue doti offensive e per una buonissima tecnica di base, per la capacità di dribblare e quella di lavorare sia nello stretto con passaggi corti sia nel lungo per rilanciare subito l’azione in avanti e, ultimo ma non ultimo, per potenza e precisione nelle conclusioni.

La propensione offensiva ovviamente presenta, difensivamente parlando, il conto: in particolare per quanto riguarda le letture in profondità alle spalle, dunque nella capacità di leggere le traiettorie avversarie. Giocatore su cui lavorare anche per quanto riguarda il gioco aereo e la necessità di affrontare i contrasti con gli avversari. 

Chiaramente Kasius dovrà adattarsi e ambientarsi in un nuovo contesto calcistico, ma la strada intrapresa del Bologna sembra quella giusta: inutile continuare a lavorare all’interno del 352 su un giocatore come Skov Olsen, nato come esterno offensivo e nella posizione di esterno di centrocampo chiaramente adattato. Molto meglio dunque provare a lavorare sulla base di un terzino da adattare nelle vesti di esterno tuttocampista: le sue caratteristiche e la sua conformazione fisica sembrano certamente più adatte al ruolo richiesto.