Dom. Mag 22nd, 2022

Tempi Supplementari

Lo sport a Bologna, soprattutto

Le PAGELLE di BOLOGNA-SPEZIA 2-1

3 min read
Giocatore per giocatore le pagelle dei calciatori del Bfc dopo Bologna-Spezia 2-1 della 26ª giornata di serie A Tim.

Marko Arnautovic giocherà la prima di Coppa Italia con la maglia del Bologna (foto pagina Facebook Bfc).

Le PAGELLE di RICCARDO RIMONDI


SKORUPSKI 6. Serata quasi inoperosa per lui: reattivo su Verde ad inizio gara, nel finale una bella uscita su Nzola a sventare un insidioso cross. 

BONIFAZI 6,5. Il più pimpante dei tre dietro: una gara in crescendo, fatta di chiusure e risalite palla al piede. Da un suo recupero palla il via all’azione del pareggio. Dal 19′ st Soumaoro 6. In un modo o nell’altro se la cava, reggendo l’urto in particolare nel finale di gara. 

BINKS 5,5. Concorso di colpa con Theate in occasione del vantaggio spezzino: più in generale sembra aver un’interpretazione del ruolo e della gara molto scolastica. Dal 25′ st Vignato 6. Entra nel momento in cui la squadra passa a quattro dietro: prova a darsi da fare.

THEATE 5,5. Rispetto al suo iniziale arrivo in Italia sembra aver perso tranquillità, sfrontatezza e sicurezza. Resta pur sempre un giocatore al primo anno in Serie A. 

DE SILVESTRI 6. Non è più il giocatore scintillante del girone d’andata, lui lo sa e prova a cavarsela con l’esperienza di tante battaglie. 

SORIANO 6,5. Nonostante le vesti di mediano riesce ad essere presente maggiormente tra le linee e dunque nel vivo del gioco: ispira assieme a Barrow l’azione del pareggio di Arnautovic. 

SCHOUTEN 6,5. La condizione migliora e con essa il rendimento in campo: prezioso in impostazione, abbassandosi e supportando la difesa, cosi come nelle chiusure e negli intercetti. 

HICKEY 6. Sua la palla persa da cui nasce il vantaggio spezzino, ma si riscatta con una prova solida e propositiva. 

ORSOLINI 6,5. Il grande peccato capitale è la libertà lasciata a Reca per crossare: si rifà nella metà campo avversaria, sfiorando la rete in due circostanze e creando diversi grattacapi alla difesa bianconera. Dal 42′ st Aerbischer sv.

ARNAUTOVIC 7,5. La doppietta, una traversa che ancora trema, una prova da leader tecnico e punto di riferimento che trascina la squadra ad un successo che mancava da due mesi. 

BARROW 6,5. Fatica a trovare la posizione in campo, ma riesce a rendersi utile servendo ad Arnautovic il filtrante del pareggio. Importante per il Bologna recuperare i suoi spunti e la capacità di colpire da fuori. Dal 25′ st Sansone 6,5. Delizioso e preciso il cioccolatino che Arnautovic scarta a dovere. 

ALLENATORE MIHAJLOVIC 6,5. I presupposti per una serata da dimenticare c’erano tutti: traversa di Arnautovic e di fatto sul ribaltamento di fronte il vantaggio spezzino. Ma il Bologna si ribella al momento difficile e alla sconfitta mettendo all’angolo lo Spezia, in particolare nella ripresa, anche grazie alle modifiche tattiche apportate dal tecnico serbo e dal suo staff tecnico (tre moduli cambiati) nel corso della gara. Una vittoria più netta di quanto non dica il punteggio finale.

ARBITRO MARINELLI 6. Il fischietto romano decide di lasciar giocare le due squadre, interrompendo la gara il meno possibile. Unico neo: fin troppo fiscale alla fine del primo tempo, quando non permette al Bologna di battere un calcio d’angolo guadagnato ampiamente in tempo. 

SPEZIA: Provedel 6, Ferrer 5,5, Erlic 5,5, Nikolau 4, Reca 6 (14′ st Bastoni 6), Sala 6 (35′ st Nguiamba sv), Kiwior 6, Gyasi 5,5, Maggiore 5,5 (20′ st Agudelo 5,5), Verde 6, Manaj 6,5 (35′ st Nzola sv). All. Motta 5,5.